Stretto di Vil'kickij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 77°57′N 103°35′E / 77.95°N 103.583333°E77.95; 103.583333

Vilkitsky Strait.svg

Lo stretto di Vil'kickij (in russo Пролив Вилькицкого, proliv Vil'kickogo; Vilkitsky nella traslitterazione anglosassone) è un braccio di mare a sud dell'arcipelago russo di Severnaja Zemlja; è situato nelle acque territoriali di Krasnojarsk.

Prende il nome dal cartografo e geodeta Boris Andreevič Vil'kickij, (Борис Андреевич Вилькицкий, 1885-1961) che lo scoprì nel 1913, durante la spedizione idrografica della Marina imperiale russa nell'Oceano Artico con le navi Tajmyr e Vajgač e di suo padre Andrej Ippolitovič Vil'kickij.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Lo stretto collega il mare di Kara, a ovest, con il quello di Laptev e divide l'isola Bolscevica (Severnaya Zemlya) dalla penisola del Tajmyr. La lunghezza dello stretto è di 104 km, è largo circa 55 km, e ha una profondità tra i 32 e i 210 m. È coperto di ghiaccio alla deriva buona parte dell'anno. Lo stretto di Vil'kickij è lo stretto più settentrionale della rotta russa del mare del Nord.

Isole presenti nello stretto[modifica | modifica sorgente]