Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Taotie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Taotie su un recipiente di bronzo di tipologia ding, tarda dinastia Shang.

Il taotie (Cinese: 饕餮S, tāotièP, t'ao t'iehW; coreano: 도철, dochel; giapponese: tōtetsu) è una decorazione cinese comunemente trovata sui vasi rituali dei periodi dinastici Shang e Zhou, chiamato "maschera d'orco" dagli storici dell'arte. Questa decorazione, rappresentata anche dagli scultori, vasai e ceramisti, rappresenta un volto zoomorfico e simmetrico visto frontalmente. Alcuni sostengono che il motivo è derivante dalla giada neolitica della cultura di Liangzhu del fiume Chang Jiang.(3310-2250 a.C.) Nella mitologia cinese, uno dei Nove Draghi (龍生九子T, lóng​shēng​jiǔ​zǐP​) porta il nome di Taotie, forse il suo nome deriva proprio da questa decorazione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Al contrario di Ortro, il cane che custodiva le greggi di Gerione (con due teste e un corpo) ucciso da Ercole, il t'ao-t'ieh presenta generalmente una smisurata testa da cui due corpi vengono proiettati. Solitamente viene rappresentato con sei zampe, in quanto quelle anteriori servono per entrambi i corpi; la testa può essere di drago, tigre, o uomo. In cinese "taotie" vuol dire ghiottone, e simboleggia la frugalità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jorge Luis Borges, Manuale di Zoologia Fantastica, Einaudi, ISBN 88-06-01145-6
  • Storia della Cina di John A.G. Roberts, Il Mulino Editore.
  • "The Meaning of the 'T'ao-T'ieh'" in "History of Religions" di Jordan Paper, Vol. 18, No. 1 (August, 1978), pp. 18-41.
  • "The Problem of Meaning in Chinese Ritual Bronzes". di Roderick Whitfield, London: School of Oriental and African Studies, 1993.
  • "Art, Myth, and Ritual: The Path to Political Authority in Ancient China" di K. C. Chang. Cambridge, Mass.: Harvard University Press, 1983.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]