Sylvilagus robustus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Silvilago robusto[1]
Marsh Rabbit.jpg
Sylvilagus robustus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Lagomorpha
Famiglia Leporidae
Genere Sylvilagus
Specie S. robustus
Nomenclatura binomiale
Sylvilagus robustus
(Bailey, 1905)

Il silvilago robusto (Sylvilagus robustus Bailey, 1905) è una rara specie di silvilago endemica del Sud-ovest americano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ritenuto in passato una sottospecie del silvilago orientale, questo coniglio è lungo 37,5-46,3 cm.[senza fonte]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffuso soltanto sui monti Chisos, Davis e Guadalupe, in Texas e Nuovo Messico, e sulla Sierra de la Madera, nell'adiacente stato messicano di Coahuila. Forse ne sopravvive qualcuno anche sulla Sierra del Carmen.[1][2]

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La Lista rossa IUCN classifica Sylvilagus robustus come specie vulnerabile.[2] Questa specie, ritenuta già rara di natura, ha subito nel corso del XX secolo una continua diminuzione. Negli anni quaranta ne rimanevano solo 50 esemplari sui Monti Guadalupe, ma, a parte due individui avvistati negli anni settanta, dagli anni sessanta quella popolazione è ritenuta scomparsa. L'ultimo esemplare noto che viveva sui Monti Davis fu un individuo investito da un'auto nel 1997. Sulla Sierra de la Madera ne sopravvive forse una popolazione in buone condizioni, sempre che non si tratti di una popolazione di silvilaghi orientali, anch'essi presenti nella zona e molto simili al silvilago robusto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Sylvilagus robustus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ a b c (EN) Ruedas, L.A. & Smith, A.T. 2019, Sylvilagus robustus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 7 dicembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi