Studio Vit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Lo Studio Vit è stato un gruppo redazionale specializzato in videogiochi e informatica, che ha acquisito una discreta rilevanza negli anni novanta per aver creato alcune delle più importanti riviste del settore informativo-videoludico italiane.

Era guidato da Riccardo Albini, noto soprattutto per aver creato il Fantacalcio; gli altri componenti dello studio erano Alberto Rossetti e Benedetta Torrani.

Nel 2000 lo Studio Vit è stato acquisito da Kataweb del Gruppo Editoriale L'Espresso.

Tra le riviste realizzate dal gruppo:

  • Videogiochi (in seguito Videogiochi & Computer) - dal numero 1 (gennaio 1983) al numero 36 (aprile 1986)
  • Zzap! - dal numero 1 (maggio 1986) al numero 22 (aprile 1988)
  • K - dal numero 1 (dicembre 1988) al numero 68 (gennaio 1995)
  • Game Power - dal numero 1 (dicembre 1991) al numero 65 (ottobre 1997) (non sappiamo se sono stati pubblicati numeri successivi a questo)
  • Zeta (in seguito PCZeta) - dal numero 1 (febbraio 1995) al numero 69 (marzo 2001)

A metà degli ottanta lo Studio Vit curava anche la rubrica di informatica "Ottobit" all'interno del settimanale Topolino.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si veda per es Topolino 1463 dell'11 dicembre 1983, Arnoldo Mondadori Editore
Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi