Banca di Tokyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Tōkyō Ginkō)
Jump to navigation Jump to search
La sede della Banca di Tokyo, ora uffici centrali della Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ - sede di Nihonbashi

La Banca di Tokyo (株式会社東京銀行 Kabushiki-gaisha Tōkyō Ginkō?) è stata una banca giapponese specializzata nel commercio estero e nel cambio delle valute, esistita fra il 1946 e il 1996. La banca aveva sede nel quartiere di Nihonbashi a Tokyo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Banca di Tokyo aveva preso il posto della Yokohama Specie Bank, una banca per il commercio estero autorizzata dallo Stato, e inizialmente operava come una banca ordinaria, utilizzando l'azienda della Yokohama Shōkin Ginkō.

In base alla legge sui cambi e le valute del 1954, la Banca di Tokyo ottenne uno statuto speciale come unica banca specializzata nel cambio di valute[1] e chiuse tutte le attività non collegate con il commercio estero. La Banca divenne perciò una stretta collaboratrice del Ministero delle Finanze e della Japan Bank for International Cooperation nel dirigere la politica del commercio estero giapponese durante gli anni del dopoguerra: sia nell'aiutare le imprese giapponesi a vendere i propri prodotti all'estero, sia nel sostenere lo yen come valuta internazionale[2].

La Banca di Tokyo aveva i suoi maggiori uffici all'estero a New York e Londra, e aveva elaborato un sistema per effettuare pagamenti fra lo yen e lo yuan cinese quando il cambio diretto con il dollaro americano non era possibile[2].

La banca era particolarmente attiva in California dal 1953: nel 1973 aveva acquisito una partecipazione di controllo nella Southern California First National Bank di San Diego, poi ribattezzata California First Bank. Nel 1988 la California First acquisì a sua volta la Union Bancorp per formare la Union Bank (l'attuale MUFG Union Bank), una delle maggiori banche della California[3].

La Banca di Tokyo, insieme alla Long-Term Credit Bank of Japan, alla Nippon Credit Bank e alla Norinchukin Bank, era autorizzata a emettere obbligazioni speciali per ottenere fondi in yen.

All'inizio degli anni novanta la banca aveva poche agenzie in Giappone, ma all'estero vantava una rete di 35 agenzie, 14 subagenzie e 26 uffici di rappresentanza, in quarantadue diverse nazioni[1]. A causa delle sue caratteristiche particolari la Banca di Tokyo era la unica banca giapponese che avesse più dipendenti stranieri che nazionali (12.000 contro 5.000[1]), che effettuasse molte operazioni con l'estero, che avesse molti clienti non giapponesi[4], che raccogliesse fondi all'estero[2].

Nel 1996 la Banca di Tokyo si è fusa con la Banca Mitsubishi nella Banca di Tokyo-Mitsubishi, poi a sua volta confluita nel Mitsubishi UFJ Financial Group.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Bank of Tokyo, Ltd. su Japan. An illustrated encyclopedia, Tokyo, Kodansha, 1993.
  2. ^ a b c The Origins of Our Bank, su bk.mufg.jp, Bank of Tokyo-Mitsubishi UFJ. URL consultato il 10 aprile 2015.
  3. ^ Union Bank's History, su unionbank.com, MUFG Union Bank. URL consultato il 10 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2015).
  4. ^ Bank of Tokyo-Mitsubishi Ltd. History, su fundinguniverse.com, International Directory of Company Histories, Vol. 15. St. James Press, 1996. URL consultato il 10 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137732704 · LCCN (ENn81047084 · J9U (ENHE987007605134705171 · WorldCat Identities (ENlccn-n81047084