Taiyō Matsumoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Taiyō Matsumoto

Taiyō Matsumoto (松本 大洋 Matsumoto Taiyō?; Tokyo, 25 ottobre 1967) è un fumettista e artista giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha debuttato sulla rivista Afternoon di Kōdansha. Le sue opere sono principalmente rivolte ad un pubblico maturo, ed è incluso tra i mangaka più conosciuti a livello internazionale per la pubblicazione di seinen manga. È noto soprattutto per il suo stile non convenzionale e surreale che caratterizzano le sue opere.

La pubblicazione di una sua serie in Italia avviene nel 2013 con la pubblicazione di Sunny da parte della casa editrice J-Pop che per Novembre 2017 pubblicherà Tekkonkinkreet in un unico volume. Nel 1996 inizia a pubblicare Ping Pong, annunciato in Italia nel Febbraio 2017 dall'etichetta Hikari di 001 Edizioni, manga che diventò nell'estate 2014 un anime di discreto successo.

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Coo, Gurren-Lagann, 'Kafka' Win Media Arts Awards, in Anime News Network. URL consultato il 25 settembre 2018.
  2. ^ (ES) Ganadores de los 15º Premios Culturales Osamu Tezuka, in Deculture.es. URL consultato il 25 settembre 2018.
  3. ^ (EN) Drifting Life, St. Young Men, More Nominated at France's Angoulême, in Anime News Network. URL consultato il 25 settembre 2018.
  4. ^ 42esimo Angouleme International Comics Festival, i manga in nomination per i Best Comic, in Comicsblog.it. URL consultato il 25 settembre 2018.
  5. ^ Fonte: http://www.animeclick.it/news/51293-i-vincitori-degli-shogakukan-manga-awards-2016
  6. ^ Lucca Comics & Games, i vincitori dei Gran Guinigi 2016 - Wired, in Wired, 29 ottobre 2016. URL consultato il 2 novembre 2016.
  7. ^ Redazione, I vincitori dei Premi Micheluzzi 2017 al Napoli Comicon, su Fumettologica, 30 aprile 2017. URL consultato il 18 febbraio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN51799515 · ISNI (EN0000 0001 1763 1085 · LCCN (ENno2008022280 · GND (DE143266039 · BNF (FRcb12527428w (data) · NDL (ENJA00207913 · WorldCat Identities (ENno2008-022280