Tangerine (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tangerine
Tangerine (film).png
Titolo originaleTangerine
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno2015
Durata88 min
Rapporto2,35:1
Generecommedia, drammatico
RegiaSean Baker
SceneggiaturaSean Baker, Chris Bergoch
ProduttoreSean Baker, Chris Bergoch, Karrie Cox, Marcus Cox, Darren Dean, Shih-Ching Tsou
Produttore esecutivoJay Duplass, Mark Duplass
Casa di produzioneDuplass Brothers Productions
Through Films
FotografiaSean Baker, Radium Cheung
MontaggioSean Baker
Interpreti e personaggi

Tangerine è un film del 2015 diretto da Sean Baker.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la vigilia di Natale a Tinseltown, e la prostituta transgender Sin-Dee è tornata nel suo quartiere dopo essere stata in carcere. Dopo aver sentito che il suo ragazzo-protettore non le è stato fedele durante i 28 giorni in cui era assente, Sin-Dee e la sua migliore amica, Alexandra, si imbarcano in una missione, alla ricerca del ragazzo di Sin-Dee per verificare il pettegolezzo. La loro travolgente odissea le condurrà attraverso varie sottoculture di Los Angeles.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

L'idea del film è stata ispirata da un negozio di ciambelle vicino alla casa del regista Sean Baker, a Hollywood.[1] Sean Baker e Chris Bergoch hanno collaborato alla sceneggiatura del film da settembre a dicembre 2013. Il film è prodotto esecutivamente dai fratelli Duplass attraverso la loro casa di produzione Duplass Brothers Productions. Tra i produttori del film figurano Darren Dean e Shih-Ching Tsou con la loro Through Films.[2] Baker e Bergoch hanno incontrato le attrici transgender Mya Taylor e Kitana Kiki Rodriguez, che non avevano grandi esperienze di recitazione, al Los Angeles LGBT Center nel 2013.[3]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La lavorazione di Tangerine si è svolta interamente a Hollywood, California (compresi i club a West Hollywood e Santa Monica Boulevard), dalla vigilia di Natale 2013 fino al 18 gennaio 2014. Il film è stato girato interamente con tre smartphone iPhone 5s da Baker e dal direttore della fotografia Radium Cheung,[4] a causa del budget limitato, che non ha permesso al regista di girare in pellicola o con telecamere di alta qualità.[5] Baker era rimasto colpito da alcuni video sperimentali girati con l'iPhone visti su YouTube e Vimeo.[5] Sono state utilizzate diverse applicazioni video, come FiLMIC Pro, e una steadicam per stabilizzare l'iPhone nelle riprese in movimento.[6]

In fase di post-produzione Baker ha usato inizialmente Final Cut Pro e in seguito Da Vinci Resolve per correggere contrasto e saturazione.[7]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima mondiale il 23 gennaio al Sundance Film Festival 2015 nella sezione NEXT.[8] Successivamente è stato presentato in molti festival cinematografici internazionali, tra cui San Francisco International Film Festival, Seattle International Film Festival, Festival del cinema americano di Deauville e Festival internazionale del cinema di Rio de Janeiro.

Il film ha avuto una distribuzione limitata in Nord America dal 10 luglio 2015, distribuito da Magnolia Pictures.[9] Nel Regno Unito è stato distribuito da Metrodome Group il 13 novembre 2015.[10] In Italia è stato presentato il 21 novembre 2015 al Torino Film Festival.[11]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) How one of the best films at Sundance was shot using an iPhone 5S, su theverge.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  2. ^ (EN) Magnolia Acquires Duplass Brothers-Produced 'Tangerine' After Acclaimed Sundance Debut, su indiewire.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  3. ^ (EN) Sundance Shocker: Sean Baker’s Tangerine Was Shot Entirely on iPhone 5s, su slashfilm.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  4. ^ (EN) How the Filmmakers Behind Sundance Hit 'Tangerine' Shot on an iPhone & Got Cinematic Results, su nofilmschool.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  5. ^ a b La verità pop di Sean Baker, su ilmanifesto.info, ilmanifesto. URL consultato il 30 novembre 2015.
  6. ^ (EN) How to make a movie with an iPhone: An interview with Tangerine director Sean Baker, su macworld.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  7. ^ (EN) Down The Street, su hdvideopro.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  8. ^ (EN) Sundance Film Festival Unveils 2015 Competition, Next Lineups, su variety.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  9. ^ (EN) Tangerine, su magpictures.com. URL consultato il 30 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 19 dicembre 2015).
  10. ^ (EN) Tangerine: IPhone movie shows Hollywood's unseen side, su bbc.com. URL consultato il 30 novembre 2015.
  11. ^ Torino Film Festival 2015: 4 proposte originali, su lenius.it. URL consultato il 30 novembre 2015.
  12. ^ (EN) 'Spotlight' Wins Big at 2015 Gotham Awards (FULL LIST), su Variety. URL consultato il 1º dicembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENno2018078740