Suning Commerce Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Suning Commerce Group Co., Ltd.
Logo
SuNingDianQiLianSuoDian.JPG
Negozio di Suning
StatoCina Cina
Fondazione1996
Fondata daZhang Jindong
Sede principaleNanchino, Jiangsu
Persone chiaveZhang Jindong (presidente)
SettoreVendita al dettaglio
ProdottiElettrodomestici, prodotti elettronici
Fatturato148.585 miliardi di RMB cinesi (2016)
Utile netto704 milioni di RMB cinesi (2016)
Dipendenti24.951[1][2] (2015)
Sito web

Suning Commerce Group (cinese semplificato: 苏宁云商; cinese tradizionale: 蘇寕雲商; pinyin: Sūníng Yúnshāng) è una società ad azionariato diffuso cinese che opera nel settore della vendita al dettaglio di elettrodomestici e prodotti elettronici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata fondata il 15 maggio 1996 da Zhang Jindong e ha sede a Nanchino, capoluogo della provincia dello Jiangsu.

Ha più di 1600 negozi in oltre 700 città tra Cina, Hong Kong e Giappone.[3]

Dispone di una piattaforma di e-commerce in cui vende, tra le altre cose, anche libri, cosmetici e prodotti per bambini.

Investimenti nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2016 Suning Appliance Group (società proprietaria del 15,62% di Suning Commerce Group) ha acquistato per 73 milioni lo Jiangsu Sainty Football Club, cambiandone il nome in Jiangsu Suning Football Club.[4]

Nel giugno 2016 Suning Holdings Group (società proprietaria del 3,33% di Suning Commerce Group) ha acquistato il 68,55% dell'Inter, diventando così l'azionista di maggioranza del club calcistico milanese.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Number of employees at Suning Home Appliances in China from 2010 to 2015, statista.com.
  2. ^ Suning employees (2015), su forbes.com.
  3. ^ Alessandro Pasini, La Suning di Mr Jindong, patrimonio personale di 4 miliardi di dollari, in Corriere della Sera, 22 aprile 2016. URL consultato il 24 aprile 2016.
  4. ^ Inter, Suning è un impero: con lo Jiangsu si è preso la Super League cinese, in Gazzetta dello Sport.
  5. ^ Assemblea degli azionisti di F.C. Internazionale Milano, inter.it, 28 giugno 2016. URL consultato il 7 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]