Targhe d'immatricolazione slovacche

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Targa slovacca con stemma nazionale (dal 1º giugno 2006)
Formato senza stemma nazionale (01/05/2004–01/06/2006)

Le targhe d'immatricolazione slovacche sono destinate ai veicoli immatricolati nel Paese centroeuropeo.

Modifiche intervenute tra il 1997 e il 2006[modifica | modifica wikitesto]

Formato emesso da aprile 1997 al 30 aprile 2004

Le targhe automobilistiche della Slovacchia (in slovacco: evidenčné číslo vozidla) sono composte da due lettere indicanti il distretto (okres) o la città di provenienza, che precedono uno spazio occupato dallo stemma nazionale e cinque caratteri alfanumerici. A sinistra si trova la banda blu con le dodici stelle dell'Unione europea.
Dal 1º maggio 2004 al 1º giugno 2006 al posto dello stemma era impresso un trattino.
Dal 1º aprile 1997 al 30 aprile 2004 lo stemma della Slovacchia in alto e la sigla automobilistica internazionale SK in basso a caratteri neri precedevano il codice distrettuale; tra questo e la serie alfanumerica era posizionato un trattino.

Tipi di targhe in uso[modifica | modifica wikitesto]

Placca di un motociclo
Targa personalizzata di un'autovettura immatricolata nel distretto di Levice
Formato per veicoli militari immatricolati nel 2010 (numero 60)
Piastra provvisoria da esportazione
Targa prova o di un veicolo importato
Piatto d'immatricolazione di una macchina da cantiere
Targa provvisoria per concessionari
  • Targhe ordinarie per autoveicoli. Misurano 520 × 110 mm e sono composte da sette caratteri, secondo lo schema XX NNNLL, nel quale "XX" rappresenta la sigla del distretto, "NNN" una serie di tre cifre e "LL" due lettere maiuscole. La numerazione inizia da 001 e termina con 999, la serie di lettere comprende le combinazioni AA-XZ e ZA-ZZ. Sono utilizzate 24 lettere (sono escluse Q, W e le lettere dell'alfabeto slovacco con segni diacritici, ad esempio Š). Sequenza: da 001AA a 999AA, quindi da 001AB a 999AB, fino a 999AZ; segue 001BA fino a 999BB e così via.
    Se lo spazio sul retro del veicolo è limitato, possono essere usate targhe posteriori di 340 × 200 mm con caratteri disposti su due righe. Una serie di combinazioni è riservata a questo tipo di piastre.
  • Targhe di motocicli, quadricicli, tricicli a motore e ciclomotori. Seguono la stessa codifica e serie delle placche normali. Ad esempio DS 125AC può essere una targa per autoveicoli o motoveicoli. L'unica differenza è data dalle dimensioni più piccole (240 × 150 mm) e dalla disposizione dei caratteri, che è sempre su doppia linea.
  • Formato per rimorchi. Le targhe di questi veicoli seguono lo stesso schema di quelle normali; la prima lettera dopo le tre cifre è "Y". La serie alfanumerica inizia con 001YA, continuando fino a 999YA, poi prosegue con 001YB fino a 999YZ.
  • Targhe personalizzate. Disponibili anche per motocicli, l'assegnazione è possibile dal 2014 in caso di disponibilità e previo pagamento di una sovrattassa di 331[1]. Comprendono obbligatoriamente la sigla del distretto, seguita da altri cinque caratteri, in uno dei formati XX LLLLL, XX LLLLN o XX LLLNN. Diversamente dagli altri tipi di targhe, possono includere le lettere "Q" e "W" ma non quelle con segni diacritici, inoltre il primo carattere dopo lo stemma nazionale non dev'essere "X"; infine la combinazione non deve contenere messaggi politici, religiosi, beffardi, offensivi o discriminatori.
  • Veicoli di Corpi diplomatici e consolari. Hanno placche con caratteri gialli o arancioni su fondo blu. Le prime due cifre indicano lo Stato della rappresentanza o l'organizzazione internazionale a cui è intestato il veicolo, le altre sono progressive e partono da 000[2].
  • Veicoli militari. Le piastre sono bianche e composte da due numeri neri: il primo (quello a sinistra), a due cifre, indica l'anno di immatricolazione: si parte da 50 = 2000; è seguito dallo stemma nazionale (non presente nelle targhe con formato emesso da maggio 2004 a giugno 2006), che precede il secondo numero, generalmente a cinque cifre. Le targhe degli automezzi immatricolati dal 2000 al 30 aprile 2004 recavano impresse sotto lo stemma nazionale a sinistra le lettere "ASR", nere e di dimensioni ridotte, iniziali di Armáda Slovenské Republiky ("Forze armate della Repubblica Slovacca").
  • Piatti d'immatricolazione di automezzi di emergenza (vigili del fuoco, ambulanze) o di autorità (ministri e capo del Governo, deputati del Parlamento, guardie doganali o carcerarie, amministratori di uffici postali, Polizia ecc.). Seguono lo stesso schema delle targhe ordinarie, ma dopo la sigla distrettuale presentano una "X" che precede una lettera progressiva (a partire da "A") e un numero a tre cifre nell'area d'immatricolazione di Bratislava, solo il numero a tre cifre in tutte le altre. Nelle auto riservate alle supreme autorità dello Stato (con sigla BA) a volte la "X" è posposta alla serie numerica.
  • Targhe di veicoli da esportare. Si riconoscono per lettere e cifre nere su fondo giallo. Come negli altri tipi di piatti d'immatricolazione provvisori emessi in Slovacchia, il formato delle targhe posteriori, di 240 × 150 mm come quello dei motocicli, è su doppia linea. Sulla tabella rosso-arancio in alto sono forate le ultime due cifre dell'anno di validità, su quella dello stesso colore in basso viene indicato con un'altra foratura il numero del mese (per esempio: 1 = gennaio) di scadenza della validità stessa. Il numero a tre cifre è preceduto dalla lettera "V" e, soltanto nelle aree d'immatricolazione di Bratislava e Košice, da una seconda lettera. Una volta esaurite tutte le combinazioni con "V", viene anteposta alla numerazione un'altra lettera seriale partendo da "A".
  • Targhe prova o di veicoli importati. I caratteri sono verdi su fondo bianco; nelle piastre dei veicoli importati da privati (non da concessionarie) sulla riga inferiore si trova un numero di cinque cifre, mentre su quella superiore, tra la fascia azzurra e lo stemma nazionale, è posizionata la sola lettera "C" (vedi infra)[3]. La durata massima della validità è di un anno.
  • Targhe provvisorie per concessionari. Hanno caratteri rossi. La sigla distrettuale è seguita dalla lettera "M" e da un numero di tre cifre. Nelle aree d'immatricolazione di Bratislava e Košice è stata aggiunta alla "M" una seconda lettera progressiva, iniziando da "A".
  • Targhe ripetitrici per rimorchi immatricolati all'estero e trainati da motrici slovacche. Lettere e cifre sono bianche in campo rosso. Sono di plastica e vengono fissate a destra della targa estera del rimorchio; la numerazione è identica a quella del trattore stradale, cambiano solo i colori[4].
  • Placche di veicoli storici. Si contraddistinguono per i caratteri rossi su fondo giallo e la lettera "H", che sta per Historical vehicle, tra la sigla distrettuale e le tre cifre.
  • Formato per automezzi di massa e/o dimensioni eccezionali (incluse le macchine da cantiere). Le scritte sono nere su fondo turchese; le tre cifre sono precedute dalla lettera "Z".
  • Autovetture o motociclette partecipanti a competizioni sportive (es.: rally). Hanno targhe bianche con caratteri e bordo blu. Il codice del distretto è seguito dalla lettera "S" (che sta per Sports car o Sportbike) e da un numero a tre cifre.
  • Veicoli elettrici. Il Piano d'azione a supporto dell'elettromobilità nella Repubblica Slovacca, approvato dal governo a marzo 2019, ha proposto l'introduzione di targhe distinte per i veicoli elettrici (inclusi gli ibridi plug-in). L'emissione è iniziata a metà dicembre del 2019. Inizialmente sembrava dovessero essere verdi[5], ma poi si è deciso di non differenziarle dalle targhe ordinarie se non per la prima lettera dopo la serie numerica, che è sempre una "E".

Sigle automobilistiche e distretti corrispondenti[modifica | modifica wikitesto]

Carta dei distretti slovacchi con le sigle automobilistiche corrispondenti

La Slovacchia è suddivisa in 79 distretti, 69 dei quali prendono il nome dal capoluogo[6]. Due città, Bratislava (la capitale) e Košice, sono formate rispettivamente da 5 e 4 distretti che utilizzano tutti i medesimi codici assegnati alla città. Inoltre il distretto di Košice-okolie comprende un'area intorno a Košice (con esclusione della città) pur avendo il capoluogo nella città stessa. A ciascun distretto corrisponde almeno una sigla. Alle otto città capoluoghi delle regioni ne è stata assegnata più di una.
L'emissione dell'unico codice scritto nel seguente elenco in grassetto e corsivo è terminata per esaurimento delle sequenze alfanumeriche; le sigle scritte in corsivo, non ancora utilizzate, saranno introdotte una volta esaurite tutte le combinazioni possibili dei rispettivi codici in uso.

Codici speciali[modifica | modifica wikitesto]

Targa apposta sul veicolo di un Corpo diplomatico
  • C 01234 (bordo e caratteri verdi): targa d'importazione o di prova
  • EE 01234 (bordo e caratteri gialli su fondo blu): Corpo diplomatico
  • P - 00001, P - 00002: Presidente della Repubblica
  • P - 01234: Forze speciali della Polizia per la scorta degli alti funzionari dello Stato
  • ZZ 01234 (bordo e caratteri gialli su fondo blu): personale tecnico-amministrativo accreditato presso un'ambasciata o un consolato

Sistema cecoslovacco e sigle terminate il 1º aprile 1997[modifica | modifica wikitesto]

Modello di placca di un veicolo privato immatricolato nel distretto di Košice prima del 1º aprile 1997
Targa di un autobus di Bratislava emessa anteriormente al 01/04/1997

Veniva indicata la provenienza anche nel sistema di numerazione comune a tutta la Cecoslovacchia, usato dalla Repubblica Ceca fino al 1999 e dalla Slovacchia fino al 31 marzo 1997: esso prevedeva di fianco alla sigla distrettuale un'ulteriore lettera e, alla destra di questa, due coppie di cifre divise da una lineetta orizzontale (esempio: BAR 12-55) per Bratislava). Le targhe erano nere su fondo bianco per i veicoli privati e nere su fondo giallo per quelli commerciali (autocarri, rimorchi, autobus, macchine agricole) e speciali, con disposizione dei caratteri alfanumerici su una o due righe. Sulla targa posteriore, identica a quella anteriore come dimensioni, erano presenti due adesivi posizionati fra il gruppo dei primi tre o due caratteri ed il gruppo dei quattro restanti. Quello superiore, di colore rosso, indicava la data di scadenza della revisione periodica; quello inferiore, di colore verde, la data di scadenza del controllo dei gas di scarico. Dal 1960 al 1986 le lettere (due o tre) e i numeri a due cifre erano separati tra loro da un punto o un trattino; dal 1986 al 1997 un trattino separava solo i due numeri.

Nel seguente elenco sono riportati i codici (uno dei quali speciale) che terminarono il 31/03/1997 e il significato corrispondente:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SK) Pozrite si, aké zmeny chystá pre vodičov ministerstvo vnútra, su auto.sme.sk, 23 aprile 2014.
  2. ^ Parker - Weeks, Registration Plates of the World, Yeovil, 2004, p. 508.
  3. ^ (DE) Info zu slowak. Kenzeichen mit Fotos, su iten-online.ch, 25 settembre 2014.
  4. ^ (EN) Marc Welby, plateshack (JPG), su plateshack.com.
  5. ^ (SK) Peter Kálmán, Elektromobily dostali zelené značky, môžu mať výhody, su auto.sme.sk, 13 gennaio 2020.
  6. ^ oocities.com, http://www.oocities.com/grosi48/SKokresy.html. URL consultato il 31 marzo 2017.
  7. ^ Sigla reintrodotta il 18 agosto 2010, anche nei rimorchi da gennaio 2011.
  8. ^ (SK) Ctibor Brezák, Bratislava: Nové EČV budú mat' skratku BT, su bratislava.sme.sk, 22 novembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paccagnella S., Siglario Automobilistico Europeo, Caosfera Edizioni, Torri di Quartesolo (VI) 2012, pp. 137-139, ISBN 978-88-6628-057-6
  • Parker N. - Weeks J., Registration Plates of the World, Fourth Edition, L J Print Group, Yeovil, Somerset, United Kingdom 2004, pp. 508-510, ISBN 0-9502735-7-0

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]