Sweetener

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sweetener
ArtistaAriana Grande
Tipo albumStudio
Pubblicazione17 agosto 2018
Durata47:25
Dischi1
Tracce15
GenerePop[1][2]
Contemporary R&B[2]
Trap[3]
EtichettaRepublic Records
ProduttoreILYA, Max Martin, Pharrell Williams, Hitboy, Tommy Brown, Brian Malik Baptiste, Charles Anderson, Michael Foster
Registrazioneluglio 2016–2018[4]
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroBrasile Brasile[5]
(vendite: 20 000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 10 000+)
Francia Francia[7]
(vendite: 50 000+)
Italia Italia[8]
(vendite: 25 000+)
Messico Messico[9]
(vendite: 30 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[10]
(vendite: 7 500+)
Regno Unito Regno Unito[11]
(vendite: 100 000+)
Svezia Svezia[12]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoCanada Canada[13]
(vendite: 80 000+)
Ariana Grande - cronologia
Album precedente
(2017)
Album successivo
(2019)
Logo
Logo del disco Sweetener
Singoli
  1. No Tears Left to Cry
    Pubblicato: 20 aprile 2018
  2. The Light Is Coming
    Pubblicato: 20 giugno 2018
  3. God Is a Woman
    Pubblicato: 13 luglio 2018
  4. Breathin
    Pubblicato: 18 settembre 2018

Sweetener è il quarto album in studio della cantante statunitense Ariana Grande, pubblicato il 17 agosto 2018 dalla Republic Records.[14]

L'album, composto da un totale di 15 tracce, contiene collaborazioni con Missy Elliott, Nicki Minaj e Pharrell Williams, e fa da seguito al suo terzo album Dangerous Woman del 2016.

Il primo singolo, No Tears Left to Cry, è stato pubblicato il 20 aprile 2018 e si è rivelato un successo commerciale per la cantante, raggiungendo la top 10 delle classifiche ufficiali di oltre 20 Paesi. Il secondo singolo, The Light Is Coming, in collaborazione con la rapper Nicki Minaj, è stato presentato il 2 giugno 2018 al Wango Tango[15] ed è stato messo in commercio il 20 giugno 2018 insieme al pre-ordine dell'album.[16] Il terzo singolo, God Is a Woman, è stato pubblicato il 13 luglio insieme al video ufficiale.[17]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Le sessioni di scrittura e di produzione dell'album sono iniziate dopo l'uscita di Dangerous Woman, il terzo album della Grande, uscito a maggio 2016.[18] A inizio 2017 la cantante ha confermato più volte via Twitter di avere un album pronto.[19] Secondo quanto dichiarato da Grande e dal suo team, la produzione dell'album è stata affidata principalmente ai produttori Max Martin e Pharrell Williams, e la cantante ha collaborato alla scrittura di ogni canzone.[20] L'album è stato completato ufficialmente il 2 marzo 2018 a seguito di una sessione di ascolto con il manager Scooter Braun;[21] a fine maggio la cantante ha affermato di avere aggiunto cinque canzoni alle dieci già confermate nella tracklist.[22]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Sweetener è un album prevalentemente basato sui generi pop, R&B e trap,[1][2][3] con elementi dance pop,[23][24] disco,[25] hip hop[26] e soul.[23] Le melodie e le armonie dell'album sono molteplici e includono brani uptempo e ballate più soft.[27]

In un'intervista con Zach Sang la cantante ha spiegato che la cosa «che amo di più di questo progetto dal punto di vista sonoro è che ciò che ho fatto davvero è stato cantare nel mio dolce registro inferiore».[28]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver condiviso su Instagram un'anteprima della canzone Get Well Soon il 31 dicembre 2017, la cantante ha smesso di usare i social fino al 17 aprile 2018, data in cui è stato pubblicato la prima anteprima del singolo No Tears Left to Cry.[29] Nei giorni antecedenti a questa data il team di Grande ha inviato ad amici, familiari e collaboratori della cantante delle felpe con la scritta ʎɹɔ oʇ ʇɟǝl sɹɐǝʇ ou che queste persone hanno indossato in alcune foto condivise su Instagram con lo scopo di pubblicizzare l'imminente pubblicazione del singolo.[30] Il singolo è stato pubblicato il 20 aprile 2018 insieme al rispettivo videoclip.[29] Nella prima settimana di pubblicazione ha debuttato alla terza posizione della Billboard Hot 100 con oltre 100.000 copie vendute e 36.900.000 ascolti in streaming,[31] diventando così il debutto più alto della cantante in questa classifica insieme a Problem del 2014.[32] Il singolo ha reso Grande l'unica cantante nella storia di questa classifica ad aver debuttato nella top 10 con ogni primo singolo dei suoi primi quattro album.[33] Inoltre è stato certificato disco di platino dalla Recording Industry Association of America per aver venduto un milione di copie negli Stati Uniti.[34]

Il titolo dell'album e di alcuni dei brani contenuti nella lista tracce sono stati invece annunciati da Grande in occasione del The Tonight Show del 1º maggio 2018, nella quale si è esibita con No Tears Left to Cry.[35] Il 2 giugno 2018 la cantante si è esibita al Wango Tango in California, concludendo il suo set con una performance di No Tears Left to Cry e un'anteprima di The Light Is Coming,[36] estratto come secondo singolo il 20 giugno 2018 solo in download digitale e streaming insieme al pre-ordine dell'album.[37] Realizzato con la partecipazione vocale di Nicki Minaj, il singolo ha raggiunto la posizione 86 della Billboard Hot 100.[38]

Il 26 giugno, in onore del suo compleanno, la cantante ha reso disponibile per l'ascolto Raindrops (An Angel Cried), traccia d'apertura dell'album.[39] Il 13 luglio è stato presentato il terzo singolo God Is a Woman, accompagnato nello stesso giorno dal videoclip.[40] Esso ha raggiunto l'ottava posizione della Billboard Hot 100, diventando così la decima top 10 di Grande.[41]

L'8 agosto 2018 sono state annunciate tre date di concerti promozionali a New York, Chicago e Los Angeles, con il titolo di The Sweetener Sessions, in collaborazione con American Express. Il 28 agosto dello stesso anno è stato annunciato un quarto concerto a Londra in collaborazione con Capital Up Close. Due mesi più tardi, la cantante ha invece svelato le date nordamericane dello Sweetener World Tour.[42]

Il 18 settembre è stato pubblicato come quarto ed ultimo singolo Breathin, nona traccia dell'album,[43] che ha raggiunto la dodicesima posizione della Billboard Hot 100.[38]

Giudizio della critica[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[27] 4/5 stelle
The Daily Telegraph[2] 4/5 stelle
The Independent[44] 3/5 stelle
New Musical Express[45] 4/5 stelle
Pitchfork[1] 8.1/10
Rolling Stone[46] 4/5 stelle

Sweetener è stato ben accolto dalla critica musicale, ottenendo sul sito Metacritic una punteggio medio di 81 su 100.[47] Nella sua recensione per la rivista New Musical Express, Douglas Greenwood ha descritto Sweetener come «una grintosa, grandiosa e spesso inaspettata collezione di vero pop esplosivo».[45] Sul New York Times, Jon Pareles ha descritto la voce di Ariana Grande «setosa, traspirante o tagliente, fluttuare attraverso lunghi melogrammi o battere brevi frasi R&B, è sempre flessibile e dispersa nell'aria, mai forzata... La signora Grande naviga sopra qualsiasi mischia, passata o presente. Il suo aplomb è il suo trionfo».[48]

Jillian Mapes su Pitchfork scrive: «Dopo anni di ricerca, Ariana Grande ha trovato la sua vera voce. Sweetener è un album pop esemplare che si irradia con gioia non ostentata e amore ritrovato».[1] Brittany Spanos del Rolling Stone lo ha definito «il miglior album di Grande e uno dei migliori del 2018».[46] Anche Kate Solomon sul The Independent ha commentato che la musica incisa sull'album è «spesso inaspettata, a volte in senso buono, è un album di un artista in divenire, che cerca di andare avanti, sebbene riluttante a rinunciare completamente alle vecchie idee».[44] Neil McCormick del The Daily Telegraph ha dichiarato che «la qualità delle canzoni è alta, anche se ci sono momenti in cui non riescono a dimostrare che la teen queen è ormai cresciuta» e che «Sweetener è una deliziosa confezione», riservando commenti meno favorevoli agli ospiti Nicki Minaj e Missy Elliott.[2]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Rivista Lista Posizione
Billboard 50 Best Albums of 2018 1[49]
Complex The Best Albums of 2018 4[50]
Entertainment Weekly The 20 Best Albums of 2018 3[51]
Flavorwire The Best Albums of 2018 4[52]
The Line of Best Fit The Best Albums of 2018 13[53]
The New York Times The 28 Best Albums of 2018 7[54]
Noisey The 100 Best Albums of 2018 3[55]
National Public Radio The 50 Best Albums Of 2018 22[56]
Pitchfork The 50 Best Albums of 2018 11[57]
Rolling Stone The 50 Best Albums of 2018 5[58]
The 20 Best Pop Albums of 2018 2[59]
Stereogum The 50 Best Albums Of 2018 3[60]
Uproxx The 50 Best Albums Of 2018 5[61]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Raindrops (An Angel Cried) – 0:37 (Bob Gaudio)
  2. Blazed (feat. Pharrell Williams) – 3:16 (Pharrell Williams)
  3. The Light Is Coming (feat. Nicki Minaj) – 3:48 (Pharrell Williams, Onika Maraj, Ariana Grande)
  4. R.E.M – 4:05 (Pharrell Williams)
  5. God Is a Woman – 3:17 (Ariana Grande, Ilya Salmanzadeh, Savan Kotecha, Max Martin, Rickard Göransson)
  6. Sweetener – 3:28 (Pharrell Williams, Ariana Grande)
  7. Successful – 3:47 (Pharrell Williams)
  8. Everytime – 2:52 (Ariana Grande, Ilya Salmanzadeh, Savan Kotecha, Max Martin)
  9. Breathin – 3:18 (Ariana Grande, Ilya Salmanzadeh, Savan Kotecha, Peter Svensson)
  10. No Tears Left to Cry – 3:25 (Ariana Grande, Max Martin, Savan Kotecha, KnocDown)
  11. Borderline (feat. Missy Elliott) – 2:57 (Pharrell Williams, Melissa Arnette Elliott)
  12. Better Off – 2:51 (Tommy Brown, Chauncey Hollis, Brian Baptiste, Kim Krysiuk, Ariana Grande)
  13. Goodnight n Go – 3:09 (Tommy Brown, Charles Anderson, Michael Foster, Ariana Grande, Victoria McCants)
  14. Pete Davidson – 1:13 (Ariana Grande, Tommy Brown, Charles Anderson, Victoria McCants)
  15. Get Well Soon – 5:22 (Pharrell Williams, Ariana Grande)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Musicisti
Produzione
  • Ariana Grande – produzione esecutiva
  • Scooter Braun – produzione esecutiva
  • Randy Merrill – mastering
  • ILYA – produzione (tracce 1, 5, 8-10), missaggio (traccia 1)
  • Max Martin – produzione (traccia 1, 8 e 10)
  • Sam Holland – registrazione (tracce 1, 8-10)
  • Cory Bice – assistenza alla registrazione (tracce 1, 8-10)
  • Jeremy Mertola – assistenza alla registrazione (tracce 1, 8-10)
  • Pharrell Williams – produzione (tracce 2-4, 6, 7, 11 e 15)
  • Phil Tan – missaggio (tracce 2, 4, 6, 11 e 15)
  • Bill Zimmerman – ingegneria del suono aggiuntiva (tracce 2, 4, 6, 7, 11 e 15)
  • Andrew Coleman – registrazione e montaggio digitale (traccia 2, 4, 6, 7 e 11)
  • Mike Larson – registrazione e montaggio digitale (tracce 2, 3, 4, 6, 7, 11 e 15)
  • Thomas Cullison – assistenza alla registrazione (tracce 2, 3, 6, 7, 11 e 15)
  • Ben "Bengineer" Sedano – assistenza alla registrazione (tracce 2, 3, 6 e 11)
  • Manny Marroquin – missaggio (traccia 3)
  • Scott Desmarais – assistenza al missaggio (traccia 3)
  • Chris Galland – assistenza al missaggio (traccia 3)
  • Robin Florent – assistenza al missaggio (traccia 3)
  • Jacob Dennis – assistenza alla registrazione (tracce 3 e 6)
  • Ramon Rivas – assistenza alla registrazione (traccia 3)
  • Brendan Morawski – assistenza alla registrazione (traccia 3)
  • Ambry "Big Juice" Delaine – registrazione voce di Minaj (traccia 3)
  • Kris Crawford – assistenza alla registrazione (traccia 3)
  • Manny Park – assistenza alla registrazione (traccia 3)
  • Guillermo Lefeld – assistenza alla registrazione (traccia 4)
  • Jon Sher – assistenza alla registrazione (traccia 4)
  • Serban Ghenea – missaggio (tracce 5, 8, 9, 10, 12-14)
  • John Hanes – assistenza al missaggio (tracce 5, 8, 9, 10, 12-14)
  • David Kim – assistenza alla registrazione (traccia 6)
  • Chris Khan – assistenza alla registrazione (traccia 6)
  • Iain Findlay – assistenza alla registrazione (traccia 6)
  • Hart Gunther – assistenza alla registrazione (traccia 7)
  • Noah Passovoy – registrazione (traccia 9)
  • Hitboy – produzione (traccia 12)
  • Tommy Brown – produzione (tracce 12, 13 e 14)
  • Brian Malik Baptiste – produzione (traccia 12)
  • Charles Anderson – produzione (tracce 13 e 14)
  • Michael Foster – produzione (traccia 13)

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2018) Posizione
Australia[75] 16
Belgio (Fiandre)[76] 33
Belgio (Vallonia)[77] 90
Canada[78] 35
Danimarca[79] 48
Estonia[80] 24
Irlanda[81] 13
Italia[82] 64
Messico[9] 19
Nuova Zelanda[83] 26
Paesi Bassi[84] 20
Regno Unito[85] 16
Spagna[86] 50
Stati Uniti[87] 38
Svezia[88] 48
Svizzera[89] 88

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Jillian Mapes, Ariana Grande: Sweetener Review, Pitchfork, 21 agosto 2018. URL consultato il 25 agosto 2018.
  2. ^ a b c d e (EN) Neil McCormick, Ariana Grande, Sweetener review: Out of the darkness came sweetness, The Daily Telegraph, 17 agosto 2018. URL consultato il 17 agosto 2018.
  3. ^ a b (EN) Elias Leight, Ariana Grande's 'Sweetener' Proves That Trap Is the New Pop, Rolling Stone, 17 agosto 2018. URL consultato il 25 agosto 2018.
  4. ^ (EN) Ariana Grande, sometime in 2016 (maybe early july?) & it was sweetener, Twitter. URL consultato il 24 giugno 2018.
  5. ^ (PT) Certificados, Pro-Música Brasil. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  6. ^ (DA) Album Top-40 - 09.01.2019, su hitlisten.nu. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  7. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  8. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  9. ^ a b c (ES) Los Más Vendidos 2018, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 26 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2019).
  10. ^ (EN) NZ Top 40 Albums Chart, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  11. ^ (EN) Ariana Grande, Sweetener, British Phonographic Industry. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  12. ^ (SV) Ariana Grande - Sweetener, Sverigetopplistan. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  13. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  14. ^ (EN) Gab Ginsberg, Everything We Know About Ariana Grande's New Album 'Sweetener', Billboard, 2 maggio 2018. URL consultato il 17 giugno 2018.
  15. ^ (EN) Daniel Kreps, Watch Ariana Grande Debut New Song 'The Light Is Coming' at Wango Tango, Rolling Stone, 3 giugno 2018. URL consultato il 17 giugno 2018.
  16. ^ (EN) Ariana Grande Reveals 'Sweetener' Album Pre-Order Date, 99.5 The River. URL consultato il 17 giugno 2018.
  17. ^ Ariana Grande lancia il nuovo singolo "God is a Woman", Radio 105, 13 luglio 2018. URL consultato il 21 luglio 2018.
  18. ^ (EN) Vevo on Twitter, in Twitter. URL consultato il 18 giugno 2018.
  19. ^ (EN) Ariana Grande Today on Twitter, in Twitter. URL consultato il 18 giugno 2018.
  20. ^ (EN) Ariana Grande Has Reportedly Finished Her New Album, MTV. URL consultato il 18 giugno 2018.
  21. ^ (EN) Ariana Grande Has Finished A New Album Produced By Pharrell And Max Martin, in Billboard. URL consultato il 18 giugno 2018.
  22. ^ Ariana Grande: l'album Sweetener conterrà cinque brani in più, 27 maggio 2018. URL consultato il 18 giugno 2018.
  23. ^ a b (EN) Chris DeVille, Premature Evaluation: Ariana Grande Sweetener, Stereogum, 17 agosto 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  24. ^ (EN) Jon Caramanica, The Playlist: Prince's Own 'Nothing Compares 2 U,' and 12 More New Songs, The New York Times, 20 aprile 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  25. ^ (EN) Richard S. He, Every Ariana Grande Song, Ranked, Billboard, 27 aprile 2018. URL consultato il 14 luglio 2018.
  26. ^ (EN) Ariana Grande Links With Nicki Minaj On 'The Light Is Coming', Clash Music, 20 giugno 2018. URL consultato il 25 novembre 2018.
  27. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, Sweetener, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 2 settembre 2018.
  28. ^ (EN) Zach Sang Show, Ariana Grande Talks Sweetener, Pete Davidson & Nicki Minaj, su omny.fm, 18 agosto 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018.
  29. ^ a b (EN) Rania Aniftos, Ariana Grande Announces New Song 'No Tears Left to Cry' Out Friday, su Billboard, 17 aprile 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018.
  30. ^ No Tears Left To Cry: il nuovo singolo di Ariana Grande, in R101. URL consultato il 18 giugno 2018.
  31. ^ (EN) Xander Zellner, Ariana Grande Scores 9th Billboard Hot 100 Top 10 With 'No Tears Left to Cry', su Billboard, 30 aprile 2018. URL consultato il 18 giugno 2018.
  32. ^ (EN) Jason Lipshutz, Ariana Grande's Huge 'Problem': Inside The Monster Hot 100 Debut, su Billboard, 12 maggio 2014. URL consultato il 18 giugno 2018.
  33. ^ (EN) Gary Trust, Drake Leads Billboard Hot 100, Ariana Grande Arrives at No. 3 & J. Cole Collects Record Three Debuts in Top 10, su Billboard, 30 aprile 2018. URL consultato il 18 giugno 2018.
  34. ^ (EN) Ariana Grande, No Tears Left to Cry – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 5 luglio 2018.}}
  35. ^ (EN) Braudie Blais-Billie, Watch Ariana Grande Cover Kendrick in the Style of Evanescence on "Fallon", Pitchfork, 2 maggio 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018.
  36. ^ (EN) Ariana Grande Performs 'The Light is Coming' for the First Time Live: Watch, su Billboard, accesso = 29 dicembre 2018.
  37. ^ (EN) Hugh McIntyre, Ariana Grande And Nicki Minaj Release Another Collaborative Single, 'The Light Is Coming', Forbes, 20 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  38. ^ a b (EN) Ariana Grande - Chart history (The Hot 100), su Billboard. URL consultato il 15 luglio 2018.
  39. ^ (EN) Ariana Grande, Status, Twitter. URL consultato il 28 giugno 2018.
  40. ^ (EN) Sam Tornow, Ariana Grande Pushes 'God Is A Woman' Release Date Up: 'Surprise', Billboard, 12 luglio 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018.
  41. ^ (EN) Trevor Anderson, Drake's 'In My Feelings' Leads Billboard Hot 100 for Seventh Week, Ariana Grande's 'God Is A Woman' Hits Top 10, su Billboard, 27 agosto 2018. URL consultato il 29 dicembre 2018.
  42. ^ (EN) Lars Brandle, Ariana Grande Announces 'Sweetener' World Tour: See the Dates, Billboard, 25 ottobre 2018. URL consultato il 28 ottobre 2018.
  43. ^ (EN) Top 40/M Future Releases, AllAccess. URL consultato il 29 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 19 settembre 2018).
  44. ^ a b (EN) Kate Solomon, Ariana Grande, Sweetener review: A portrait of an artist in flux, The Independent, 17 agosto 2018. URL consultato il 6 settembre 2018.
  45. ^ a b (EN) Douglas Greenwood, Ariana Grande – 'Sweetener' review, New Musical Express, 17 agosto 2018. URL consultato il 4 settembre 2018.
  46. ^ a b (EN) Britanny Spanos, Review: Ariana Grande Finds Serenity and Has Some Fun on "Sweetener", Rolling Stone, 20 agosto 2018. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  47. ^ (EN) Sweetener by Ariana Grande, Metacritic. URL consultato il 4 settembre 2018.
  48. ^ (EN) Jon Pareles, Ariana Grande Sails Above Sorrow on "Sweetener", The New York Times, 29 agosto 2018. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  49. ^ (EN) 50 Best Albums of 2018: Critics' Picks, su Billboard. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  50. ^ (EN) Carolyn Bernucca, The 50 Best Albums of 2018, Complex. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  51. ^ (EN) Alex Suskind, The 20 best albums of 2018, Entertainment Weekly. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  52. ^ (EN) Shane Barnes, The 25 Best Albums of 2018, Flavorwire, 7 dicembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  53. ^ (EN) Abigail Firth, The Best Albums of 2018, The Line of Best Fit, 3 dicembre 2018. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  54. ^ Jon Pareles e Jon Caramanica, The 28 Best Albums of 2018, su The New York Times, 6 dicembre 2018. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  55. ^ Lauren O'Neill, The 100 Best Albums of 2018, su Noisey. URL consultato il 7 dicembre 2018.
  56. ^ {{cite web |last1=McKenna |first1=Lyndsey |title=The 50 Best Albums Of 2018 |url=https://www.npr.org/2018/12/04/671206650/the-50-best-albums-of-2018-page-3 |website=NPR |accessdate=December 7, 2018
  57. ^ The 50 Best Albums of 2018, in Pitchfork. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  58. ^ (EN) The 50 Best Albums of 2018, Rolling Stone, 13 dicembre 2018. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  59. ^ 20 Best Pop Albums of 2018, in Rolling Stone, 14 dicembre 2018. URL consultato il 14 dicembre 2018.
  60. ^ Julia Gray, The 50 Best Albums Of 2018, su Stereogum, 4 dicembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  61. ^ Chloe Gilke, The 50 Best Albums Of 2018, su UPROXX, 3 dicembre 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  62. ^ a b c d e f g h i j k l m n (NL) Ariana Grande - Sweetener, Ultratop. URL consultato il 29 agosto 2018.
  63. ^ (EN) Ariana Grande's 'Sweetener' Sours Travis Scott's Success, su fyimusicnews.ca. URL consultato il 29 agosto 2018.
  64. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-40 MUUSIKAS: ajage oma kõrvamajadele nüüd kargud alla ja hakake muusikat kuulama!, su Eesti Ekspress. URL consultato il 30 ottobre 2018.
  65. ^ (FR) Le Top de la semaine : Top Albums - Semaine du 24 Août 2018, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 29 agosto 2018.
  66. ^ (JA) アリアナ・グランデ • ありあなぐらんで, Oricon. URL consultato il 29 agosto 2018.
  67. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart - Week: 39/2018, IFPI Greece. URL consultato l'8 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2018).
  68. ^ (EN) Official Irish Albums Chart Top 50: 24 August 2018 - 30 August 2018, Official Charts Company. URL consultato il 29 agosto 2018.
  69. ^ (PL) Oficjalna lista sprzedaży - 30 August 2018, OLiS. URL consultato il 2 settembre 2018.
  70. ^ (EN) Rob Copsey, Ariana Grande's Sweetener earns her a second Number 1 on the Official Albums Chart: "I'm so grateful!", Official Charts Company. URL consultato il 29 agosto 2018.
  71. ^ (CS) CZ - ALBUMS - TOP 100 - ARIANA GRANDE - Sweetener, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 29 agosto 2018.
  72. ^ (CS) SK - ALBUMS - TOP 100 - ARIANA GRANDE - Sweetener, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 29 agosto 2018.
  73. ^ (EN) Keith Caulfield, Ariana Grande Earns Third No. 1 Album on Billboard 200 Chart With 'Sweetener', su Billboard, 26 agosto 2018. URL consultato il 29 agosto 2018.
  74. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista - 2018. 34. hét - 2018. 08. 17. - 2018. 08. 23., Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 2 settembre 2018.
  75. ^ (EN) ARIA Albums Chart - 2018, ARIA Charts. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  76. ^ (NL) Jaaroverzichten 2018, Ultratop. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  77. ^ (FR) Rapports annuels 2018, Ultratop. URL consultato il 23 dicembre 2018.
  78. ^ (EN) Year-End Charts - Canadian Albums - 2018, su Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  79. ^ (DA) Album Top-100 2018, su hitlisten.nu. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  80. ^ (ET) Siim Nestor, EESTI TIPP-100 MUUSIKAS: Neid artiste ja lugusid kuulati möödunud aastal Eestis kõige rohkem, Eesti Ekspress. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  81. ^ (EN) Jack White, Ireland's Official Top 40 biggest albums of 2018, Official Charts Company, 4 gennaio 2019. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  82. ^ Classifiche annuali Top of the Music FIMI/GfK 2018: protagonista la musica italiana, Federazione Industria Musicale Italiana, 7 gennaio 2019. URL consultato il 7 gennaio 2019.
  83. ^ (EN) Official Top 40 Albums - End of Year Charts 2018, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 17 dicembre 2018.
  84. ^ (NL) Jaaroverzichten - Album 2018, su dutchcharts.nl. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  85. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 2018, Official Charts Company. URL consultato il 4 gennaio 2019.
  86. ^ (ES) Top 100 Albums Annual - 2018, su elportaldemusica.es. URL consultato il 10 febbraio 2019.
  87. ^ (EN) Year-End Charts - Billboard 200 Albums - 2018, su Billboard. URL consultato il 4 dicembre 2018.
  88. ^ (SV) Årslista Album - År 2018, Sverigetopplistan. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  89. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2018, Schweizer Hitparade. URL consultato il 30 dicembre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica