Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Stretto di Tsushima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo stretto di Tsushima rappresenta la parte orientale dello stretto di Corea

Lo stretto di Tsushima, indicato anche come stretto di Tsu Shima o stretto di Tsu-Shima (in giapponese: 対馬海峡 Tsushima Kaikyō?[1]; in coreano: 쓰시마 해협?, sseu-si-ma hae-hyeopLR), è la parte orientale dello stretto di Corea, situato tra la Corea e il Giappone; lo stretto mette in comunicazione il Mar del Giappone con il Mar Cinese Orientale.

Lo stretto è la parte orientale e più ampia del canale a est e sudest dell'isola di Tsushima, con le isole giapponesi di Honshū a est e nordest, Kyūshū e le isole Gotō a sud e sudest. Si restringe a sudest di Shimono-shima, la punta meridionale di Tsushima per la restrizione dovuta all'isola Iki, che si trova nello stretto in prossimità dell'estremità di Honshū. A sud di questo punto il Mare interno di Seto mescola le sue acque attraverso lo stretto di Kanmon tra Honshū e Kyūshū, con quelle dello stretto di Tsushima, dando luogo a una delle più trafficate vie marittime commerciali del mondo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In Giappone la dizione "stretto di Tsushima" generalmente si riferisce all'intero stretto di Corea, dalla penisola coreana a Kyūshū. La porzione orientale qui indicata come "stretto di Tsushima" viene indicata in giapponese come "canale orientale dello stretto di Tsushima" (対馬海峡東水道 Tsushima Kaikyō higashi-suidō?).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 34°00′27″N 129°29′24″E / 34.0075°N 129.49°E34.0075; 129.49

Controllo di autorità VIAF: (EN235177883