Sud-Kasai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sud-Kasai
Sud-Kasai – BandieraSud-Kasai - Stemma
Dati amministrativi
CapitaleBakwanga
Politica
Forma di Stato
Forma di governo
Nascita9 agosto 1960 con Albert Kalonij
CausaSecessione unilaterale dalla Repubblica del Congo
Fine5 ottobre 1962 con Albert Kalonij
CausaDissoluzione e riassorbimento nella Repubblica del Congo
Territorio e popolazione
Economia
ValutaFranco congolese
Kongo 1961 map en.png
Mappa del Congo-Léopoldville nel 1961 durante la Crisi del Congo. Il Sud-Kasai è in giallo.
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Congo-Léopoldville (1960-1963).svg Repubblica del Congo (Léopoldville)
Succeduto daFlag of Congo-Léopoldville (1960-1963).svg Repubblica del Congo (Léopoldville)
Ora parte diRD del Congo Repubblica Democratica del Congo

Il Sud-Kasai[1] (in francese: Sud-Kasaï) fu uno Stato secessionista senza riconoscimento internazionale all'interno della Repubblica del Congo (l'attuale Repubblica Democratica del Congo) che fu semi-indipendente tra il 1960 e il 1962. Inizialmente proposta solo come provincia, il Sud-Kasai cercò di ottener la completa autonomia similarmente al vicino Katanga, altro Stato secessionista, durante i disordini politici successivi all'indipendenza del Congo belga, conosciuti col nome di Crisi del Congo. Tuttavia, al contrario del Katanga, il Sud-Kasai non dichiarò esplicitamente la sua piena indipendenza dalla Repubblica del Congo e non respinse la sovranità congolese.

Il leader del Sud-Kasai, Albert Kalonji, che prima della decolonizzazione aveva rappresentato la fazione MNC-K (Mouvement national Congolais-Kalonj) del Mouvement national Congolais, sfruttò le tensioni etniche createsi tra il suo gruppo etnico, i Baluba, e il gruppo etnico dei Bena-Lulua per creare uno Stato Luba-centrico nel cuore delle zone abitate dall'etnia nella zona sud-orientale del Kasai. Con lo scoppio della violenza settaria nel Paese. lo Stato dichiarò la sua secessione dal Congo il 9 agosto 1960 e chiese ai Baluba che vivevano nel resto del Congo di ritornare alla loro "terra natia". Kalonji venne nominato presidente.

Nonostante il governo del Sud-Kasai dichiarasse di essere uno Stato federato del Congo, esercitò un alto grado di autonomia regionale e arrivò persino a creare una propria costituzione e i propri francobolli. Lo Stato, appoggiato da forze straniere (in particolare il Belgio), e finanziato dall'esportazione di diamanti, fronteggiò numerose crisi, incluse quelle causate dalla massiccia emigrazione di rifugiati Luba, ma il suo governo divenne, col passare del tempo, sempre più militarista e repressivo.

La fine della secessione del Sud-Kasai è solitamente collegata all'arresto di Albert Kalonij nel dicembre 1961 o al colpo di Stato anti-Kalonij del 1962 e al successivo l'arrivo delle truppe governative.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ZAIRE in Enciclopedia Treccani, su treccani.it.
    «La profonda crisi politica seguita all'indipendenza si aggravò dopo l'uccisione di Lumumba (17 gennaio 1961) con il persistere dei tentativi di secessione regionalista: del Katanga, dichiarato indipendente da M. Ciombé nel luglio 1960 e sostenuto dai potenti interessi multinazionali dell'Union Minière (contro il governo secessionista si rivoltò la regione del Nord Katanga, colpita da una dura repressione); del Sud-Kasai, guidato dall'agosto 1960 da A. Kalonji e J. Ngalula; della regione di Stanleyville dove la secessione, proclamata da A. Gizenga nell'ottobre 1960, durò apertamente sino all'agosto 1961.».

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]