Ténès

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ténès (in caratteri arabi: تنس) è una città dell'Algeria, capoluogo dell'omonimo distretto, nella provincia di Chlef.

La città, per cinque secoli sotto i romani, un tempo era sede della diocesi di Cartenna, nella provincia romana di Mauritania. Non più vescovato residenziale, oggi Cartenna è ancora elencata dalla Chiesa cattolica come sede titolare.

Durante i secoli della dominazione romana Cartenna era una città ricca con un forum, teatro, bagni, biblioteca e acquedotti, ma quasi tutto è scomparso. Solo una necropoli a ovest delle mura della città ha mostrato l'abbondanza di prove sul passato cristiano di Cartenna.

Antico vescovato.

I primi vescovi di Cartenna furono Rogatus, il capo di un ramo dissidente di donatisti e il suo successore Vincentius. I vescovi cattolici noti della città sono Peregrinus, Rusticus, che nel 418 assistette alla disputa tra sant'Agostino e il donatista Emeritus al sinodo di Cesarea in Mauritania; Victor, un contemporaneo di Genserico (quindi della metà del V secolo) ed autore di diverse opere; e Lucidus, uno dei vescovi cattolici che Hunerico chiamò al sinodo di Cartagine del 484 e poi esiliato.

Ténès
comune
تنس
Ténès – Veduta
Localizzazione
StatoAlgeria Algeria
ProvinciaChlef
DistrettoTénès
Territorio
Coordinate36°30′44″N 1°18′16″E / 36.512222°N 1.304444°E36.512222; 1.304444 (Ténès)Coordinate: 36°30′44″N 1°18′16″E / 36.512222°N 1.304444°E36.512222; 1.304444 (Ténès)
Altitudine0 - 779 m s.l.m.
Superficie101 km²
Abitanti80 459 (2012)
Densità796,62 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale02200
Fuso orarioUTC+1
Codice ONS0202
Cartografia
Mappa di localizzazione: Algeria
Ténès
Ténès

Nel IV secolo Cartenna fu devastata durante la rivolta di Firmus (372-375 d.C.), domata da Teodosio. La città fu parte dello scisma del Donatismo, chiamato "rogatismo" e della lotta che è avvenuta tra Donatismo e Rogatismo col Cattolicesimo (380-420 d.C.). Scisma iniziato dal suo vescovo Rogatus e continuato da Vincentius fino al 420 d.C. con l'intervento personale di Sant'Agostino.

Occupata dai Vandali nel V secolo e danneggiata, la città fu recuperata dai romani bizantini riacquistando importanza nel VI secolo.

Conquistata dagli arabi intorno al 700 d.C., Cartenna quasi scomparve nei due secoli successivi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]