Suore della Divina Provvidenza per l'Infanzia Abbandonata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le Suore della Divina Provvidenza per l'Infanzia Abbandonata sono un istituto religioso femminile di diritto pontificio.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La congregazione fu fondata a Piacenza dal sacerdote Francesco Torta (1864-1949), che il 19 marzo 1921 rivestì le prime quattro aspiranti dell'abito religioso.[2]

La prima missione fu aperta a Mendida, in Etiopia, nel 1971, in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazione.[3]

L'istituto ricevette il pontificio decreto di lode il 2 dicembre 1945.[4]

Attività e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Le suore si dedicano a opere di istruzione e assistenza, particolarmente a favore di sordi, ciechi e orfani, in asili, convitti, laboratori e missioni.[4]

Oltre che in Italia, sono presenti in Etiopia e Kenya;[5] la sede generalizia è a Piacenza.[1]

Alla fine del 2008 la congregazione contava 78 religiose in 12 case.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Ann. Pont. 2010, p. 1631.
  2. ^ F. Molinari, DIP, vol. III (1976), col. 737.
  3. ^ F. Molinari, DIP, vol. III (1976), col. 739.
  4. ^ a b F. Molinari, DIP, vol. III (1976), col. 738.
  5. ^ Mons. Torta e la Madonna della Bomba, su sacricorridoi.blogspot.it. URL consultato il 9 maggio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annuario Pontificio per l'anno 2010, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2010. ISBN 978-88-209-8355-0.
  • Guerrino Pelliccia e Giancarlo Rocca (curr.), Dizionario degli Istituti di Perfezione (DIP), 10 voll., Edizioni paoline, Milano 1974-2003.
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo