SummerSlam (2002)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da SummerSlam 2002)
SummerSlam (2002)
Colonna sonora Fight di Jim Johnston
Prodotto da World Wrestling Entertainment
Brand Raw
SmackDown!
Sponsor Foot Locker
Data 25 agosto 2002[1]
Sede Nassau Veterans Memorial Coliseum
Città Uniondale, Stati Uniti
Spettatori 14.797[1]
Cronologia pay-per-view
Vengeance (2002) SummerSlam (2002) Unforgiven (2002)
Progetto Wrestling

SummerSlam (2002) è stata la quindicesima edizione dell'annuale evento in pay-per-view SummerSlam, prodotto dalla World Wrestling Entertainment (WWE). L'evento si è svolto il 25 agosto 2002 presso il Nassau Coliseum di Uniondale. Con questa edizione, SummerSlam è diventato il primo pay-per-view a tenersi all'interno delle tre sedi più importanti dell'area metropolitana di New York. Il Madison Square Garden ospitò l'evento nel 1988, 1991 e 1998, mentre l'Izod Center di East Rutherford ospitò l'evento nel 1989, 1997 e 2007. La colonna sonora dell'evento è stata Fight di Jim Johnston.

Il main event, per quanto riguarda il roster SmackDown!, fu quello per l'WWE Undisputed Championship tra il campione The Rock e lo sfidante Brock Lesnar, vinto da quest'ultimo schienamento dopo l'esecuzione della F-5.[2] Mentre il match principale per il roster di Raw fu l'Unsactioned Street Fight match tra Shawn Michaels e Triple H, vinto da Michaels per schienamento dopo aver schienato Triple H in un jacknife roll-up, mentre quest'ultimo stava tentando di eseguire il Pedigree.[1][3][4] Ci fu inoltre un match interpromozionale per l'Intercontinental Championship tra il campione Chris Benoit e lo sfidante Rob Van Dam, vinto da Van Dam dopo una Five-Star Frog Splash. Altri match importanti dell'evento furono Undertaker contro Test e Kurt Angle contro Rey Mysterio. Gli altri match presenti nell'undercard furono The Undertaker contro Test, e Kurt Angle contro Rey Mysterio.[5][6] Questa edizione di Summerslam è considerata la più bella di sempre, tant'è che Dave Meltzer lo classificò come il miglior evento di wrestling del 2002.

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

La rivalità principale di SummerSlam, per quanto riguarda il roster di SmackDown, fu quella tra The Rock e Brock Lesnar per il WWE Undisputed Championship. Nella puntata di Raw del 24 giugno, venne annunciato che Lesnar avrebbe affrontato il campione a SummerSlam.[7] A King of the Ring, Lesnar sconfisse Test nelle semifinali, e nella stessa sera più tardi Lesnar sconfisse Rob Van Dam in finale ottenendo il diritto di affrontare il WWE Undisputed Champion a SummerSlam. A Vengeance, The Rock sconfisse il campione The Undertaker e Kurt Angle in un triple threat match per vincere il WWE Undisputed Championship schienando Angle dopo aver eseguito su di lui la Rock Bottom.[8][9] Nella puntata di SmackDown del 25 luglio, durante un match valevole per il WWE Tag Team Championship tra il team composto da The Rock e Hollywood Hulk Hogan contro quello composto dagli Un-Americans (Lance Storm e Christian), Lesnar interferì attaccando Hogan con una F-5. A causa dell'interferenza di Lesnar, Rock e Hogan vinsero il match per squalifica, ma non il titolo.[10] Nella puntata di SmackDown! dell'8 agosto, Lesnar mise la sua opportunità titolata di SummerSlam in palio contro Hollywood Hulk Hogan con la stipulazione che se Hogan avesse vinto, avrebbe potuto affrontare The Rock nella rivincita di WrestleMania X8 a SummerSlam per il WWE Undisputed Championship. Durante il match, Lesnar sottomisse Hogan in un bear hug e lo fece svenire costringendo l'arbitro a far sospendere l'incontro. Dopo il match, Lesnar colpì Hogan con una sedia d'acciaio causandogli una ferita.[11] La settimana successiva a SmackDown!, The Rock affrontò Chris Benoit in un "Champion vs. Champion" match. Durante il match, Lesnar interferì imitando The Rock mentre quest'ultimo era sottomissione nella Crippler Crossface da Benoit. Tuttavia, Rock sconfisse Benoit dopo aver eseguito la Rock Bottom.[12] Nella puntata di SmackDown! prima di SummerSlam, The Rock e Edge sconfissero Chris Benoit e Eddie Guerrero. Dopo il match, Lesnar fece la sua apparizione per confrontarsi ancora una volta con The Rock, che portò a una rissa tra i due che concluse lo show.[13]

Un'altra rivalità predominante, per quanto riguarda il roster di Raw, fu quella tra Triple H e Shawn Michaels. A Vengeance, Michaels tornò dopo essere stato fuori per quattro anni a causa di un infortunio alla schiena. Triple H dovette scegliere il suo roster di appartenenza tra Raw e SmackDown!, Michaels lo aiutò a decidere offrendogli di riformare la D-Generation X (DX) nel roster di Raw. Triple H scelse Raw, ma la sera successiva mentre Michaels e Triple H stavano riformando la DX, quest'ultimo attaccò Michaels con il Pedigree.[14] Nella puntata di Raw del 29 luglio, Michaels fu trovato disteso a terra nel parcheggio pieno di sangue.[15] La settimana successiva a Raw, una telecamera di sicurezza rivelò che fu Triple H ad aver attaccato Michaels alle spalle. Triple H disse di averlo fatto per dimostrare che Michaels era "debole". Michaels disse poi a Triple H che non era al 100&, ma che sarebbe stato presente a SummerSlam.

A Vengeance, Rob Van Dam sconfisse Brock Lesnar per squalifica mantenendo, così, l'Intercontinental Championship. La sera dopo, a Raw, il general manager Eric Bischoff decise di unificare l'Intercontinental Championship con l'European Championship ed annunciò dunque un Ladder match tra i detentori dei rispettivi titoli. In tale match, l'Intercontinental Champion Rob Van Dam sconfisse l'European Champion Jeff Hardy per unificare le due cinture e, di conseguenza, l'European Championship venne ritirato. La settimana successiva, a Raw, Chris Benoit sconfisse Van Dam conquistando l'Intercontinental Championship per la quarta volta per poi passare al roster di SmackDown, andando a rendere il titolo come un'esclusiva di tale roster. Nella puntata di Raw del 12 agosto, Van Dam sconfisse Jeff Hardy ottenendo il diritto di affrontare l'Intercontinental Champion Chris Benoit a SummerSlam. Dunque, a SummerSlam, se Benoit avesse vinto, l'Intercontinental Championship sarebbe rimasto un'esclusiva di SmackDown; mentre se RVD avesse vinto, il titolo sarebbe tornato ad essere un'esclusiva del roster di Raw.

Evento[modifica | modifica wikitesto]

Il primo match vede Kurt Angle opposto a Rey Mysterio. Il match è dominato da Kurt Angle, che alla fine del match ribalta una Hurricarana, direttamente nella Angle Lock. Mysterio non riesce a rompere la mossa di sottomissione e cede.

Il match successivo vede contrapposti Ric Flair e Chris Jericho. Jericho chiude Flair nella figur-four leg-lock. Chris insiste che Flair ha ceduto alla sua mossa, ma l'arbitro fa continuare il match. Flair vince il match chiudendo Chris nella medesima mossa.

Il terzo match della serata fu Edge contro Eddie Guerrero. Durante il match, Eddie puntò alle spalle di Edge. Guerrero si oppose ad una spear, con un dropckick sulla spalla destra di Edge e decise di eseguire una frog splash sulla spalla di Edge mentre era supino a terra. In qualsiasi modo, Edge si riprese con un Edgecution e una Spear, per poi schienare Eddie.

Il match successivo mise in palio il WWE Tag Team Championship. Gli Un-Americans (Lance Storm e Christian) affrontarono Booker T e Goldust. Durante il match, Booker fu abile a colpire Storm e Christian con uno scissors kick. Ma Test colpisce Booker T con un big boot. Storm ne approfitta e affettua la copertura vincente. Gli Un-Americans conservano i titoli di coppia.

Il quinto match in programma mise in palio l'Intercontinental Championship. Chris Benoit difende il titolo da Rob Van Dam. Benoit vuole che il titolo rimanga un'esclusiva di SmackDown, infatti Rob Van Dam combatte per Raw. Van Dam vince dopo aver eseguito la Five Star Frog Splash. Il titolo passa nel roster di Raw.

Undertaker combatte con Test in seguito. Storm e Christian interferiscono, ma vengono respinti con una chockslam a testa. Taker vince dopo aver eseguito una Tombostone Piledriver. Dopo il match, Undertaker celebra con la bandiera americana.

Il settimo match del PPV fu lo Street Fight match tra HBK e HHH. Questa è la prima apparizione di Shawn da WrestleMania XIV. Shawn vince dopo aver rovesciato un Pedigree in un jackknife roll-up. Dopo il match Triple H lo colpì con lo sledgehammer sulla schiena, forzando Michaels a essere portato via in barella.

Nel main event, l'Undisputed WWE Champion The Rock deve resistere all'attaccò di Brock Lesnar. Brock Lesnar domina il match con mosse basate sulla forza ma The Rock arriva vicino alla vittoria in più occasioni. Lesnar porta a casa la vittoria dopo una F-5, diventando il più giovane campione nella storia del titolo.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

L'Undisputed WWE Championship, fino a quel momento, era stato un'esclusiva di RAW. Questo, in teoria, avrebbe costretto Lesnar a difendere il nuovo titolo nello show rosso. Ma Stepahanie McMahon, l'allora general manager di SmackDown, vincolò Lesnar al proprio show dimostrando che il contratto lo legava al suo roster. Il titolo passò nello show blu (perdendo la denominazione "Undisputed") e Raw rimase senza campione.

Il 2 settembre, durante l'edizione di Monday Night Raw, Eric Bischoff ridiede vita al World Heavyweight Championship e nominò Triple H come campione.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Brand Incontri Stipulazioni Durata
Heat Raw Spike Dudley ha sconfitto Steven Richards Single match 02:35
1 SmackDown! Kurt Angle ha sconfitto Rey Mysterio per sottomissione Single match 09:20
2 Raw Ric Flair ha sconfitto Chris Jericho per sottomissione Single match 10:22
3 SmackDown! Edge ha sconfitto Eddie Guerrero Single match 11:50
4 Raw The Un-Americans (Christian e Lance Storm) (c) hanno sconfitto Booker T e Goldust Tag Team match per il WWE Tag Team Championship 09:37
5 Interbrand Rob Van Dam (Raw) ha sconfitto Chris Benoit (c) (SmackDown!) Single match per il WWE Intercontinental Championship 16:30
6 SmackDown! The Undertaker ha sconfitto Test Single match 08:18
7 Raw Shawn Michaels ha sconfitto Triple H Unsanctioned Street Fight match 27:50
8 SmackDown! Brock Lesnar (con Paul Heyman) ha sconfitto The Rock (c) Single match per il WWE Undisputed Championship 15:50

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) SummerSlam 2002, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History. URL consultato il 7 marzo 2018.
  2. ^ (EN) SummerSlam 2002, su pwwew.net, pWw--Everything Wrestling. URL consultato il 7 marzo 2018.
  3. ^ (EN) SummerSlam 2002 Results, su wwe.com, WWE, 25 agosto 2002. URL consultato il 7 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 31 dicembre 2007).
  4. ^ (EN) SummerSlam 2002 Results, su hoffco-inc.com, Hoffco-inc, 25 agosto 2002. URL consultato il 7 marzo 2018.
  5. ^ (EN) Rick Scaia, WWE SummerSlam, su oowrestling.com, Online Onslaught, 25 agosto 2002. URL consultato il 7 marzo 2018.
  6. ^ (EN) SummerSlam 2002 Results, su twnpnews.com, TWNP News, 25 agosto 2002. URL consultato il 7 marzo 2018.
  7. ^ (EN) 411's WWE Raw Report 6.24.02, su 411mania.com, 411 Mania, 24 giugno 2002. URL consultato il 7 marzo 2018.
  8. ^ (EN) The Rock defeated Undertaker and Kurt Angle in a Triple Threat Match to become WWE Champion, su wwe.com, WWE, 21 luglio 2002. URL consultato il 7 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).
  9. ^ (EN) Adam Martin, WWE Vengeance Results – 7/21, su wrestleview.com, Wrestleview, 21 luglio 2002. URL consultato il 7 marzo 2018.
  10. ^ (EN) WWF Smackdown-July 25, 2002, su pwwew.net, pWw--Everything Wrestling, 25 luglio 2002. URL consultato l'11 marzo 2018.
  11. ^ (EN) Scott Keith, The SmarKdown Rant – August 8 2002, su 411mania.com, 411Mania, 8 agosto 2002. URL consultato l'11 marzo 2018.
  12. ^ (EN) Brendan Johnston, 411’s WWE Smackdown Report 08.15.02, su 411mania.com, 411Mania, 15 agosto 2002. URL consultato l'11 marzo 2018.
  13. ^ (EN) Brendan Johnston, 411’s WWE Smackdown Report 08.22.02, su 411mania.com, 411Mania, 22 agosto 2002. URL consultato l'11 marzo 2018.
  14. ^ (EN) Scott Keith, The SmarK RAW Rant – July 22 2002, su 411mania.com, 411mania, 22 luglio 2002. URL consultato il 19 marzo 2018.
  15. ^ (EN) Scott Keith, The SmarK RAW Rant – July 29 2002, su 411mania.com, 411mania, 29 luglio 2002. URL consultato il 19 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling