Strategia del colpo di Stato. Manuale pratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strategia del colpo di Stato. Manuale pratico
Titolo originaleCoup d'État: A Practical Handbook
AutoreEdward Luttwak
1ª ed. originale1968
1ª ed. italiana1969
Generesaggio
Sottogenerepolitica
Lingua originaleinglese

Strategia del colpo di Stato. Manuale pratico (titolo originale: Coup d'État: A Practical Handbook) è un libro di argomento storico-politico scritto da Edward Luttwak, pubblicato nel 1968. Un'edizione riveduta e ampliata fu stampata nel 1979.

Luttwak esamina le condizioni, la strategia, la pianificazione, l'esecuzione di un colpo di Stato[1].

Giudizi critici[modifica | modifica wikitesto]

In una recensione del 1980, Richard Clutterbuck lo definì come uno dei due soli libri contemporanei che riescono a trattare in generale l'argomento del colpo di stato offrendo contenuti validi e, al tempo stesso, interessanti da leggere (l'altro a cui fa riferimento il suo giudizio è The Man on Horseback, di Samuel Finer). Tuttavia, Clutterbuck critica il libro per il non porre abbastanza enfasi sul ruolo dei nuovi media nel determinare il possibile successo di un colpo di Stato[2]

Riferimenti al libro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, la presidente delle Filippine, Gloria Macapagal-Arroyo, affermò che le manifestazioni in massa del popolo per indurla a dimettersi erano ciò che l'esperto Edward Luttwak aveva esposto nel suo "Coup d'État: A Practical Handbook"[3].

Nel 2013, durante i tumulti in Egitto (prodromici al golpe egiziano del 2013 contro il presidente Mohammed Morsi), Joseph Cotterill, giornalista del Financial Times, pubblicò un diagramma di flusso su come mettere a segno un colpo di Stato. Lo schema grafico mostrava i tre gruppi di cui i rivoluzionari hanno bisogno e gli obbiettivi da penetrare: la residenza, le stazioni TV, quindi il dominio dei luoghi chiave del traffico[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edward Luttwak, Coup d'État: A Practical Handbook, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1979, ISBN 978-0-674-17547-1, OCLC 5171600.
  2. ^ Richard Clutterbuck, Review: Coup d'Etat: A Practical Handbook by Edward N. Luttwak, in International Affairs, vol. 56, nº 1, gennaio 1980, pp. 125–26 lingua = en, JSTOR 2615740.
  3. ^ Manila Bulletin, February 27, 2006, ACC-NO: 142555184, Not easy; Opinion & Editorial, Jesus M Elbinias
  4. ^ (EN) Joe Weisenthal, How To Execute A Coup, In One Chart, in The Business Insider, 3 luglio 2013. URL consultato il 23 novembre 2017.. Il grafico è riprodotto in questa pagina web. Nel far riferimento al manuale di Edward Luttwak, Cotterill lo definiva "sempre affidabilmente-folle" (always reliably-bonkers).

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Coup d'État: A Practical Handbook, New York, Alfred A. Knopf, 1968.
  • (EN) Coup d'État: A Practical Handbook, Revised Edition, Harvard Universtity Press, 1979.
  • Tecnica del colpo di Stato. Il più pericoloso manuale dei nostri giorni, trad. Bruno Oddera, Collana Studio, Milano, Longanesi, aprile 1969.
  • Strategia del colpo di Stato, Manuale pratico, trad. Francesca Ori, Collana Saggi stranieri, Milano, Rizzoli, agosto 1983, ISBN 978-88-1753-437-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]