Take My Hand, Precious Lord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Take My Hand, Precious Lord
Artista
Autore/iThomas A. Dorsey
GenereGospel
Data1937

Take My Hand, Precious Lord (conosciuto anche come Precious Lord, Take My Hand) è un brano musicale gospel composto da Thomas A. Dorsey.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Musica e testi di Take My Hand, Precious Lord sono attribuiti a Dorsey, che trasse ispirazione dall'inno del 1844 Maitland, il cui testo è stato composto da George Nelson Allen (la melodia invece non è associata ad un compositore).[1] Dorsey, in un'intervista, affermò di aver sentito Blind Connie Williams cantare una sua versione di questa canzone, con inserite nel testo le parole "Precious Lord", e di averla usata come ispirazione.[2] L'evento che portò Dorsey a comporre Take My Hand, Precious Lord fu la morte della moglie, Nettie Harper, durante il parto, e di suo figlio neonato, nell'agosto 1932.[3] La prima registrazione nota del brano venne eseguita il 16 febbraio 1937 dai Heavenly Gospel Singers,[4] mentre la Decca Records pubblicò una cover della canzone interpretata da Emory Johnson il 16 agosto 1938.[5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Take My Hand, Precious Lord, tradotta in oltre quaranta lingue,[6] è stato inserita nella Christian Music Hall of Fame nel 2007.[5] Si è inoltre classificata alla 223ª posizione nell'elenco Songs of the Century della Recording Industry Association of America e della National Endowment for the Arts.[7] Nel 2012, la cover di Precious Lord, Take My Hand cantata da Mahalia Jackson venne inclusa nella Grammy Hall of Fame Award.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Precious Lord, take my hand, su Hymnology Archive. URL consultato il 7 novembre 2019.
  2. ^ (EN) Horace Clarence Boyer, The Golden Age of Gospel, University of Illinois Press, 2000, p. 62, ISBN 0-252-06877-7.
  3. ^ (EN) Arnold Shaw, Honkers and Shouters: The Golden Years of Rhythm and Blues, Macmillan Publishing Company, 1978, pp. 8-11, ISBN 0-02-610000-2.
  4. ^ (EN) Robert M. W. Dixon, Blues and Gospel Records: 1890-1943, Oxford University Press, 1997, p. 370, ISBN 0-19-816239-1.
  5. ^ a b (EN) Paul Desmond, Joan Jett, Musicians & Composers of the 20th Century, Salem Press, 2009, p. 382, ISBN 1587655144.
  6. ^ (EN) W. K. McNeil, Encyclopedia of American Gospel Music, Routledge, 2005, p. 107, ISBN 0-415-94179-2.
  7. ^ (EN) autore, Songs of the Century, in CNN, 7 marzo 2001. URL consultato il 7 novembre 2019.
  8. ^ (EN) Grammy Hall of Fame, su Grammy.com. URL consultato il 7 novembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Carl P. Daw Jr., Glory to God: A Companion, Louisville, Westminster John Knox, 2016, pp. 795-796, ISBN 0664503128.
  • (EN) Emily R. Brink, Bert Polman, Psalter Hymnal Handbook, Grand Rapids, Faith Alive Christian Resources, 1998, pp. 662-663, ISBN 156212269X.
  • (EN) Carlton Young, Companion to the United Methodist Hymnal, Nashville, Abingdon Press, 1993, p. 561, ISBN 1426756801.
Musica corale Portale Musica corale: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica corale