Superluogo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Superluoghi)
Jump to navigation Jump to search

Il neologismo superluogo definisce alcuni spazi come fiere e centri commerciali, e altre infrastrutture, che non riescono a integrarsi con le città storiche[1]. Possono essere superluoghi gli aeroporti[1], le stazioni dell'alta velocità ferroviaria, gli stadi e i parchi a tema.
Il concetto è legato anche a interpretazioni sui nonluoghi di Marc Augé.

Si hanno studi sul superluogo di Marc Augé, Marco Torres e Stefano Boeri, e molti dibattiti per stabilire come integrare questi luoghi nello spazio urbano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Federico Castigliano, Flânerie e performance dell'identità tra le nuove fantasmagorie del consumo, « Mantichora », 1, 2011 (http://www.mantichora.it/).
  • I superluoghi - Nuovi luoghi del commercio ad alto impatto territoriale, economico e sociale a cura di Mario Paris, 2008
  • Francesco Nencini - Stefano Pirovano, I Non Luoghi, Silvana Editoriale, Milano, 2005.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]