Targhe automobilistiche armene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Targa armena su un'unica linea con formato emesso dal 6 agosto 2014
Targa armena attuale su due linee
Targa per veicoli privati con formato emesso dal 1996 al 5 agosto 2014
Targa per persone giuridiche (nello specifico della Polizia) con formato emesso dal 1996 al 5 agosto 2014

Le targhe automobilistiche dell'Armenia sono rettangolari, di dimensioni conformi agli standard europei e con caratteri neri alfanumerici su sfondo bianco riflettente. Sono composte, da sinistra a destra, da due cifre che identificano l'area di immatricolazione, due lettere ed altre tre cifre. Si trovano in circolazione anche targhe disposte su due righe, sia per autoveicoli che per motocicli. A sinistra è scritta la sigla internazionale AM sopra la quale, dal 6 agosto 2014, è posizionata la bandiera armena.

Prima della data sopra specificata, al posto della bandiera nazionale era presente un ologramma adesivo grigio, di forma circolare, che attestava l'avvenuto pagamento del bollo automobilistico; inoltre le lettere erano più piccole delle cifre, come nelle targhe russe, e i caratteri meno marcati rispetto a quelli del FE-Font attualmente utilizzati.
Nelle targhe vengono usate le seguenti lettere dell'alfabeto armeno che hanno una forma simile nell'alfabeto latino: A, C, D, F, G, I, L, M, N, Q, O, P, R, Տ (che corrisponde alla lettera latina "T"), Ս (che corrisponde alla lettera latina "S"), V, Z.
"G" e "I", nelle combinazioni "GG" e "II", sono utilizzate dal 2015 esclusivamente nei veicoli della Polizia.

Come nel formato precedente, il numero composto da due cifre (vedi elenco sotto riportato), che nei veicoli intestati a proprietari privati precede le lettere, indica la provincia di immatricolazione; segue le lettere se il veicolo è intestato ad una persona giuridica (società, Corpi, enti pubblici, cfr. le due foto in basso).
Le piastre dei ciclomotori hanno le due lettere in alto e in basso un numero di tre cifre. Nelle targhe dei rimorchi e delle macchine agricole, al contrario, le cifre (quattro) sono posizionate sulla linea superiore e le lettere su quella inferiore.

01–11, 13, 19, 61–68 Yerevan

12, 27–29 Armavir

14, 45–49 Shirak

15, 21–24 Aragatsotn

16, 31–35 Gegharkunik

17, 42–43 Kotayk'

18, 56 Vayots Dzor

25–26 Ararat

36–39, 41 Lori

51–54 Syunik

57–59 Tavush

20, 30, 40, 44, 50, 55, 60, 69–99 codici individuali non indicanti la provincia

Targhe speciali e significato dei codici corrispondenti[modifica | modifica wikitesto]

Targa diplomatica
Targa di un veicolo del Ministero dell'Interno
Targa di un taxi
  • ARM (lettere bianche su sfondo azzurro o celeste seguite da tre cifre nere su fondo bianco) veicoli ufficiali utilizzati per attività governative
  • D (bianco su rosso) Personale diplomatico
  • FF 01 Autorità governative
  • GG, II Polizia (dal 6 agosto 2014)
  • GG 01 Procuratore Generale
  • L (nero su giallo) taxi
  • LL 03, 50, 55, 60, 70 Autorità governative
  • ՊԲ (bianco su nero) Esercito (Պէտական Բանակ)
  • ՊՆ (bianco su nero) Ministero dell'Interno (Պաշտպանության Նախարարություն)
  • NN 01 Consiglio di Sicurezza
  • OO 01, OO 11 Assemblea Nazionale
  • OS 01 Corte Costituzionale
  • ՈU 01ՈU 17 Polizia (fino al 5 agosto 2014)
  • S (nero su giallo) taxi
  • SL 01, SL 33 Dirigenza ed Amministrazione delle Banche Nazionali
  • SS (lettere seguite da un numero di quattro cifre) immatricolazioni provvisorie
  • SS 01 Corte di Cassazione
  • SS 02 Servizio di Sicurezza Nazionale
  • SS 03, 05, 60 Autorità governative
  • T (bianco su rosso) Personale tecnico-amministrativo accreditato presso un'ambasciata o un consolato
  • UN (bianco su azzurro) Nazioni Unite (United Nations)
  • UU 01 Amministrazione del Presidente della Repubblica
  • VV 01 Autorità governative

Nagorno-Karabakh (Artsakh)[modifica | modifica wikitesto]

Le targhe emesse nella repubblica del Nagorno-Karabakh, autoproclamatasi indipendente il 10 dicembre 1991 e il cui territorio è a tutt'oggi controllato dall'Azerbaigian, utilizzano lo stesso sistema e formato di quelle armene; i codici numerici identificativi sono 22 e 90 (es.: 90 AB 123).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti