Tú sí que vales (Spagna)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
¡Tú sí que vales!
Tu si que vales spagna.jpg
PaeseSpagna
Anno2008 - 2013
Generetalent show
Edizioni17
Puntate30
Lingua originalespagnolo
Crediti
ConduttoreChristian Gálvez Montero con Anna Simon e Miguel Ángel Rodríguez Jiménez
IdeatoreJosep María Mainat e Toni Cruz
Casa di produzioneEndemol
Rete televisivaTelecinco

¡Tú sí que vales! è un format televisivo spagnolo del genere talent show.

Il programma[modifica | modifica wikitesto]

Ideato da Josep María Mainat[1] e Toni Cruz[2] nel 2008, è andato in onda su Telecinco fino al 2013, è stato condotto da Christian Gálvez[3] affiancato da Anna Simon e Miguel Ángel Rodríguez Jiménez[4]. Dal 2017 è trasmesso su La Sexta col nome ¡Tú sí que sí!.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Il programma è un talent show in cui si esibiscono artisti dilettanti che si sottopongono al giudizio di una giuria, composta fin dalla prima edizione da Risto Mejide[5], José Corbacho[6], Eduardo Gómez[7] e Merche[8].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il programma era diviso in 17 stagioni di durata molto breve, tra i 4 e 5 episodi.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Edizioni di Tú sí que vales (Spagna).

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Accuse di plagio[modifica | modifica wikitesto]

Il programma è stato accusato di plagio, in quanto troppo simile al format Tienes Talento, versione spagnola del format Got Talent prodotto da Grundy ed esportato in tutto il mondo, che nel 2008 andava in onda su Cuatro, rete che in quel periodo non faceva parte dei canali di Mediaset España Comunicación. Il programma, che rischiò di subire una causa ad opera dei legali Grundy, fu difeso dal suo ideatore, Toni Cruz, che sostenne pubblicamente che il genere talent è (o sarebbe) "universalmente conosciuto" e utilizzato in altri programmi, quindi non esclusivo di nessun format in particolare. In seguito Grundy ritirò le accuse di plagio e quindi programma non fu denunciato: secondo la stampa spagnola, tra le motivazioni che spinsero (o che avrebbero spinto) la casa produttrice di Got Talent a non assumere azioni legali contro ¡Tú sí que vales! ci fu (o ci sarebbe stato) anche lo scarso successo di Tienes Talento, cancellato dopo una sola edizione (notare che Grundy mai ha confermato o smentito questa ricostruzione giornalistica). Curiosamente, Mediaset España ha poi riacquistato Got Talent per rilanciarlo su Telecinco, e Tú sí que vales è passato su La Sexta.

Le versioni del talent all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Il programma dopo il debutto in Italia nel 2014 è sbarcato anche in Albania il 1º aprile 2015, viene trasmesso da Vizion Plus ed è prodotto da Endemol con la collaborazione di Holta Dulaku, Ardi Asllani e Bledar Linza[9][10]. È condotto da Drini Zeqo e vede come giuria fissa il produttore Holta Dulaku, l'autore di Al Shopping Agron Llakaj e il cantautore Kristi Popa, più un quarto giurato a rappresentare la giuria popolare che varia di puntata in puntata.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Noto anche come Josep Mª Mainat, all'anagrafe il suo nome è Josep María Mainat i Castells.
  2. ^ Principalmente noto con lo pseudonimo di Toni Cruz, all'anagrafe il suo nome è Antonio Cruz Llauna
  3. ^ Principalmente noto con il nome di Christian Gálvez, all'anagrafe il suo nome è Christian Gálvez Montero.
  4. ^ Principalmente noto come Miguel Ángel Rodríguez "El Sevilla", ma anche con il soprannome di "El Sevilla" oppure con lo pseudonimo Miguel "Sevilla", all'anagrafe il suo nome è Miguel Ángel Rodríguez Jiménez.
  5. ^ Principalmente noto con il nome di Risto Mejide, all'anagrafe il suo nome è Risto Mejide Roldán.
  6. ^ Principalmente noto con il nome di José Corbacho, all'anagrafe il suo nome è José Corbacho Nieto
  7. ^ Principalmente noto con il nome di Eduardo Gómez, all'anagrafe il suo nome è Eduardo Gómez Manzano
  8. ^ Principalmente nota con il nome d'arte di Merche, all'anagrafe il suo nome è Mercedes Trujillo Callealta.
  9. ^ (SQ) “Tu Si Que Vales Albania”, nga 1 prilli në “Vizion Plus”, DITA
  10. ^ (SQ) Zbulohet juria e “Tu Si Que Vales Albania”, nga 1 prilli në “Vizion Plus”, KOHA JONE
  11. ^ http://vizionplus.al/tusiquevales/ Archiviato il 12 aprile 2015 in Internet Archive. Sito ufficiale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione