Taeniura meyeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pastinaca a macchie nere
Taeniura meyeni maldives2.jpg
Taeniura meyeni
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukarya
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Ittiopsidi
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Superordine Euselachii
Ordine Rajiformes
Famiglia Dasyatidae
Genere Taeniura
Specie T. meyeni
Nomenclatura binomiale
Taeniura meyeni
Muller & Henle, 1841
Sinonimi

Taeniura melanospilos

Nomi comuni

Pastinaca a macchie nere

La pastinaca a macchie nere (Taeniura meyeni Muller & Henle, 1841) è una pastinaca della famiglia Dasyatidae distribuita nelle acque tropicali del Mar Rosso, dell'Oceano Indiano e dell'Oceano Pacifico. È piuttosto comune sui fondali sabbiosi dai 20 metri di profondità in poi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Taeniura meyeni nascosta in una cavità corallina

Gli adulti possono raggiungere i 300 cm di lunghezza ed i 150 kg di peso. Il corpo, di tipica forma discoidale, è molto robusto; gli occhi, piccoli e sommitali, sono seguiti da evidenti spiracoli. Presso la base della coda sono presenti uno o più aculei veleniferi, aventi uno scopo esclusivamente difensivo. Il dorso è di colore grigio scuro, ornato da numerose chiazze nere (da qui il nome comune). Il ventre è bianco.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di piccoli pesci bentonici, crostacei e molluschi, che cattura frugando con forza nella sabbia.

È una specie ovovivipara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Taeniura meyeni, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci