Svanzica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moneta da 20 kreutzer del 1785 raffigurante Franz Ludwig von Erthal, principe-vescovo di Würzburg e Bamberga.

La Svanzica (dal tedesco zwanzig kreuzer "venti kreuzer"[1]) era una moneta in argento diffusa nell'Impero austriaco e quindi anche in territori ora italiani.

La svanzica era una moneta d'argento da venti kreuzer in uso nell'Impero austriaco e nei suoi territori. In Italia si diffuse in particolar modo dopo la creazione del Regno Lombardo-Veneto e durante il regno di Ferdinando I.

Un picco massimo di diffusione si ebbe nel 1823: l'aumento del suo cambio legale da 86 a 87 centesimi provocò un maggiore afflusso di moneta dalle altre provincie imperiali. Alla unificazione d'Italia, la moneta corrispondeva a 1 lira austriaca e a 0,87 lire italiane[2] La svanzica è citata nel romanzo del 1890 I Barbarò dello scrittore lombardo Gerolamo Rovetta (1851-1910)[3] e nel romanzo Il maestro di setticlavio del 1891 dello scrittore romano di origine veneta Camillo Boito (1836-1914)[4].

Modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

In dialetto romanesco si usa tuttora dire "caccia una svanzica" per dire "tira fuori i soldi"[5], nello slang giovanile invece è in uso "svanzicare" che significa "pagare"[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]