Super Hang-On

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Super Hang-On
videogioco
PiattaformaArcade, Sega Mega Drive, MS-DOS, Amiga, Atari ST, Mac OS, ZX Spectrum, Amstrad CPC, Commodore 64, Sharp X68000
Data di pubblicazione1987 (arcade)
GenereMotociclismo
OrigineGiappone
SviluppoSEGA
DesignYu Suzuki
Modalità di giocoGiocatore singolo
Distribuzione digitalePlayStation Network, Xbox Live, Virtual Console
Preceduto daHang-On
Seguito daHang-On GP

Super Hang-On (スーパーハングオン?) è un videogioco arcade di tipo simulatore di guida, pubblicato nel 1987 dalla SEGA. È il sequel del videogioco Hang-On, il cui tema centrale è la corsa con le motociclette: ideatore di entrambi, Yu Suzuki.

Nel 1989 il titolo è stato pubblicato anche per altre piattaforme, tra cui Sega Mega Drive, Commodore Amiga, Atari ST, Mac OS, ZX Spectrum, Amstrad CPC e Commodore 64. Emulazioni della versione arcade sono state pubblicate per varie piattaforme più moderne, tra cui una versione per Virtual Console il 14 settembre 2010 in Giappone e il 3 maggio 2012 nel resto del mondo.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore deve scegliere una delle quattro piste a sua disposizione, collocate in 4 continenti diversi, da cui prendono appunto nome: Africa, Asia, America ed Europa, elencate per difficoltà crescente (percorsi rispettivamente con 6, 10, 14 e 18 tappe). La visuale è sempre in terza persona, con la moto che rimane dunque visibile sullo schermo. Come in Hang-On, bisogna cercare di arrivare al traguardo senza fare scadere il tempo a disposizione: tra una tappa e l'altra vengono recuperati secondi bonus. Motociclisti CPU e ostacoli ai lati del percorso sono anche qui elementi d'intralcio. Un'innovazione è costituita dalla presenza di dossi e tratti in discesa. Completando la pista più difficile, cioè Europa, si ha un sorprendente finale, col protagonista del gioco che si rivela essere un gagliardo vecchietto.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche portano la firma di due compositori, Katsuhiro Hayashi e Koichi Namiki.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb169643190 (data)