Tagadà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il programma televisivo di La7, vedi Tagadà (programma televisivo).
Giostra Tagadà

Il Tagadà è una giostra meccanica diffusa sin dagli anni ottanta e presente ancora oggi nella maggior parte dei Luna Park itineranti d'Italia.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Si compone di una base a forma di disco sul cui perimetro sono disposti una serie di divanetti che guardano verso il centro dell'attrazione.[1][2]

L'intera attrazione gira su se stessa e durante la rotazione, grazie ad alcuni pistoni idraulici o pneumatici (ad aria compressa), viene fatta inclinare in modo ondulatorio e in maniera repentina facendo così sobbalzare i passeggeri.[1]

Dall'impianto sonoro della giostra si ascolta quasi sempre una colonna sonora composta dai più noti brani dance del momento.[3]

Azione meccanica[modifica | modifica wikitesto]

La giostra è montata su una base inclinata di circa 20° e viene fatta ruotare da un motore che raggiunge una velocità massima di 12 giri al minuto. A seconda della progettazione può essere provvista di 2 o 4 pistoni di spinta che garantiscono un'inclinazione in movimento compresa tra 20° e 45°. L'intera giostra è progettata in modo da poter essere racchiusa su un rimorchio per il trasporto. L'intera struttura pesa circa 20 tonnellate e il montaggio avviene in 8 ore in 2 persone. La gestione del "giro" può essere controllata in automatico o (come più spesso succede) dal macchinista stesso che decide durata, velocità e ondulazioni utilizzando un'apposita pulsantiera presente nella cassa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Elena Fiore, Normativa, in Fiere, sagre e feste paesane, Maggioli Editore, 2013, p. 224, ISBN 9788838782459. URL consultato il 30 settembre 2016.
    «Giostra azionata a motore, a forma di catino con piattaforma collegata ad un braccio sollevabile idraulicamente e che effettua un movimento girevole e sussultorio. Il pubblico prende posto sui sedili, rivolti all'interno, posti attorno al piatto.».
  2. ^ Loris Righetto et al., Sezione 20, in ABCdiario di lingua e mitologia urbana, Zandegù, 2014, ISBN 9788889831403. URL consultato il 30 settembre 2016.
  3. ^ Mario Desiati, Sezione 8, in Foto di classe: U uagnon se nasciot, Gius. Laterza e figli, 2009, ISBN 9788858102879. URL consultato il 30 settembre 2016.
    «Eccolo lì il Tagadà, un tamburo che gira scortato dalle note della musica discotecara più assordante».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]