Studio 1 (rete televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Studio1)
Studio 1
Logo Studio 1
Logo di Studio 1
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo generalista
Slogan Uno di famiglia
Nomi precedenti Tele Radio Studio 1
Data di lancio 1976
Formato 16:9 e 4:3 576i (SDTV)
1080i (HDTV)
Editore Studio TV1 News S.p.A.
Affiliati Studio1 HD; Cremona 1; Studio Store; Studio Live; Unomedia
Sede principale Cremona
Sito www.studio1.it
Diffusione
Terrestre
Digitale DVB-T FTA sul mux Studio1 (LCN 80)
In Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto
Digitale versione HD sul mux Studio1 (LCN 580)
In Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto
Streaming
Web Adobe Flash, gratuito su Studio1.it
Web M3U, gratuito su Studio1.it

Studio 1 è un'emittente televisiva locale italiana di Cremona che trasmette nel Nord Italia. Dal 18 maggio 2010 trasmette esclusivamente in digitale terrestre[1].

Direttore della rete è stato Andrea Cenni, mentre l'attuale amministratore delegato è Maurizio Calcinoni (suo predecessore e responsabile editoriale è stato Francesco Tartara, ex direttore de La Provincia e vicedirettore del TG4[1]).

L'emittente trasmette da un capannone situato in Via Bastida a Cremona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Emittente nata a Treviglio nel 1976, ha inizialmente trasmesso via cavo, per poi abbandonarlo e trasmettere via etere, prima sulla frequenza UHF 21 poi sulla UHF 57 dalla postazione di Roncola (Bg), abbandonando la precedente[2], frequenza a lungo contesa con l'emittente Antenna Nord di Milano (poi Italia 1), della Rusconi Editori, che la impiegava dalla postazione del grattacielo Pirelli per il servizio cittadino (la frequenza principale da Valcava era UHF 49). La rete è stata la prima in Italia a trasmettere televendite, ospitando personaggi come Roberto Da Crema.[2]

Posseduta dall'imprenditore Arturo Benasciutti tramite la Ge. Invest SpA e conosciuta principalmente a Bergamo e provincia, nel 2006 ha acquistato Rete 44[2], mentre nel giugno 2009 viene acquistata da Giovanni Arvedi (protagonista degli anni '80 del salvataggio della Rizzoli), già proprietario del 39% dell'emittente TeleColor. In seguito a tale acquisizione la sede di Studio 1 viene spostata a Cremona.[3]

Nell'aprile 2010 Arvedi vende, per contrasti sulla linea editoriale dell'emittente, la propria partecipazione in TeleColor alla Beacom SpA, ennesima società riconducibile a Benasciutti che possiede anche le emittenti: Quadrifoglio Tv (Quadrifoglio Tv SpA) a Torino, Telemilia (Arialice SpA) a Modena (trasferita poi a Bologna), Televeneto (Televeneto SpA) in provincia di Vicenza e la tv satellitare PuntoSat.[4][5]

Dopo il passaggio definitivo di Studio1 al digitale terrestre (18 maggio 2010), la programmazione è per la maggior parte in 16:9, ed inoltre inizia le trasmissioni il canale Studio1 HD, che consente la visione in alta definizione dell'emittente, nativa per le autoproduzioni, e in upscaling per il resto.[6][7]

Nascono altre nuove emittenti affiliate alla rete madre, come Cremona 1, diffusa nella città e provincia di Cremona e nelle province confinanti. Lo slogan la presenta come la tv di casa tua, e si occupa difatti delle realtà locali puntando sull'attualità, l'informazione, la cronaca, la cultura, il territorio, il sociale e lo sport ritrasmettendo alcuni programmi di Studio1 e proponendo varie rubriche autonome. Si trova sul numero 211 del digitale ed è diretta da Mario Silla.[8][9]

Palinsesto[modifica | modifica wikitesto]

L'emittente ha un palinsesto che punta soprattutto sull'informazione, ma anche su programmi di servizio e di intrattenimento, cartoni, sitcom, con una programmazione adatta sempre a tutta la famiglia (bollino verde).

Programmi attuali[modifica | modifica wikitesto]

Show[modifica | modifica wikitesto]

Programmi culturali[modifica | modifica wikitesto]

Sit-com[modifica | modifica wikitesto]

Informazione e approfondimento[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • Ciclo: La commedia italiana (in bianco e nero)

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Multiplex Studio1[modifica | modifica wikitesto]

Studio1 trasmette tramite DVB-T in Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto esclusivamente sulla frequenza UHF 31, utilizzando in molti casi gli apparati di trasmissione rilevati da Telemilia, Quadrifoglio Tv e Televeneto. Tuttavia, in forma legale e permissiva dalla postazione padovana Monte Venda e da quella bolognese Colle Barbiano, l'emittente trasmette il suo multiplex insieme a quelli Rai dai sistemi radianti Rai Way.

Il multiplex ha composizione (aggiornata al 2 gennaio 2016):

LCN Nome Canale Note
79 Rete 79 SD FTA
80 Studio 1 SD FTA
176 Quadrifoglio Tv SD FTA
178 Studio Live SD FTA
182 Rete 182 SD FTA
183 Galaxy Tv SD FTA
231 Unomedia SD FTA
580 Studio1 HD Trasmissioni in HD
  Test SD FTA

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rotary Club Cremona - Distretto 2050 Italia
  2. ^ a b c STUDIO TV 1, Storia Radio Tv
  3. ^ Corvi Luigi, Un altro cavaliere si compra la tivù, in Corriere della Sera, 17 giugno 2009. URL consultato l'11-5-2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  4. ^ Chiude Telemilia, storica emittente di Benasciutti
  5. ^ Galli Silvia, Arvedi via da Telecolor lancia Studio 1, in Corriere della Sera, 18 aprile 2010. URL consultato l'11-5-2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  6. ^ Studio1 - produzione in digitale
  7. ^ Studio1 HD
  8. ^ Sito di Cremona1
  9. ^ Ecco Cremona 1, la nuova Tv e-cremonaweb.it
  10. ^ a b c d Con le sigle cantate da Santo Verduci

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione