Supercoppa di Lega di Serie C 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Supercoppa di Serie C.

Supercoppa di Lega di Serie C 2000
Logo della competizione
Competizione Supercoppa di Serie C
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Lega Professionisti Serie C
Date dal 21 maggio 2000
al 25 maggio 2000
Luogo Crotone, Siena
Partecipanti 2
Formula Scontro diretto
Impianto/i Stadio Artemio Franchi, Stadio Ezio Scida
Sito web lega-pro.com
Risultati
Vincitore Siena
(1º titolo)
Secondo Crotone
Statistiche
Miglior marcatore Italia Marco Ghizzani
Italia Giacomo Lorenzini
Italia Biagio Pagano
(1 a testa)
Incontri disputati 2
Gol segnati 3 (1,5 per incontro)
Cronologia della competizione
2001 Right arrow.svg

La Supercoppa di Lega di Serie C 2000 è stata la 1ª edizione della Supercoppa di Serie C. Nel torneo si affrontano le vincitrici dei due gironi della Serie C1 1999-2000. L'edizione venne vinta dal Siena per la prima volta nella sua storia.[1]

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre partecipanti all'edizione 2000:

Formula[modifica | modifica wikitesto]

La formula prevede che le due squadre si affrontino in una gara di andata ed in una di ritorno, la vincitrice dell'edizione sarà quella che avrà segnato più gol in entrambe le gare. In caso di arrivo a pari reti, la vittoria dell'edizione verrà data alla squadra che ha segnato il maggior numero di gol in trasferta. In caso che anche i gol in trasferta segnati dalle compagini siano uguali, si procederà ai calci di rigore.[2]

Incontri[modifica | modifica wikitesto]

Crotone
21 maggio 2000
Andata
Crotone1 – 1
referto
SienaStadio Ezio Scida
Arbitro:  Cruciani (Pesaro)

Siena
25 maggio 2000
Ritorno
Siena1 – 0
referto
CrotoneStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Girardi (San Donà di Piave)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Albo d’Oro Supercoppa Prima Divisione, lega-pro.com. URL consultato il 18 agosto 2015.
  2. ^ Supercoppa Prima Divisione 2010 Novara-Portogruaro, sportlive.it, 13 maggio 2010. URL consultato il 18 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]