Suore orsoline del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Suore Orsoline del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante (in latino Congregatio Sororum Ursulinarum a Sacro Corde Iesu Agonizantis) sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: le suore di questa congregazione, dette anche Orsoline Grigie, pospongono al loro nome la sigla U.S.K.J. (dal polacco Urszulanek Serca Jezusa Konającego).[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Ritratto fotografico di madre Urszula Ledóchowska nel 1907

La congregazione trae origine dalla comunità di orsoline di Pietroburgo, sorta nel 1907 a opera delle religiose del monastero di Cracovia per gestire il liceo-ginnasio e l'internato di Santa Caterina; per dirigere la comunità dalla Polonia giunse Urszula Ledóchowska (1865-1939), sotto il cui governo la filiale russa si rese autonoma dalla casa madre (1908).[2]

A causa dell'ostilità del regime zarista alle istituzioni religiose cattoliche, le orsoline vennero costrette alla clandestinità e nel 1914, nel corso della prima guerra mondiale, la Ledóchowska venne espulsa dalla Russia: trascorse il suo esilio in massima parte nei paesi scandinavi.[2]

Il monastero di Pietroburgo dovette essere trasferito a Pniewy, presso Poznań, e la Ledóchowska cercò, senza successo, di affiliarlo all'unione polacca delle monache orsoline; il 7 giugno 1920, ritenuta data di fondazione dell'istituto, la Congregazione per i Religiosi autorizzò la trasformazione della casa autonoma di Pniewy in congregazione di voti semplici per l'apostolato attivo e pose il nuovo istituto sotto l'invocazione del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante. La Santa Sede approvò la congregazione il 4 giugno 1923.[2]

Papa Giovanni Paolo II ha beatificato la Ledóchowska (in religione madre Orsola) il 20 giugno 1983 a Poznań e l'ha proclamata santa il 18 maggio 2003 in Piazza San Pietro a Roma.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le Orsoline Grigie si dedicano all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù: sono attive presso scuole elementari, dell'infanzia, di taglio e cucito, oratori, residenze per studenti e case famiglia per malati di AIDS.[4]

Sono presenti in Europa (Bielorussia, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Polonia, Ucraina), nelle Americhe (Argentina, Brasile, Canada), in Tanzania e nelle Filippine;[4] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005, la congregazione contava 832 religiose in 98 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1655.
  2. ^ a b c DIP, vol. VI (1980), coll. 898-900, voce a cura di M. Kujawska.
  3. ^ Tabella riassuntiva delle canonizzazioni avvenute nel corso del pontificato di Giovanni Paolo II, su vatican.va. URL consultato il 3-11-2009.
  4. ^ a b Opere della congregazione nel mondo, su orsolinescga.it. URL consultato il 3-11-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo