Tata Steel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tata Steel
Logo
Logo
StatoIndia India
Borse valoriNSE: TATASTEEL
BSE: 500470
BSE SENSEX Constituent
S&P CNX Nifty Constituent
ISININE081A01012
Fondazione1907
Fondata daJamsetji Nusserwanji Tata
Sede principaleMumbai
GruppoTata
Persone chiaveNatarajan Chandrasekaran (presidente)
T. V. Narendran (Direttore manager, Tata Steel India & South East Asia)
Settoresiderurgia
Prodottiacciaio
Dipendenti74.000 (2017)
Sito webwww.tatasteel.com/

Tata Steel (ex Tata Iron and Steel Company Limited, abbreviato come TISCO) è una multinazionale indiana produttrice di acciaio con sede a Mumbai, Maharashtra, India e filiale del Gruppo Tata.

Si tratta di una delle principali aziende produttrici di acciaio a livello mondiale con annuali consegne di 23.88 milioni di tonnellate di acciaio grezzo (nel FY17), ed è la seconda società di acciaio più grande in India (misurata dalla produzione nazionale), con una capacità annua di 13 milioni di tonnellate[1].

Tata Steel ha attività produttive in 26 paesi, tra cui Australia, Cina, India, Paesi Bassi, Singapore, Thailandia e Regno Unito e impiega circa 74.000 persone. La sua più grande fabbrica si trova a Jamshedpur . Nel 2007 Tata Steel ha acquisito il produttore d'acciaio britannico Corus[2][3].

É 486° nella classifica Fortune Global 500, lista delle 500 più grandi società del mondo[4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Tata Iron and Steel Company è stata fondata da Jamshedji Tata e stabilite da Dorabji Tata il 26 agosto 1907, come parte del Jamshetji s' Tata Group[5][6][7]. Nel 1939 operò la più grande fabbrica di acciaio nell'Impero britannico. L'azienda ha lanciato un importante programma di modernizzazione e di espansione nel 1951. Successivamente nel 1958 il programma è stato aggiornato a 2 milioni di tonnellate metriche all'anno (MTPA)[5] .Nel 1970, l'azienda impiegava circa 40.000 persone a Jamshedpur, con altri 20.000 nelle miniere di carbone limitrofe[6]. Nel 1971 e nel 1979, ci sono stati dei tentativi per nazionalizzare l'azienda, ma sono falliti[6]. Nel 1990, ha iniziato il piano di espansione e ha istituito la sua controllata Tata Inc. a New York. La società ha cambiato nome da TISCO a Tata Steel nel 2005[8]. Nel 2015, Tata Steel ha annunciato l'acquisto di tre centri di servizi per nastri in Svezia, Finlandia e Norvegia da SSAB per rafforzare la propria offerta nella regione nordica. Tuttavia, non ha rivelato il valore delle transazioni[9].

Serie di acquisizioni[modifica | modifica wikitesto]

NatSteel nel 2004: nell'agosto 2004 Tata Steel ha accettato di acquisire le operazioni di fabbricazione dell'acciaio del NatSteel di Singapore per 486,4 milioni di $ in contanti.[10]. NatSteel aveva concluso il 2003 con un fatturato di 1,4 miliardi di $ e un utile prima delle imposte di 47 milioni di $[10]. Le attività di acciaio di NatSteel sarebbero gestite dalla società attraverso una filiale interamente controllata Natsteel Asia Pte Ltd[10]. L'acquisizione è stata completata nel febbraio 2005[11][12]. Al momento dell'acquisizione, NatSteel aveva Una capacità di circa 2 milioni di tonnellate all'anno di acciaio finito[12][13]

Millennium Steel nel 2005: Tata Steel ha acquisito una quota di maggioranza del Millennium Steel, produttore di acciaio in Thailandia, per un costo complessivo di 130 milioni di $. Ha pagato 73 milioni di $ a Siam Cement per una quota del 40% e ha offerto di pagare 1,13 baht per azione per un altro 25% delle azioni di altri azionisti[14][15]. Per l'anno 2004, Millennium Steel aveva un fatturato di 406 milioni di $ e un profitto dopo imposte di 29 milioni di $[13].Al momento dell'acquisizione, Millennium Steel è stata la più grande società di acciaio in Thailandia con una capacità di 1,7 milioni di tonnellate annue, per produrre nell'ambito dell'edilizia e l'ingegneria e per le industrie automobilistiche[13]. Millennium Steel è ora rinominato in Tata Steel Thailand e ha sede a Bangkok[16]. Il 31 marzo 2013, ha acquisito circa. 68% della società[2]

Corus nel 2007: Il 20 ottobre 2006, Tata Steel ha firmato un accordo con l'azienda anglo-olandese, Corus, per acquistare la quota del 100% a 4,3 miliardi di £ ed a 455 pence per azione[17]. Il 19 novembre 2006 la società brasiliana Companhia Siderúrgica Nacional (CSN) ha lanciato una contro offerta per Corus a 475 pence per azione, valutandola a 4,5 miliardi di £. L'11 dicembre 2006, Tata ha aumentato preventivamente la sua offerta a 500 pence per azione, che è scesa in poche ore da un'offerta CSN di 515 pence per azione, valutando l'accordo a 4,9 miliardi di £. Il consiglio di Corus ha immediatamente raccomandato sia le offerte rivedute ai propri azionisti. Il 31 gennaio 2007 Tata Steel ha vinto la propria offerta per Corus dopo aver offerto 608 pence per azione, valutando Corus a 6,7 miliardi di £ (12 miliardi di $).

Nel 2005, Corus impiegava circa 47.300 persone in tutto il mondo, di cui 24.000 nel Regno Unito[17]. Al momento dell'acquisizione, Corus era quattro volte più grande di Tata Steel, in termini di produzione annuale di acciaio. Corus è stato il 9 ° produttore più grande del mondo dell'acciaio, mentre Tata Steel è al 56 ° posto. L'acquisizione ha reso il quinto più grande produttore di acciaio Tata Steel nel mondo[17].

2 società del laminatoio in Vietnam nel 2007: Tata Steel, consociata controllata a Singapore, NatSteel Asia Pte Ltd, ha acquisito la partecipazione di controllo in due società di laminazione situate in Vietnam: Structure Steel Engineering Pte Ltd (100%) e Vinausteel Ltd (70%). Il valore dell'impresa per l'acquisizione era di 41 milioni di $. Con questa acquisizione, Tata Steel ha ottenuto due laminatoi, un tirante a barre/filo da 250k tonnellate all'anno gestito da SSE Steel Ltd e un tonificatore di barre di rinforzo da 180k tonnellate gestito da Vinausteel Ltd[18][19].

La fusione con ThyssenKrupp[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 settembre 2017 la ThyssenKrupp tedesca ha annunciato di voler fondere le attività siderurgiche europee con Tata Steel in una joint venture paritaria. A seguito della fusione, la sede centrale del gruppo sarà trasferita ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, e prenderà il nome di Thyssenkrupp Tata Steel BV. Il 30 giugno 2018 le due società hanno firmato un accordo vincolante per creare la nuova impresa comune.[20][21] Una fusione molto sofferta all'interno del gruppo Thiessenkrupp con una serie di dimissioni tra i vertici: il 6 luglio 2018 si dimette Heinrich Hiesinger, CEO dal 2011,[22] una settimana dopo lascia anche il presidente Ulrich Lehner[23]

Nel giugno 2019 l'Antitrust Ue ha dato lo stop alla fusione "che avrebbe ridotto la concorrenza e aumentato i prezzi per diversi tipi di acciaio". Bruxelles ha anche spiegato che le parti "non hanno offerto rimedi adeguati" ai dubbi espressi dall'Antistrut.[24]

Operazioni[modifica | modifica wikitesto]

La sede Tata a Calcutta

Tata Steel ha sede a Bombay, mentre la sede di marketing si trova a Calcutta. Ha una presenza in circa 50 paesi con attività produttive in 26 paesi tra cui: India, Malaysia, Vietnam, Thailandia, Emirati Arabi Uniti, Costa d'Avorio, Mozambico, Sudafrica, Australia, Regno Unito, Paesi Bassi, Francia e Canada[25].

Tata Steel è specializzata nella fornitura di prodotti di consumo, di ingegneria, di imballaggio, di sollevamento e scavo, di energia e di potenza, di aerospaziale, di costruzione navale, ferroviaria, di difesa e di sicurezza[26].

Piani di espansione[modifica | modifica wikitesto]

Tata Steel ha fissato un obiettivo da raggiungere, una capacità di produzione annua di 100 milioni di tonnellate entro il 2015; Sta pianificando l'espansione della capacità di essere bilanciata circa 50:50 tra gli sviluppi greenfield e le acquisizioni[27][28]. Con le acquisizioni all'estero hanno già aggiunto un ulteriore 21,4 milioni di tonnellate di capacità, tra cui Corus (18,2 milioni di tonnellate), NatSteel (2 milioni di tonnellate) e Millennium acciaio (1,2 milioni di tonnellate). Tata prevede di aggiungere altri 29 milioni di tonnellate di capacità attraverso acquisizioni[27][28]

I principali progetti di espansione per impianti di acciaio in acciaio pianificati da Tata Steel includono:[27]

Un impianto di capacità annuale di 6 milioni di tonnellate a Kalinganaga[29]; un'espansione della capacità del suo stabilimento a Jharkhand, in India, da 6,8 a 10 milioni di tonnellate all'anno[29]; Un impianto di capacità annuale di 5 milioni di tonnellate a Chhattisgarh, in India (nel 2005 Tata Steel ha firmato un memorandum d'intesa con il governo di Chhattisgarh; l'impianto sta affrontando una forte protesta contro i popoli tribali)[30]; Un impianto di capacità annuale di 3 milioni di tonnellate in Iran[31][32]; Un impianto di capacità annuale di 2,4 milioni di tonnellate in Bangladesh[33]; Un impianto di capacità annua di 10,5 milioni di tonnellate in Vietnam (studi di fattibilità sono in corso)[34] ed un impianto di capacità annuale di 6 milioni di tonnellate a Haveri[35].

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 marzo 2013 il Gruppo Tata deteneva il 31,35% delle azioni di Tata Steel. Oltre 1 milione di azionisti individuali detengono ca. Il 21% delle sue azioni. Life Insurance Corporation of India è il principale azionista non promotore della società con una partecipazione del 14,88%[2][36]

Azionista Quota[2]
Promoters: Tata Group companies 31.35%
Insurance Companies 21.81%
Individual shareholders 22.03%
Foreign Institutional Investors 15.35%
GDR 02.41%
Altri 07.05%
Totale 100.0%

Le quote di Tata Steel sono quotate alla Borsa di Bombay,[37] dove è un costituente dell'indice SENSEX BSE[38], e il National Stock Exchange of India[39], dove è un costituente della S & P CNX Nifty[40]. Le sue ricevute globali di deposito (GDR) sono quotate alla Borsa di Londra[41] e alla borsa valori di Lussemburgo[42][43]

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto di acciaio produce:

  • Ferro
  • Ferro morbido
  • Ghisa
  • Lega

Essi producono anche:

  • Sostanze chimiche
  • Parti di locomotiva
  • Attrezzature agricole
  • Macchinari, lamiera stagnata
  • Cavo e filo.

Nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2017, dopo aver vinto l'offerta da parte del Football Sports Development, creano una squadra apposita che parteciperà al campionato 2017 dell'Indian Super League, diventando così proprietari del Jamshedpur Football Club.

Scacchi[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2007, in seguito alla rilevazione del gruppo Corus, sponsorizza il prestigioso Torneo di scacchi di Wijk aan Zee, associando il proprio nome all'evento a partire dall'edizione del 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "JSW Steel has become the second largest steel producer in the country after state-owned Steel Authority of India (SAIL)". economictimes.com.
  2. ^ a b c d "Annual Report 2013-14". Tata Steel.
  3. ^ Vaswani, Karishma (16 August 2007). "Indian firms move to world stage". BBC News.
  4. ^ "Global 500: 486 Tata Steel". Fortune. 22 July 2014., su fortune.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 2015).
  5. ^ a b "Indian Steel Industry History, First Steel Plant in India". tatasteel100.com., su tatasteel100.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2013).
  6. ^ a b c "History of Tata Iron & Steel Co. Ltd.". FundingUniverse.com.
  7. ^ "History of Tata Steel". steelonthenet.com.
  8. ^ "TISCO to change its name to Tata Steel Ltd". Financial Express. 19 May 2005. Archiviato il 14 ottobre 2013 in Internet Archive.
  9. ^ "Tata Steel to buy three service centres from SSAB in Nordic". BBC news. 12 February 2015
  10. ^ a b c "Tatas make Rs 1,313-cr bid for Singapore's NatSteel". The Hindu. 17 August 2004.
  11. ^ "Tata Steel completes NatSteel acquisition". The Hindu. 16 February 2005. Archiviato il 6 giugno 2013 in Internet Archive.
  12. ^ a b "Tata Steel sews up NatSteel buyout". Business Standard. 17 February 2005.
  13. ^ a b c "Tata Steel to acquire Millennium Steel, Thailand". Tata Group. 15 December 2005., su tata.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2013).
  14. ^ "Tata to Buy Thailand's Millennium Steel for $175 Mln". Bloomberg. 15 December 2012.
  15. ^ "Tata Steel to buy Thai co for $130 m". The Hindu. 15 December 2012.
  16. ^ "Our businesses : Tata companies : Tata Steel Thailand". Tata Group., su tata.in. URL consultato l'11 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2013).
  17. ^ a b c "Corus accepts £4.3bn Tata offer". BBS News. 20 October 2006.
  18. ^ "Tata Steel arm buys plants in Vietnam". Economic Times. 8 March 2007.
  19. ^ "Tata Steel acquires two steel rolling mills in Vietnam". Tata Group. 8 March 2007. Archiviato il 22 novembre 2011 in Internet Archive.
  20. ^ (EN) Thyssenkrupp, Tata Steel seal Landmark joint venture deal, in Reuters, 29 giugno 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  21. ^ (EN) Zeke Turner e Scott Patterson, Thyssenkrupp, Tata Seal Long-Awaited European Steel Deal, in The Wall Street Journal, New York, 20 settembre 2017. URL consultato il 21 settembre 2017.
  22. ^ Thyssenkrupp, lascia il CEO dopo la pressione dei soci attivisti, in la Repubblica, 6 luglio 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  23. ^ . Terremoto Thyssen, seconda dimissione: dopo Hiesinger lascia anche Lehner, in Il Messaggero, 18 luglio 2018. URL consultato il 28 agosto 2018.
  24. ^ Thyssenkrupp-Tata, l'Antitrust europeo blocca le nozze dell'acciaio, su lastampa.it, 11 giugno 2019. URL consultato il 13 giugno 2019.
  25. ^ "Tata Steel Projects and Operations". Tata Steel. Archiviato il 16 agosto 2013 in Internet Archive.
  26. ^ "Key Market Sectors". Tata Steel. Archiviato il 21 settembre 2013 in Internet Archive.
  27. ^ a b c "Tatas hungry for more". Business Standard. 3 February 2007.
  28. ^ a b "Unabated appetite for global growth". Financial Express. 30 April 2007. Archiviato il 4 ottobre 2013 in Internet Archive.
  29. ^ a b "Tata Steel's Jamshedpur expansion on course: Tata". Economic Times. 3 August 2011.
  30. ^ "Tata Steel has not dropped Chhattisgarh project". The Hindu. 13 April 2010.
  31. ^ "Tata Steel in $1.1bn Iranian deal". BBC News. 15 June 2005.
  32. ^ "Tata's Iran steel project on hold?". Economic Times. 8 January 2008.
  33. ^ "Tata’s Bangladesh plan in cold storage". Indian Express. 15 June 2006.
  34. ^ "Tata Group to set up $5 billion steel factory in Vietnam". The Times of India. 20 July 2012.
  35. ^ "Tata signs EoI to set up plant in Haveri district". 8 June 2012.
  36. ^ "Shareholding Pattern as on 30th June 2014". Tata Steel. Archiviato il 24 settembre 2015 in Internet Archive.
  37. ^ "Scripwise Weightages in S&P BSE SENSEX". BSE India.
  38. ^ "Tata Steel Ltd." . NSE India ., su bseindia.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2015).
  39. ^ "Tata Steel Ltd." . NSE India . Estratto il 31 agosto 2013 .
  40. ^ "Download List of CNX Nifty stocks (.csv)". NSE India. (CSV), su nseindia.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2013).
  41. ^ "TTST Tata Steel Limited GDR (each representing 1 ordinary share)". London Stock Exchange. 27 July 2009.
  42. ^ "Tata Steel set to raise $600m through GDRs". Times of India. 21 July 2009., su articles.timesofindia.indiatimes.com. URL consultato il 25 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2013).
  43. ^ "Stock Exchange Information". Tata Steel.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 1766 9085