Superficie diaframmatica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Superficie diaframmatica

La superficie (o faccia) diaframmatica o posteroinferiore del cuore è rivolta nettamente in basso ed è pianeggiante. È attraversata completamente, dal margine acuto a quello ottuso, dal solco atrioventricolare o coronario che è la continuazione diretta di quello presente nella faccia sternocostale.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Questo solco segna il limite fra la porzione ventricolare, più estesa, e quella atriale, situata posterosuperiormente. Dal solco atrioventricolare si distacca, ad angolo retto, il solco interventricolare posteriore che si porta con decorso rettilineo verso la punta del cuore, dove intacca il margine acuto e continua nel corrispondente solco anteriore. Questo solco, corrisponde, all'interno, al setto interventricolare.
Il punto in cui il solco interventricolare posteriore lascia il solco coronario, corrisponde grosso modo al punto in cui la linea di divisione fra i due atri incrocia il solco coronario. Su questa faccia del cuore la parte atriale è rappresentata soltanto da una piccola porzione della parete degli altri compresa fra il solco atrioventricolare e lo sbocco della vena cava inferiore (a destra) e delle vene polmonari (a sinistra).
Sulla faccia diaframmatica, ha la sua massima espansione il ventricolo sinistro, comprendente la punta del cuore, mentre il ventricolo destro occupa una parte meno estesa, dal solco interventricolare