Tarchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tarchia
Tarchia kielanae 2.JPG
Cranio di Tarchia, esemplare PIN 3142/250, l'olotipo di T. teresae
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Sauropsida
Superordine Dinosauria
Ordine † Ornitischia
Famiglia † Ankylosauridae
Sottofamiglia † Ankylosaurinae
Genere Tarchia
Maryanska, 1977
Nomenclatura binomiale
† Tarchia kielanae
Maryanska, 1977
Specie
  • T. kielanae
    Maryanska, 1977
  • T. teresae
    Penkalski & Tumanova, 2016

Tarchia (il cui nome significa "dotato di cervello") è un genere estinto di dinosauro ankylosauride vissuto nel Cretaceo superiore, circa 75-70 milioni di anni fa (Campaniano-Maastrichtiano), in Mongolia. Il genere contiene due specie: la specie tipo T. gigantea e T. teresae.

Scoperte[modifica | modifica wikitesto]

Cranio di Tarchia gigantea

Descritto per la prima volta nel 1956 con il nome di Dyoplosaurus giganteus da Maleev, questo dinosauro è uno dei più grandi esemplari degli anchilosauridi, gli erbivori pesantemente corazzati diffusi nel Cretaceo superiore nei continenti settentrionali. Fu solo nel 1977 che Teresa Maryanska comprese che questo dinosauro era da classificare in un genere a parte, e lo descrisse come Tarchia (che significa "dotato di cervello") gigantea. Un'altra specie poi attribuita allo stesso genere, T. kielanae, è ora ritenuta conspecifica.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La tarchia è conosciuta attraverso svariati resti fossili comprendenti scheletri quasi completi che permettono di ricostruire un anchilosauro particolarmente grande, del peso probabile di tre tonnellate e della lunghezza di oltre otto metri. La corazza era costituita da molte file di placche ossee che ricoprivano collo, corpo e coda. Quest'ultima terminava nella "classica" mazza ossea tipica di tutti gli anchilosauridi. Il cranio, particolarmente grosso e dotato di quattro brevi "corna", era piuttosto alto rispetto agli altri anchilosauri. Il primo cranio rinvenuto mostra chiaramente segni di ferite parzialmente cicatrizzate, sia interne che esterne, dovute probabilmente all'attacco di un predatore come il tirannosauride Tarbosaurus. Aveva inoltre un becco grande mentre le zampe erono corte.

Cranio di Tarchia gigantea, vista posteriore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Tarchia, su Fossilworks.org. Modifica su Wikidata
Dinosauri Portale Dinosauri: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di dinosauri