Stretto Četvërtyj Kuril'skij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Stretto Četvërtyj Kuril'skij
Lo stretto Četvërtyj Kuril'skij, al centro.
Parte diOceano Pacifico
StatoBandiera della Russia Russia
Circondario federaleEstremo Oriente
Soggetto federale  Sachalin
RajonSevero-Kuril'skij rajon,
Coordinate49°49′43″N 155°02′10″E / 49.828611°N 155.036111°E49.828611; 155.036111
Dimensioni
Larghezza53[1] km
Profondità massima1110[2] m
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Stretto Četvërtyj Kuril'skij
Stretto Četvërtyj Kuril'skij

Lo stretto Četvërtyj Kuril'skij (in russo Четвёртый Курильский пролив; in italiano "quarto stretto delle Curili") è un braccio di mare nell'oceano Pacifico settentrionale, nella catena delle isole Curili, che separa le isole di Onekotan e Makanruši da Anciferov e Paramušir. Si trova nel Severo-Kuril'skij rajon dell'oblast' di Sachalin, in Russia.

Lo stretto segue la numerazione da nord a sud degli stretti della cresta delle Curili.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stretto mette in comunicazione il mare di Ochotsk con il Pacifico. Ha una larghezza di circa 53 km[1]. La profondità massima è di 1110 m.[2] Nella parte settentrionale, lo stretto Četvërtyj Kuril'skij si fonde con lo stretto di Lužin e nella parte meridionale con lo stretto di Evreinov.

Sulla sponda settentrionale, presso capo Vasil'eva (мыс Васильева), la punta meridionale di Paramušir, si trovano gli scogli Penistye e Chmyr' (скалы Пенистые 49°59′31″N 155°25′33″E / 49.991944°N 155.425833°E49.991944; 155.425833; скалы Хмырь 49°59′35″N 155°22′59″E / 49.993056°N 155.383056°E49.993056; 155.383056). A sud, presso capo Ivan-Malyj (мыс Иван-Малый), punta nord-est di Onekotan, si trova lo scoglio Jasnoj Pogody (Ясной Погоды 49°36′35″N 154°55′20″E / 49.609722°N 154.922222°E49.609722; 154.922222).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Distanza presa con Wikimapia, su wikimapia.org. URL consultato il 7 settembre 2019.
  2. ^ a b Mappa M-56, su mapm56.narod.ru. URL consultato il 7 settembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Russia