Tarana Burke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tarana Burke nel 2018

Tarana Burke (New York, 12 settembre 1973) è un'attivista statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta nel Bronx, Tarana Burke sin da piccola si è impegnata nella lotta contro la violenza sessuale dopo esserne stata vittima sia da bambina che da adolescente.[1] Si è laureata all'Università di Auburn, per poi fondare l'associazione Just Be nel 2003 e il movimento Me Too nel 2006, associando per la prima volta l'espressione alle molestie sessuali.[2] Nel 2008 si è trasferita a Philadelphia e ha lavorato ad altre organizziazioni non a scopo di lucro, mentre nel 2014 è stata consultante del film Selma - La strada per la libertà.[3][4] Nel 2017 il movimento Me Too è cresciuto notevolmente di popolarità partendo dall’attrice Alyssa Milano, che ha riproposto l'espressione, e generando numerose confessioni di abuso sessuale.[5] Nello stesso anno il Time l'ha definita Persona dell'anno tra le Silence Breakers, riferito a tutte le donne che hanno rotto il silenzio e denunciato le molestie sessuali subite.[6] Nel 2018 ha ricevuto un Premio Ridenhour e uno da SheKnows Media e nel 2019 le è stato conferito un premio Trailbazer.[7][8][9] È stata direttrice dell'organizzazione Girls for Gender Equity e attualmente tiene conferenze pubbliche negli Stati Uniti.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Abby Ohlheiser, The woman behind 'Me Too' knew the power of the phrase when she created it — 10 years ago, su washingtonpost.com, The Washington Post. URL consultato il 21 settembre 2020.
  2. ^ (EN) Ania Alberski, Former Phila. activist Tarana Burke among the 'Silence Breakers' honored by Time Magazine, su thedp.com. URL consultato il 21 settembre 2020.
  3. ^ (EN) The Woman Who Began the #MeToo Movement Was a Philly Activist, su phillymag.com, Philadelphia Magazine. URL consultato il 21 settembre 2020.
  4. ^ (EN) Erin Nyren, Emma Stone, Meryl Streep, Laura Dern to Be Accompanied by Activists at Golden Globes, su variety.com, Variety. URL consultato il 21 settembre 2020.
  5. ^ (EN) Cristela Guerra, Tarana Burke, the activist behind 'Me Too,' on where movement goes from here - The Boston Globe, su bostonglobe.com, The Boston Globe. URL consultato il 21 settembre 2020.
  6. ^ (EN) Chris Snyder, Linette Lopez, The woman behind the #MeToo movement on why she would never meet with Trump, su Business Insider. URL consultato il 21 settembre 2020.
  7. ^ (EN) Cabrini Honors Me Too Movement Founder, su cabrini.edu. URL consultato il 21 settembre 2020.
  8. ^ (EN) Announcing the 2018 Voices of the Year, su BlogHer. URL consultato il 21 settembre 2020.
  9. ^ (EN) Margaret Atwood and #MeToo Founder Tarana Burke to Be Celebrated at VH1 Trailblazer Honors, su womenandhollywood.com. URL consultato il 21 settembre 2020.
  10. ^ (EN) How Has #MeToo Changed Creator Tarana Burke's Life?, su Refinery29. URL consultato il 21 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN1631162368026225790000 · LCCN (ENn2021003447 · GND (DE1241714711 · J9U (ENHE987010649421005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2021003447