Tails' Skypatrol

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tails' Skypatrol
Tails' Skypatrol.png
Tails nel livello RailCanyon Area.
Titolo originale テイルスのスカイパトロール
Sviluppo SIMS Co., Ltd., JSH
Pubblicazione SEGA
Serie Sonic the Hedgehog
Data di pubblicazione Giappone 28 aprile 1995[1]
Genere Piattaforme, Azione, Avventura
Tema Fantascienza, Avventura
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Game Gear
Supporto Cartuccia

Tails' Skypatrol (テイルスのスカイパトロール Teirusu no Sukaipatororu?) è un videogioco sviluppato da SIMS e JSH e pubblicato da SEGA per la console Sega Game Gear. È il primo di due spin-off per la piattaforma portatile che vede protagonista il braccio destro di Sonic, Miles "Tails" Prower. Il gioco segue le avventure di Tails, il quale prova a salvare un'isola da Witchcart, una perfida strega che sostiene di essere in grado di trasformare i dissidenti in cristalli grazie alla sua magia.

Venne rilasciato originalmente il 28 aprile 1995 come esclusiva per il mercato giapponese. Tuttavia divenne disponibile anche per quello occidentale, grazie alla sua inclusione come minigioco sbloccabile in Sonic Adventure DX e come capitolo giocabile in Sonic Gems Collection.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tails decide di concedersi la propria avventura in modo separato dall'amico Sonic. La volpe vola senza meta finché non arriva sopra ad un'isola solitaria con una grande ferrovia d'acciaio. Preoccupatosi che il Dr. Eggman potesse costruire un'altra base, questi si reca sul luogo per controllare. Quando arriva, sente delle vibrazioni dalla ferrovia, perciò salta nei cespugli per nascondersi. In seguito alla confusione, compare una signora eccentrica la quale si presenta come la grande Witchcart, gli annuncia di essere la proprietaria dell'isola e che i dissidenti verranno tramutati in cristalli. Tails è determinato a salvare gli animali dell'isola, perciò si oppone a Witchcart ed i suoi scagnozzi.[2][3]

Il gioco[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile di gioco di Tails' Skypatrol è meno somigliante a quello degli altri titoli a piattaforme della serie. Non sono presenti Rings o smeraldi da raccogliere, il Dr. Robotnik è assente dal gioco e Tails è sospeso in modo costante in modalità di volo. I livelli possono essere completati facilmente facendo muovere il personaggio da sinistra a destra. Se Tails cade, urta contro un oggetto o tocca il suolo, perderà una vita.

Lungo ogni livello, la volpe porta con se un Ring d'oro che può essere utilizzato come proiettile per sconfiggere i nemici, rompere i muri oppure come chiavistello per attivare dispositivi che il giocatore incontrerà lungo il livello, come ad esempio delle barre o i carrelli ferroviari. Questo oggetto si rivela l'unico mezzo per Tails per attaccare i nemici ed afferrare i boss e gli oggetti delle aree.

Al fine di rimanere in volo, il giocatore dovrà salvaguardare in modo costante la barra di volo di Tails, la quale scenderà lentamente fino ad arrivare a zero. Sparsi lungo le mappe sono presenti caramelle alla menta che permettono alla volpe di ripristinare la sua stamina.[4]

Training Area[modifica | modifica wikitesto]

Tails inizia la sua avventura nel livello Training Area, un colorato altopiano situato su una spiaggia che non presenta nemici. Non è altri che un livello introduttivo, successivo al suo completamento il giocatore potrà cominciare dal primo livello, RailCanyon Area.

Livelli[modifica | modifica wikitesto]

  • RailCanyon Area
  • RuinWood Area
  • MetalIsland Area
  • DarkCastle Area

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La rivista Famitsu ha dato al gioco un punteggio di 22 su 40.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tails' Sky Patrol Release Information for GameGear - GameFAQs, GameFAQs. URL consultato il 3 maggio 2015.
  2. ^ Manuale di Tails' Skypatrol, Pg.04, 05, 06
  3. ^ Tails' Skypatrol Story, Green Hill Zone. URL consultato il 9 maggio 2015.
  4. ^ Tails' Skypatrol Gameplay Info, Green Hill Zone. URL consultato il 9 maggio 2015.
  5. ^ NEW GAMES CROSS REVIEW: テイルスのスカイパトロール. Weekly Famicom Tsushin. No.333. Pg.34. 5 Maggio 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi