Suddivisione amministrativa del Regno di Jugoslavia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Regno di Jugoslavia, formatosi nel 1918 alla conclusione della prima guerra mondiale e dissoltosi nell'aprile 1941, in seguito alla invasione tedesca, durante la sua breve storia ebbe tre forme di suddivisioni amministrative:

  • dal 1918 al 1922 il regno mantenne la struttura degli stati predecessori della Jugoslavia;
  • dal 1922 al 1929 il regno fu suddiviso in 33 oblasts o province;
  • dal 1929 in 9 banati, con larga autonomia.

Suddivisione degli stati precedenti al Regno di Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Le contee del Regno di Croazia e Slavonia, appartenenti all'Austria-Ungheria rimasero in atto fino al 1922.

Alla fine del 1918 la Jugoslavia nacque dall'unione del Regno di Serbia, del Regno del Montenegro e dei territori a maggioranza slovena e croata precedentemente appartenenti all'Austria-Ungheria. Questa suddivisione rimase in vigore fino al 1922.

Anche le denominazioni riflettono la loro provenienza: continuarono a chiamarsi contee le amministrazioni provenienti dall'Austria-Ungheria, mentre quelle provenienti dal Regno di Serbia e dal Regno del Montenegro furono ancora dette distretti.

  1. Distretto di Andrijevica (precedentemente in Montenegro)
  2. Distretto di Banja Luka (precedentemente in Austria-Ungheria)
  3. Distretto di Antivari (precedentemente in Montenegro)
  4. Distretto di Belgrado (precedentemente in Serbia)
  5. Distretto di Berane (precedentemente in Montenegro)
  6. Distretto di Bihać (precedentemente in Austria-Ungheria)
  7. Distretto di Bijelo Polje (precedentemente in Montenegro)
  8. Contea di Bjelovar (precedentemente in Austria-Ungheria)
  9. Distretto di Bitola (precedentemente in Serbia)
  10. Distretto di Čačak (precedentemente in Serbia)
  11. Contea di Cattaro (precedentemente in Austria-Ungheria)
  12. Distretto di Cettigne (precedentemente in Montenegro)
  13. Distretto di Ćuprija (District of Morava; precedentemente in Serbia)
  14. Distretto di Gornji Milanovac (Distretto di Rudnica; precedentemente in Serbia)
  15. Contea di Gospić (contea di Lika-Krbava; precedentemente in Austria-Ungheria)
  16. Distretto di Kavadarci (Distretto di Tikveš; precedentemente in Serbia)
  17. Distretto di Kolašin (precedentemente in Montenegro)
  18. Distretto di Kosovska Mitrovica (Distretto di Zvečan; precedentemente in Serbia)
  19. Distretto di Kragujevac (precedentemente in Serbia)
  20. Distretto di Kruševac (precedentemente in Serbia)
  21. Distretto di Kumanovo (precedentemente in Serbia)
  22. Contea di Lubiana (precedentemente in Austria-Ungheria)
  23. Contea di Maribor (precedentemente in Austria-Ungheria)
  24. Distretto di Mostar (precedentemente in Austria-Ungheria)
  25. Distretto di Negotin (Distretto di Krajina; precedentemente in Serbia)
  26. Distretto di Nikšić (precedentemente in Montenegro)
  27. Distretto di Niš (precedentemente in Serbia)
  28. Distretto di Novi Pazar (Distretto di Raška; precedentemente in Serbia)
  29. Distretto di Novi Sad (precedentemente in Austria-Ungheria)
  30. Contea di Ogulin (Modrussa-Fiume; precedentemente in Austria-Ungheria)
  31. Distretto di Ocrida (precedentemente in Serbia)
  32. Contea di Osijek (precedentemente in Austria-Ungheria)
  33. Distretto di Peć (Distretto di etohija; precedentemente in Montenegro)
  34. Distretto di Pirot (precedentemente in Serbia)
  35. Distretto di Pljevlja (precedentemente in Montenegro)
  36. Distretto di Podgorica (precedentemente in Montenegro)
  37. Distretto di Požarevac (precedentemente in Serbia)
  38. Contea di Pozsega (precedentemente in Austria-Ungheria)
  39. Distretto di Prijepolje (precedentemente in Serbia)
  40. Distretto di Priština (Distretto di Kosovo; precedentemente in Serbia)
  41. Distretto di Prizren (precedentemente in Serbia)
  42. Distretto di Prokuplje (Distretto di Toplica; precedentemente in Serbia)
  43. Contea di Ragusa (precedentemente in Austria-Ungheria)
  44. Distretto di Šabac (Distretto di Podrinje; precedentemente in Serbia)
  45. Distretto di Sarajevo (precedentemente in Austria-Ungheria)
  46. Contea di Sebenico (precedentemente in Austria-Ungheria)
  47. Distretto di Skopje (precedentemente in Serbia)
  48. Distretto di Smederevo (precedentemente in Serbia)
  49. Contea di Spalato (precedentemente in Austria-Ungheria)
  50. Distretto di Štip (Distretto di Bregalnica; precedentemente in Serbia)
  51. Distretto di Tetovo (precedentemente in Serbia)
  52. Distretto di Travnik (precedentemente in Austria-Ungheria)
  53. Distretto di Tuzla (precedentemente in Austria-Ungheria)
  54. Distretto di Užice (precedentemente in Serbia)
  55. Distretto di Valjevo (precedentemente in Serbia)
  56. Contea di Varaždin (precedentemente in Austria-Ungheria)
  57. Distretto di Veliki Bečkerek (precedentemente in Austria-Ungheria)
  58. Distretto di Vranje (precedentemente in Serbia)
  59. Contea di Vukovar (Comitato della Sirmia; precedentemente in Austria-Ungheria)
  60. Contea di Zagabria (precedentemente in Austria-Ungheria)
  61. Distretto di Zaječar (precedentemente in Serbia)

Suddivisioni dal 1922 al 1929[modifica | modifica wikitesto]

Oblast del Regno dei Serbi, Croati e Sloveni.

Nel 1921 venne promulgata la nuova costituzione di Vidovdan, che entrò in vigore l'anno successivo e che costituiva il nuovo Regno come stato unitario. Veniva allo stesso tempo introdotta la nuova suddivisione amministrativa, che non aveva nessuna relazione con quella precedente. Lo stato veniva suddiviso in 33 oblast.

  1. Oblast di Banja Luka
  2. Oblast di Belgrado
  3. Oblast di Bihać
  4. Oblast di Bitola
  5. Oblast di Čačak (Raška Oblast)
  6. Oblast di Cetinje (Zeta Oblast)
  7. Oblast di Ćuprija
  8. Oblast di Ragusa
  9. Oblast di Karlovec (Primorsko-Krajina Oblast)
  10. Oblast di Kragujevac (Šumadija Oblast)
  11. Oblast di Kruševac
  12. Oblast di Lubiana
  13. Oblast di Maribor
  14. Oblast di Mostar
  15. Oblast di Niš
  16. Oblast di Novi Sad - Bačka Oblast
  17. Oblast di Osijek
  18. Oblast di Požarevac
  19. Oblast di Priština (Kosovo Oblast)
  20. Oblast di Šabac (Podrinje Oblast)
  21. Oblast di Sarajevo
  22. Oblast di Skopje
  23. Oblast di Smederevo (Podunavlje Oblast)
  24. Oblast di Spalato
  25. Oblast di Štip
  26. Oblast di Travnik
  27. Oblast di Tuzla
  28. Oblast di Užice (Zlatibor Oblast?)
  29. Oblast di Valjevo
  30. Oblast di Vranje
  31. Oblast di Vukovar (Syrmia Oblast)
  32. Oblast di Zagabria
  33. Oblast di Zaječar (Timok Oblast)

Suddivisione in banati[modifica | modifica wikitesto]

La suddivisione in banati.
  1. Banato del Danubio (Dunavska banovina), capitale: Novi Sad
  2. Banato della Drava (Dravska banovina), capitale: Ljubljana
  3. Banato della Drina (Drinska banovina), capitale: Sarajevo
  4. Banato del Litorale (Primorska banovina), capitale: Spalato
  5. Banato della Morava (Moravska banovina), capitale: Niš
  6. Banato della Sava (Savska banovina), capitale: Zagabria
  7. Banato del Vardar (Vardarska banovina), capitale: Skopje
  8. Banato del Vrbas (Vrbaska banovina), capitale: Banja Luka
  9. Banato della Zeta (Zetska banovina), capitale: Cetinje

Banato della Croazia (1939-1941)[modifica | modifica wikitesto]

Il banato della Croazia con le nuove acquisizioni dagli altri banati.

Nel 1939, per cercare una soluzione alla questione croata, si arrivò all'accordo Cvetković-Maček, che prevedeva la creazione del Banato di Croazia, con ampia autonomia all'interno del Regno. Il banato nasceva dall'unione del banato della Sava e del banato del Litorale con alcuni piccoli territori provenienti dal banato della Drina, dal banato del Danubio, dal banato del Vrbas e dal banato della Zeta. La capitale era la città di Zagabria.