Taboo (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Taboo
Taboo serie TV.jpg
Logo tratto dalla sigla iniziale
Titolo originaleTaboo
PaeseRegno Unito
Anno2017 – in produzione
Formatoserie TV
Generedrammatico, in costume
Stagioni1
Episodi8
Durata55-57 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreTom Hardy, Edward "Chips" Hardy, Steven Knight
RegiaKristoffer Nyholm, Anders Engström
SceneggiaturaSteven Knight, Chips Hardy
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
FotografiaMark Patten
MontaggioJason Krasucki, Matt Platts-Mills
MusicheMax Richter
ScenografiaSonja Klaus
ProduttoreTim Bricknell
Produttore esecutivoTom Hardy, Ridley Scott, Liza Marshall, Kate Crowe, Dean Baker, Steven Knight, Tom Lesinski
Casa di produzioneScott Free Productions, Hardy Son & Baker
Prima visione
Prima TV originale
Dal7 gennaio 2017
Alin corso
Rete televisivaBBC One
Prima TV in italiano
Dal21 aprile 2017
Alin corso
Rete televisivaSky Atlantic

Taboo è una serie televisiva britannica ideata da Steven Knight, Tom Hardy e da suo padre Chips Hardy, che è anche consulente produttore.

La serie viene trasmessa dal 7 gennaio 2017 su BBC One nel Regno Unito, e dal 10 gennaio 2017 su FX, negli Stati Uniti.[1] È stata rinnovata per una seconda stagione.[2]

In Italia, la serie va in onda dal 21 aprile 2017 su Sky Atlantic.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1814 l'avventuriero James Keziah Delaney torna a Londra dopo aver passato molti anni in Africa. Dopo i funerali del padre, morto in oscure circostanze, James eredita l'intero patrimonio assieme alla baia di Nootka, sulla costa occidentale del Canada, un territorio la cui posizione strategica conferirebbe la possibilità di commerciare con l'oriente attraverso il Pacifico. Ben presto dovrà fare i conti con i suoi demoni ed il misterioso passato del padre, fronteggiando la potente Compagnia britannica delle Indie Orientali e la corona inglese, entrambe decise ad ottenere il possesso di Nootka con qualunque mezzo.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV UK Prima TV Italia
Prima stagione 8 2017 2017

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Principali[modifica | modifica wikitesto]

Ricorrenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Horace Delaney (stagione 1), interpretato da Edward Fox.
    Proprietario di una compagnia di navigazione a Londra.
  • Helga von Hinten (stagione 1), interpretata da Franka Potente, doppiata da Francesca Fiorentini.
    Madame di un bordello tedesco.
  • Winter (stagione 1), interpretata Ruby-May Martinwood.
    Figlia segreta di Helga.
  • French Bill (stagione 1-in corso), interpretato da Scroobius Pip.
    Assistente di Atticus.
  • Brighton (stagione 1-in corso), interpretata da Fiona Skinner.
    Membro della banda di Atticus.
  • Ibbotson (stagione 1), interpretato da Christopher Fairbank.
    Fittavolo di Delaney.
  • Edmund Pettifer (stagione 1), interpretato da Richard Dixon.
    Addetto nell'ufficio Africa della Compagnia delle Indie Orientali.
  • Abraham Appleby (stagione 1), interpretato da Roger Ashton-Griffiths.
    Delegato di Cristo.
  • Dott. George Cholmondeley (stagione 1-in corso), interpretato da Tom Hollander.
    Chimico e scienziato.
  • Genevieve Decoux, contessa Musgrove (stagione 1-in corso), interpretata da Marina Hands.
    Originaria di New Orleans e capo delle spie a Londra.
  • Martinez (stagione 1), interpretato da Danny Ligairi.
    Socio d'affari polinesiano di Delaney.
  • George Chichester (stagione 1-in corso), interpretato da Lucian Msamati, doppiato da Roberto Draghetti.
    Avvocato dei Figli dell'Africa.
  • Robert (stagione 1-in corso), interpretato da Louis Serkis.
    Figlio illegittimo di James Delaney.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nancy Tartaglione, FX, BBC Set Premiere Dates For ‘Taboo’ From Tom Hardy, Steven Knight, Ridley Scott, su Deadline.com, 15 novembre 2016. URL consultato il 16 novembre 2016lingua=en.
  2. ^ Taboo rinnovata per una seconda stagione da BBC One e FX, badtv.it. URL consultato il 9 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione