Taketo Gohara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Taketo Gohara (合原 健人, Gohara Taketo; Milano, 1975) è un produttore discografico, arrangiatore, tecnico del suono e sound designer giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Taketo Gohara nasce a Milano nel 1975 da una famiglia di artisti. Suo padre Yukio è pittore e designer mentre la madre Hiroko è soprano, con trascorsi in numerosi teatri nel mondo tra cui il Regio di Parma[1], ed ex docente di canto presso l'Università di lirica a Tokyo[senza fonte]. Gohara studia sin da piccolo pianoforte e frequenta le scuole elementari e medie giapponesi a Milano. Si iscrive poi al Liceo classico Giosuè Carducci dove frequenta il ginnasio poi si trasferisce al Liceo classico Parini e nello stesso periodo inizia anche a suonare la chitarra, il basso e altri strumenti in vari gruppi dell'underground milanese, per poi iscriversi ad un corso di tecnico del suono[1].

Dopo il liceo inizia a lavorare ai Metropolis Recording studios. Lavora anche come traduttore di fumetti manga per alcune case editrici[1]. Nel 2001 entra nelle Officine Meccaniche, studio di registrazione di Mauro Pagani. Qui, come primo lavoro, cura il disco Domani, ma fu poi con Vinicio Capossela che nacque un vero e proprio sodalizio artistico/produttivo che ebbe inizio con l'album Ovunque proteggi[1].

Nel corso della sua carriera ha lavorato come produttore, arrangiatore e tecnico del suono con vari gruppi e artisti italiani tra cui Vinicio Capossela, Brunori Sas, Elisa, Biagio Antonacci, Davide Van De Sfroos, Dardust, Motta, Vasco Brondi, Giovanni Caccamo, Renzo Rubino, Remo Anzovino, Cesare Picco, Ministri, Negramaro e Verdena[1].

Come compositore ha creato negli anni diverse musiche per installazioni d'arte, balletti e pubblicità.

Nell'ambito cinematografico è specializzato come sound designer e ha all'attivo più di 30 film come mixatore di colonne sonore in Surround.

Insegna Sound Design all'Istituto Europeo di Design e al Centro Professione Musica di Milano[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Luigi Bolognini, Taketo Gohara mago dei suoni. Devo tutto a Pagani e Capossela, in la Repubblica, 27 febbraio 2013. URL consultato il 16 agosto 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàEuropeana agent/base/11110