Tasso d'attacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il tasso d'attacco è un particolare tasso di incidenza che misura la frequenza di una malattia, di una condizione cronica o di un trauma, in una particolare popolazione e in riferimento ad un limitato intervallo di tempo, ad esempio durante un'epidemia.[1]

Nel calcolo del tasso di attacco, il numeratore è costituito dal numero di nuovi casi del problema sanitario oggetto di studio nel corso dell'epidemia e il denominatore è la popolazione all'inizio del periodo.[2]

Calcolo[modifica | modifica wikitesto]

La formula è:

Ad esempio se 70 persone, su una popolazione di 98 individui, si sono ammalate in seguito ad un'epidemia, il tasso di attacco è:

ovvero il 71.4% della popolazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anthony N. Glaser. High-Yield Biostatistics. Williams & Wilkins. Baltimore. 1995
  2. ^ International Epidemiological Association, A Dictionary of Epidemiology. (Last JM, editor), 4th ed., Oxford University Press, 2001, ISBN 978-0-19-514169-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]