Suore di Nostra Signora del Carmelo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Suore di Nostra Signora del Carmelo sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio: i membri di questa congregazione pospongono al loro nome la sigla S.N.S.C.[1]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Maria Teresa Scrilli, fondatrice della congregazione

La congregazione fu fondata a Montevarchi da Maria Teresa Scrilli (1825-1889). Terziaria carmelitana, nel 1852 il confaloniere del comune le aveva affidato la direzione della scuola normale leopoldina della città: con l'approvazione del vescovo di Fiesole Francesco Bronzuoli, il 15 ottobre 1854 la Scrilli, insieme ad alcune compagne, vestì l'abito carmelitano e aprì una scuola per le fanciulle povere della città, dando inizio alla nuova famiglia religiosa.[2]

Il 27 maggio 1855 il sodalizio ottenne l'approvazione civile del granduca di Toscana; soppressa nel 1860, la congregazione fu restaurata nel 1875, quando l'arcivescovo Eugenio Cecconi concesse alle suore di aprire una scuola e un convitto a Firenze.[2]

Le costituzioni delle Suore di Nostra Signora del Carmelo vennero approvate ad experimentum dal cardinale Alfonso Maria Mistrangelo e il 29 gennaio 1929 le religiose vennero riconosciute come congregazione di diritto diocesano; l'istituto, aggregato all'Ordine Carmelitano dal 31 marzo 1929, ricevette il pontificio decreto di lode il 27 febbraio 1933 e le sue costituzioni vennero approvate definitivamente dalla Santa Sede il 2 luglio 1933.[2]

La fondatrice è stata beatificata l'8 ottobre 2006.[3]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le Suore di Nostra Signora del Carmelo si dedicano prevalentemente all'istruzione e all'educazione cristiana della gioventù; prestano anche servizio come infermiere negli ospedali.[4]

Oltre che in Italia, sono presenti in Brasile, Canada, Repubblica Ceca, Filippine, India, Indonesia, Israele, Polonia, Stati Uniti:[5] la sede generalizia è a Roma.[1]

Al 31 dicembre 2005 l'istituto contava 240 religiose in 43 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2007, p. 1641.
  2. ^ a b c DIP, vol. VI (1980), coll. 372-373, voce a cura di C. Pezzini.
  3. ^ Riti di beatificazioni approvati da papa Benedetto XVI, su vatican.va. URL consultato il 14 luglio 2009.
  4. ^ La missione, su inscarmelo.it. URL consultato il 21 gennaio 2012.
  5. ^ Le comunità nel mondo, su inscarmelo.it. URL consultato il 21 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN125534795 · LCCN (ENn84034330 · BNF (FRcb14597623f (data)
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo