Supercoppa italiana 2014 (calcio femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supercoppa italiana di calcio femminile 2014
Competizione Supercoppa italiana (calcio femminile)
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 18ª
Organizzatore Divisione Calcio Femminile
Date 27 settembre 2014
Luogo Italia Italia
Montecchio Maggiore
Partecipanti 2
Risultati
Vincitore Brescia
(1º titolo)
Secondo Tavagnacco
Statistiche
Incontri disputati 1
Gol segnati 2 (2 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2013 2015 Right arrow.svg

La Supercoppa italiana 2014 di calcio femminile si è disputata sabato 27 settembre 2014 alle ore 15.00 presso lo Stadio Gino Cosaro di Montecchio Maggiore.

La sfida ha visto contrapposte il Brescia, vincitore della Serie A 2013-2014 e il Tavagnacco, vincitore della Coppa Italia 2013-2014.

La gara[modifica | modifica wikitesto]

Il match si sblocca nel secondo tempo, quando al minuto 63 il Tavagnacco passa in vantaggio con Gloria Frizza, lesta a riprendere una respinta corta di Chiara Marchitelli. Le campionesse d'Italia trovano il pareggio al minuto 82 con Daniela Sabatino, che riprende un tiro di Valentina Cernoia respinto da Sara Penzo. La gara termina uno a uno e così si va ai calci di rigore: dopo un errore per parte, con Paola Brumana e Barbara Bonansea entrambi parati, l'errore decisivo è di Elisa Camporese, che al quinto tiro centra il palo.

Il Brescia vince così la sua prima Supercoppa italiana.

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Montecchio Maggiore
27 settembre 2014, ore 15:00 UTC+1
Brescia 1 – 1
referto
Tavagnacco Stadio Gino Cosaro
Arbitro Alex Feraudo (Chiavari)

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Brescia
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Tavagnacco

Formazioni[modifica | modifica wikitesto]

Brescia
P 1 Italia Chiara Marchitelli
D 3 Italia Roberta D'Adda
D 16 Svezia Maria Karlsson Ammonizione al 61’ 61’
D 5 Italia Elena Linari
C 2 Italia Giulia Nasuti Ammonizione al 79’ 79’
C 6 Italia Martina Rosucci
C 7 Italia Valentina Cernoia
C 14 Italia Eleonora Prost Uscita al 66’ 66’
C 9 Italia Daniela Sabatino
A 10 Italia Cristiana Girelli Uscita al 70’ 70’
A 11 Italia Barbara Bonansea
A disposizione:
P 12 Romania Camelia Ceasar
D 13 Italia Lisa Boattin Ingresso al 66’ 66’
D 4 Italia Elisa Zizioli
D 15 Italia Stefania Zanoletti
C 20 Italia Fabiana Costi
C 19 Italia Chiara Massussi
A 17 Italia Stefania Tarenzi Ingresso al 70’ 70’
Allenatore:
Italia Milena Bertolini
Tavagnacco
P 1 Italia Sara Penzo
D 2 Italia Nenè Nhaga Bissoli
D 3 Italia Gloria Frizza
D 4 Italia Alessia Tuttino
D 5 Italia Ambra Pochero
C 6 Italia Michela Martinelli
C 7 Italia Paola Brumana Ammonizione al 76’ 76’
C 8 Italia Rossella Sardu
C 9 Italia Erika Lauriola Uscita al 74’ 74’
A 10 Italia Alice Parisi
A 11 Italia Elisa Camporese
A disposizione:
P 12 Italia Stefania Blancuzzi
D 13 Italia Francesca Nobile
D 14 Italia Chiara Cecotti Ingresso al 74’ 74’
C 15 Italia Karin Mantoani
C 16 Italia Luisa Usenich
A 17 Italia Federica Veritti
A 18 Italia Sofia Del Stabile
Allenatore:
Italia Sara Di Filippo

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Per la prima volta dopo sette anni, in finale non è arrivata la Torres (sei vittorie ed una sconfitta).
  • Brescia e Tavagnacco erano state finaliste contro le sarde nelle ultime tre edizioni, perse in tutte e tre i casi per 2-1.
  • Per la prima volta dal 2005, in campo non c'era Patrizia Panico, che aveva giocato tutte le finali precedenti: tre con il Bardolino e cinque con la Torres.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio