Strage di piazza Fontana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Strage di Piazza Fontana)

Coordinate: 45°27′47″N 9°11′39″E / 45.463056°N 9.194167°E45.463056; 9.194167

Strage di piazza Fontana
Piazza Fontana.jpg
L'interno della Banca Nazionale dell'Agricoltura dopo l'attentato.
Stato Italia Italia
Luogo Milano
Obiettivo Sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura
Data 12 dicembre 1969
16:37
Tipo Esplosione dovuta a un ordigno contenente 7 kg di tritolo
Morti 17
Feriti 88
Responsabili Ordine Nuovo
(Carlo Digilio[1][2][3], in concorso con ignoti e altri del medesimo gruppo[2][4][5][6])
Sospetti
Motivazione

La strage di piazza Fontana fu conseguenza di un grave attentato terroristico compiuto il 12 dicembre 1969 nel centro di Milano. Da molti è stata considerata la madre di tutte le stragi[9] e ritenuta da alcuni l'inizio del periodo passato alla storia in Italia come strategia della tensione[10].

Le indagini si susseguiranno nel corso degli anni, con imputazioni a carico di vari esponenti anarchici e neo-fascisti; tuttavia alla fine tutti gli accusati sono stati sempre assolti in sede giudiziaria (peraltro alcuni sono stati condannati per altre stragi, e altri usufruiranno della prescrizione, evitando la pena[11]). In contemporanea in Italia scoppiarono altre bombe, provocando 16 feriti, a Roma: una alla Banca Nazionale del Lavoro in via San Basilio, due all'Altare della Patria[12].

Da Milano il prefetto Libero Mazza, su segnalazione dall'Ufficio affari riservati del Viminale, avvisò il presidente del Consiglio Mariano Rumor: «L'ipotesi attendibile che deve formularsi indirizza le indagini verso gruppi anarcoidi». La sera stessa della strage, intervistato da Tv7, Indro Montanelli espresse dei dubbi sul coinvolgimento degli anarchici, e vent'anni dopo ribadì quella tesi affermando: «Io ho escluso immediatamente la responsabilità degli anarchici per varie ragioni: prima di tutto, forse, per una specie di istinto, di intuizione, ma poi perché conosco gli anarchici. Gli anarchici non sono alieni dalla violenza, ma la usano in un altro modo: non sparano mai nel mucchio, non sparano mai nascondendo la mano. L'anarchico spara al bersaglio, in genere al bersaglio simbolico del potere, e di fronte. Assume sempre la responsabilità del suo gesto. Quindi, quell'infame attentato, evidentemente, non era di marca anarchica o anche se era di marca anarchica veniva da qualcuno che usurpava la qualifica di anarchico, ma non apparteneva certamente alla vera categoria, che io ho conosciuto ben diversa e che credo sia ancora ben diversa...»[12].

L'avvenimento[modifica | modifica wikitesto]

Il foro sul pavimento creato dalla bomba.
L'edificio della Banca Nazionale dell'Agricoltura in piazza Fontana in una foto del 12 dicembre 2007, trentottesimo anniversario della strage. Sono visibili le corone di fiori lasciate in omaggio da istituzioni e cittadini per ricordare le vittime della strage.

Il 12 dicembre 1969 la sede della Banca Nazionale dell'Agricoltura in piazza Fontana, a Milano, era piena di clienti venuti soprattutto dalla provincia; gli altri istituti di credito chiusero alle 16:30, tuttavia vi erano ancora molte persone all'interno in attesa di completare le loro incombenze. L'esplosione avvenne alle ore 16:37, quando nel grande salone del tetto a cupola scoppiò un ordigno contenente 7 chili di tritolo, uccidendo 16 persone (13 sul colpo[13]) e ferendone altre 87[14].

Una seconda bomba fu rinvenuta inesplosa nella sede milanese della Banca Commerciale Italiana, in piazza della Scala. La borsa fu recuperata ma l'ordigno, che poteva fornire preziosi elementi per l'indagine, fu fatto brillare dagli artificieri la sera stessa[12]. Una terza bomba esplode a Roma alle 16:55 dello stesso giorno nel passaggio sotterraneo che collega l'entrata di via Veneto della Banca Nazionale del Lavoro con quella di via di San Basilio. Altre due bombe esplodono a Roma tra le 17:20 e le 17:30, una davanti all'Altare della Patria e l'altra all'ingresso del Museo centrale del Risorgimento, in piazza Venezia, per un totale di 16 persone ferite.

Si contarono, in quel tragico 12 dicembre, cinque attentati terroristici, concentrati in un lasso di tempo di appena 53 minuti, che colpirono contemporaneamente le due maggiori città d'Italia: Roma e Milano.

La vicenda è tuttora oggetto di controverse interpretazioni; secondo una, quando fu imboccata la pista dell'attentato neo-fascista – abbandonata quella anarchica – si volle avallare la teoria della «strategia della tensione», ossia un disegno razionale, perseguito dall'estrema destra per creare instabilità e paura nelle istituzioni e nei cittadini, e quella della «strage di Stato», ordinata da settori del mondo politico (dai servizi segreti e consorterie criminal-economiche) per creare un'atmosfera di panico, rendendo necessarie misure d'emergenza, e garantire il potere ai reazionari nemici del popolo[10].

Eventi e persone legate alla strage[modifica | modifica wikitesto]

Il caso Pinelli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Giuseppe Pinelli.
Piazza del Duomo il giorno del funerale delle vittime.

Per chiarire le circostanze nelle quali si svolse la morte di Giuseppe Pinelli venne avviata un'inchiesta.

La Questura di Milano affermò in un primo tempo che Pinelli si suicidò perché era stato dimostrato il coinvolgimento nella strage, ma questa versione fu smentita nei giorni successivi.

Il fermo di Pinelli era illegale perché egli era stato trattenuto troppo a lungo in questura: il 15 dicembre 1969 (giorno della sua morte) non era stato rilasciato anche se non gli fu contestata una specifica accusa[12].

In un primo momento lo stesso questore Marcello Guida dichiarò alla stampa che il suicidio di Pinelli era la dimostrazione della sua colpevolezza, ma questa versione fu poi ritrattata quando l'alibi di Pinelli si rivelò credibile[15][16].

La versione ufficiale della caduta venne fortemente criticata dagli ambienti anarchici e da parte della stampa, per via di alcune incongruenze nella descrizione dei fatti e perché gli stessi agenti presenti diedero via via versioni contrastanti dell'accaduto.

Nel 1971 il caso si riaprì in seguito a una denuncia della vedova Licia Rognini contro sette persone: Antonino Allegra (capo dell'ufficio politico della questura milanese), Luigi Calabresi (commissario di P.S.) e i funzionari Lo Strano, Tanessa, Caracuta, Mainardi e Mucilli[17].

Il provvedimento di archiviazione dell'inchiesta sulla morte di Giuseppe Pinelli fu depositato il 25 ottobre 1975. Il PM Gerardo D'Ambrosio, il cui intervento nell'istruttoria era stato chiesto a gran voce da chi temeva che la verità fosse inquinata[10], scrisse: «L'istruttoria lascia tranquillamente ritenere che il commissario Calabresi non era nel suo ufficio al momento della morte di Pinelli». Tutti gli imputati, agenti e funzionari di polizia, furono prosciolti con formula piena «perché il fatto non sussiste»[10].

Il caso Calabresi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Omicidio Calabresi.

A seguito della tragica morte di Pinelli, il commissario Luigi Calabresi, incaricato delle indagini, sebbene secondo l'inchiesta non fosse presente nella stanza dove era interrogato Pinelli al momento della sua caduta dalla finestra, sarà oggetto di una dura campagna di stampa, petizioni e minacce da parte di gruppi di estrema sinistra e di fiancheggiatori, che ebbero il risultato di isolarlo e renderlo vulnerabile.

Oltre settecento tra intellettuali, scrittori, uomini di cinema e artisti (alcuni dissociatisi negli anni seguenti) firmarono una celebre petizione pubblicata dall'Espresso il 27 giugno 1971, che iniziava così: «Il processo che doveva far luce sulla morte di Giuseppe Pinelli si è arrestato davanti alla bara del ferroviere ucciso senza colpa. Chi porta la responsabilità della sua fine, Luigi Calabresi, ha trovato nella legge la possibilità di ricusare il suo giudice», Carlo Biotti.

La petizione contribuì ad isolare e colpevolizzare il commissario, già bersagliato da una campagna di stampa, con minacce esplicite di morte, da parte del giornale Lotta Continua.

Eppure il commissario Calabresi riteneva che la strage fosse frutto di «menti di destra, manovali di sinistra» con il coinvolgimento dunque in sede di ideazione della strage di movimenti ed apparati neo-fascisti[18].

Il 17 maggio 1972 Luigi Calabresi fu assassinato da militanti di estrema sinistra membri di Lotta Continua.

Dopo 25 anni e un iter processuale lungo e tormentato, per l'omicidio Calabresi sono stati condannati in via definitiva Ovidio Bompressi come autore materiale, Giorgio Pietrostefani e Adriano Sofri quali mandanti[19]. Per Leonardo Marino, ex militante del gruppo diventato collaboratore di giustizia, il reato fu dichiarato prescritto.

L'assassinio del commissario creò una certa indecisione sulla direzione da dare alle indagini[20].

«Nino il fascista»[modifica | modifica wikitesto]

Antonio Sottosanti, detto «Nino il fascista».

Nell'ambito delle indagini e delle inchieste giornalistiche sulla strage spesso sono comparse alcune persone vicine a quelli che allora erano gli ambienti anarchici e dell'estremismo (di sinistra e di destra) che, seppur non implicati nell'attentato, sono stati al centro di eventi vicini a questo. Tra questi vi era Antonio Sottosanti, noto tra gli anarchici come «Nino il fascista»[21]: al tempo quarantenne [22], era nato nel 1928 a Verpogliano (provincia di Gorizia) da genitori filo-fascisti di origine siciliana (il padre venne ucciso durante gli anni trenta, forse da antifascisti slavi). Dopo la seconda guerra mondiale aveva lavorato in diversi Paesi europei[22], per poi arruolarsi nella Legione straniera francese (con lo pseudonimo di Alfredo Solanti[23], per sua ammissione nel reparto informativo della stessa)[21]. Tornato a Milano nel 1966 effettuò diversi lavori saltuari, iniziando anche a frequentare gli ambienti anarchici della città, fino al suo trasferimento in Sicilia nell'ottobre 1969.

Sottosanti, per una supposta somiglianza con Pietro Valpreda e dopo che Guido Giannettini, Nico Azzi e Pierluigi Concutelli[23] avevano parlato dell'uso di un militante di destra come sosia dell'anarchico, venne a volte indicato dalla pubblicistica legata alla strage proprio come il sosia in oggetto. Secondo questa tesi il sosia venne utilizzato dai servizi deviati o dai gruppi di destra per portare la valigia con la bomba sul taxi e far ricadere quindi la responsabilità della strage sugli anarchici[24]. Sottosanti ha sempre negato il fatto e ha querelato diversi organi d'informazione[23], come il Corriere della Sera[25], che avevano dato per buona la tesi. Durante le indagini Sottosanti dimostrò di avere un alibi, che lo lega al caso Pinelli: il giorno dell'attentato infatti era proprio in compagnia del ferroviere anarchico, il quale gli aveva consegnato un assegno di 15.000 lire, come risarcimento spese da parte della Croce Nera Anarchica (un gruppo di solidarietà dei circoli anarchici) per essere tornato a Milano a testimoniare per confermare l'alibi di Tito Pulsinelli[26], accusato di aver effettuato un attentato alla caserma di pubblica sicurezza Garibaldi il 19 gennaio 1969. Pulsinelli, che era già agli arresti con altri anarchici in quanto indagati anche nell'ambito degli attentati del 25 aprile[27], verrà poi assolto da tutte le accuse in quanto estraneo ad entrambi i fatti[28].

Proprio la reticenza di Pinelli a parlare della presenza di Sottosanti e dell'assegno, dovuta al fatto che questo avrebbe potuto essere interpretato dalla procura come un pagamento per una confessione falsa, furono, secondo quanto riferito da Allegra in commissione stragi[20], tra i motivi che prolungarono il fermo dell'anarchico poi morto in questura. Lo stesso Allegra darà un duro giudizio sulla persona di Sottosanti:

« ALLEGRA. Il Sottosanti era quello che il pomeriggio del 12 dicembre andò a trovare Pinelli e riscosse l'assegno di 15.000 lire; Pinelli non ha mai voluto dire che era insieme con lui. Questo è il motivo per cui il fermo di quest'ultimo si protrasse: aveva dato un alibi che era stato smontato.
MANTICA. Nino Sottosanti era di destra?
ALLEGRA. Lui frequentava gli ambienti anarchici e diceva che suo padre era un martire fascista. Quindi lo chiamavano «Nino il fascista». A me sembrava una persona che «se ne fregava» della destra e della sinistra e pensava ai fatti suoi. Era stato anche nella Legione straniera...
MANTICA. Allora era di moda.
ALLEGRA. Ci andavano i delinquenti. »

Al capitano dei ROS dei Carabinieri Massimo Giraudo, che negli anni novanta indagava sui collegamenti tra l'estrema destra e la strage, Sottosanti riferirà di aver visto, il giorno precedente quello della strage, un esponente del gruppo Freda intento a controllare la casa di Corradini e Vincileone, due anarchici poi inquisiti dalla polizia nelle indagini sull'atto terroristico.[21] Lo stesso Sottosanti, intervistato da Paolo Biondani, giornalista del Corriere della Sera, nel giugno 2000, affermerà di essere comunque a conoscenza di alcuni retroscena degli avvenimenti, ma di non volerli rivelare:

« SOTTOSANTI: Ci sono troppe cose che non posso dire. Mettiamola così: in quei giorni, io sentii fare discorsi gravi, che ho compreso solo dopo aver letto gli atti di piazza Fontana
BIONDANI: Ricapitolando: lei non ha incastrato Valpreda, ma ha saputo comunque i retroscena della strage.
S.:Lei non ha capito: la mia verità non è un sentito dire. Di certi fatti io fui testimone oculare.
B.:E allora perché non parla? Di fronte a una strage impunita, non si sente in dovere di aiutare la giustizia?
S.:In nome di cosa? Per questa Italia di oggi? No, guardi, i miei segreti io me li porterò nella tomba. »

Antonio Sottosanti è morto nel luglio 2004[29].

L'agente Zeta[modifica | modifica wikitesto]

Nel Natale del 1971 vengono rinvenuti dei carteggi in una cassetta di sicurezza della Banca Popolare di Montebelluna. Cointestatari delle cassetta di sicurezza sono la madre e la zia di Giovanni Ventura e i contenuti dei documenti, analizzati in quella occasione dal giudice Gerardo D'Ambrosio, lasciano pensare a delle veline dei servizi segreti italiani, ovvero il SID (i documenti contengono informazioni riservate che non possono essere nella disponibilità di persone al di fuori degli ambienti dei servizi segreti). Il giudice solleciterà quindi il SID, per avere informazioni direttamente da loro, ma in un primo tempo non riceverà alcuna risposta[30].

Tale documento reca la sigla KSD/VI M ed il numero progressivo 0281.

Guido Giannettini e Franco Freda durante il processo di Catanzaro.

Giovanni Ventura confiderà in seguito al giudice D'Ambrosio di essere entrato in contatto con tale Guido Giannettini (alias Agente Zeta, alias Adriano Corso), autore delle veline che lui conservava nella cassetta di sicurezza. Il contatto avviene in occasione di un incontro a tre, del 1967, tra lui, il Giannettini e un'agente del controspionaggio rumeno.

Successivamente, la magistratura milanese ordinerà la perquisizione dell'abitazione di Guido Giannettini e in quell'occasione la polizia rinverrà documenti del tutto paragonabili a quelli rinvenuti nella cassetta di sicurezza della banca. Si tratta infatti di documenti che possono essere definiti gli archetipi dei documenti in possesso di Ventura.

Il documento rinvenuto nella casa di Giannettini reca la stessa sigla del documento di cui sopra (KSD/VI M) ed il numero progressivo immediatamente successivo 0282[30].

Giulio Andreotti depone al processo di Catanzaro.

Il 15 maggio 1973 nell'ambito dei processi sulla strage vengono incriminati Guido Giannettini, che fugge a Parigi e, anche a seguito di alcune dichiarazioni di Ventura sul legame di un «giornalista di destra» con la strage, il giornalista de La Nazione Guido Paglia, appartenente ad Avanguardia Nazionale (successivamente prosciolto in istruttoria dal giudice D'Ambrosio)[31]. Si scoprirà successivamente che la fuga di Giannettini era stata coperta dal SID, di cui era collaboratore, e che in Francia continuerà ad essere stipendiato per diverso tempo dai servizi[12][32].

Il SID, interpellato nuovamente e incalzato dagli eventi, il 12 luglio 1973, dichiarerà per voce del generale Vito Miceli «notizie da considerarsi segreto militare» e «non possono essere rese note»[33].

Il 20 giugno 1974, l'allora Ministro della Difesa Giulio Andreotti, in un'intervista a Il Mondo, indicò Giannettini quale collaboratore del SID[34], sostenendo che era stato uno sbaglio non rivelare durante le indagini dei mesi precedenti l'appartenenza dello stesso ai servizi segreti. Nel successivo agosto Giannettini si consegna all'ambasciata italiana di Buenos Aires[34].

Nel febbraio 1979 si concluse il processo di primo grado a Catanzaro con Giannettini condannato all'ergastolo. Due anni dopo, il 20 marzo 1981 sempre a Catanzaro, Giannettini fu assolto per insufficienza di prove (ne fu ordinata la scarcerazione) e la Corte di Cassazione, il 10 giugno 1982, rese definitiva la sentenza[35].

Affermazioni riferite ad Aldo Moro[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cronaca del sequestro Moro e Memoriale Moro.

Nel Memoriale Moro compilato dalle Brigate Rosse deducendolo dall'interrogatorio cui lo sottoposero durante il sequestro di Aldo Moro, Aldo Moro avrebbe indicato come probabili responsabili della strage, così come in generale della strategia della tensione, rami deviati del SID in cui si erano insediati negli anni diversi esponenti legati alla destra, con possibili influenze dall'estero, mentre gli esecutori materiali erano da ricercarsi nella pista nera[36].

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Interno della banca dopo lo scoppio.
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cronologia delle indagini e degli avvenimenti legati alla strage di Piazza Fontana.

Le indagini vennero orientate inizialmente nei confronti di tutti i gruppi in cui potevano esserci possibili estremisti; furono fermate per accertamenti circa 80 persone[20], in particolare alcuni anarchici del Circolo anarchico 22 marzo di Roma (tra i quali figura Pietro Valpreda) e del Circolo anarchico Ponte della Ghisolfa di Milano (tra i quali figura Giuseppe Pinelli). Secondo quanto dichiarato da Antonino Allegra, ai tempi responsabile dell'ufficio politico della questura, alla Commissione Stragi, gli arresti erano stati particolarmente numerosi e avevano interessato anche esponenti della destra estrema, con lo scopo di evitare che nei giorni seguenti questi individui, ritenuti a rischio, potessero dare vita a manifestazioni o altre azioni pericolose per l'ordine pubblico[20].

Il 12 dicembre l'anarchico Giuseppe Pinelli (già fermato ed interrogato con altri anarchici nella primavera 1969 per alcuni attentati[37], successivamente rivelatisi invece di matrice neofascista), viene fermato e interrogato a lungo in questura. Il 15 dicembre, dopo tre giorni di interrogatori, Pinelli precipita dal quarto piano della questura milanese e muore. L'inchiesta giudiziaria, coordinata dal sostituto procuratore Gerardo D'Ambrosio, individuò la causa della morte in un malore attivo, in seguito al quale l'uomo sarebbe caduto da solo, sporgendosi troppo dalla ringhiera del balcone della stanza: l'autopsia non fu mai pubblicata e fu accertato durante l'inchiesta che il commissario Luigi Calabresi non si trovava nel suo ufficio al momento della caduta.

La vicenda del taxi e del presunto riconoscimento[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 dicembre venne arrestato anche un altro anarchico, Pietro Valpreda, indicato dal tassista Cornelio Rolandi come l'uomo che nel pomeriggio del 12 dicembre era sceso dal suo taxi in piazza Fontana, recando con sé una grossa valigia. Rolandi ottenne anche la taglia di 50 milioni di lire disposta per chi avesse fornito informazioni utili[38]. Valpreda fu interrogato dal sostituto procuratore Vittorio Occorsio che gli contestò l'omicidio di quattordici persone e il ferimento di altre ottanta[39].

Il giorno dopo il Corriere della sera titolò che il «mostro» era stato catturato, e il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat indirizzò un assai discusso messaggio di congratulazioni al questore di Milano Marcello Guida avvalorando implicitamente la pista da lui seguita.

Le dichiarazioni del tassista determinano, però, uno scenario della vicenda assai poco plausibile. Il tassista dichiara che Valpreda avrebbe preso il taxi in piazza Cesare Beccaria, la quale dista 130 metri a piedi da piazza Fontana[40]. Viene addotta per questa ragione la motivazione che Valpreda fosse claudicante. Il taxi, però non si fermerà a piazza Fontana, ma proseguirà sino alla fine di via Santa Tecla. In questo modo Valpreda dovrà percorrere 110 metri a piedi, al posto dei 130 metri originari[41]. Il taxi gli avrà fatto risparmiare 20 metri, ponendolo però di fronte al rischio di farsi riconoscere. Inoltre Valpreda avrebbe chiesto al tassista di attenderlo e in questo modo, avrebbe dovuto ripercorrere all'inverso i 110 metri (anche se questa volta non avrebbe portato più con sé la pesante valigia)[42].

Indagini successive vedranno prendere corpo l'ipotesi di un sosia, che prenderà il taxi al posto di Valpreda. Viene quindi avanzata dalla pubblicistica un'ipotesi, secondo cui il sosia sarebbe stato tale Antonino Sottosanti, un ex legionario siciliano, infiltrato nel circolo anarchico di Pinelli nel quale era conosciuto – per via dei suoi trascorsi – come «Nino il fascista»[24], ipotesi mai riscontrata[21][25].

Le dichiarazioni della stampa e dei partiti[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Valpreda durante un'udienza per la strage di Piazza Fontana.

Il quotidiano del Partito Socialista Italiano Avanti! decise di condannare Valpreda immediatamente e scriverà in quei giorni di lui:

« Non aveva alcuna ideologia, non leggeva, ce l'aveva con tutto e con tutti, odiava i partiti politici come tali ed era strettamente legato ad un movimento, quello denominato 22 marzo di ispirazione nazista e fascista [...] qualunquista, violento, detestava le istituzioni democratiche. »

Pietro Nenni scrisse il 13 gennaio 1970:

« Oggi i giornali pubblicano le deposizioni degli imputati: Valpreda e i giovani del Circolo "22 Marzo". C'è poco che vada al di là degli indizi, anche i più seri tutti

contestabili. Gli imputati si dichiarano innocenti e forniscono alibi più o meno consistenti. Si rischia un processo indiziario con "colpevolisti" e "innocentisti" aggrappati a sospetti più che a prove. Speriamo di no. Il Paese ha bisogno di certezze, non di ipotesi. »

Lo stesso Partito Comunista Italiano era convinto che l'attentato fosse stato opera degli anarchici. Bettino Craxi ricorderà nel 1993 che il principale teste d'accusa contro Valpreda, il tassista Rolandi, era iscritto al PCI e questo avvalorò la sua deposizione tra molti esponenti del partito. Sul punto, in realtà, c'è scarsa chiarezza. In data 19 dicembre 1969, Sergio Camillo Segre ad una riunione del PCI, presente Berlinguer, riferisce che Guido Calvi – allora avvocato d'ufficio di Valpreda e iscritto allo PSIUP, poi Senatore di PDS e DS – aveva svolto una sua indagine tra gli anarchici; Segre riporta quanto dettogli da Calvi[43]:

« L'impressione è che Valpreda può averlo fatto benissimo. Gli amici hanno detto: dal nostro gruppo sono stati fatti attentati precedenti. Ci sono contatti internazionali. Valpreda ha fatto viaggi in Francia, Inghilterra, Germania occidentale. Altri hanno fatto viaggi in Grecia. Alle spalle cosa c'è? L'esplosivo costa 800 mila lire e c'è uno che fornisce i quattrini. I nomi vengono fatti circolare. »

Eppure agli atti processuali risulta che Guido Calvi – chiamato a svolgere funzioni di avvocato d'ufficio di Valpreda a Roma nel confronto tra Valpreda ed il tassista Rolandi – richiese se Rolandi avesse mai visto prima un'immagine dell'imputato, ed ebbe la risposta che una sua fotografia gli era stata mostrata alla questura di Milano nel corso della sua deposizione del giorno prima. La prassi prevede che nei casi di pluralità di persone possibili, attori del fatto indagato, eventuali testimoni, sfoglino le foto segnaletiche a disposizione delle forze dell'ordine; il codice di procedura penale attuale del 2007, però, prevede che quando il sospetto assuma la veste di indagato – e Valpreda già lo era – egli abbia il diritto di presenziare alla maturazione delle prove a suo carico, mediante il contraddittorio (cioè un confronto con l'accusatore), mentre procedere ad influenzare il testimone con una disamina «mirata» vìola il principio del contraddittorio.
Nel caso specifico l'eccezione difensiva era tuttavia infondata, poiché foto di Valpreda erano comparse sin dai primissimi giorni su tutti i quotidiani, e dunque appariva ininfluente che Rolandi le avesse viste anche nel corso dell'interrogatorio. La circostanza dell'accoglimento della tesi dell'avvocato Calvi fu dunque interpretata come manifestazione di un atteggiamento innocentista verso Valpreda, che andava peraltro diffondendosi nella pubblica opinione grazie al battage della stampa nazionale.

Valpreda, ballerino in una compagnia di avanspettacolo, a differenza di Pinelli che era un militante non violento, non si limitava a teorizzare: era un fautore dell'azione. La motivazione della sentenza d'appello, che a Catanzaro lo assolse dall'accusa di strage per insufficienza di prove, ne illustrò duramente la personalità: aveva abbandonato il circolo Bakunin (considerato troppo moderato) per fondarne un altro, chiamato 22 marzo insieme a Mario Merlino (iscritto ad Avanguardia Nazionale) e a un certo Andrea (infiltrato della polizia). Il nuovo circolo anarchico si ancorava con metodi basati sulla violenza – utilizzando il motto «bombe sangue ed anarchia» – e il sospetto che potesse essere l'esecutore della strage non era del tutto infondato[10].

La contro-inchiesta delle Brigate Rosse[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Inchieste di Robbiano di Mediglia.

Sulla strage anche le Brigate Rosse (BR) svolgeranno una loro inchiesta, che venne rinvenuta il 15 ottobre 1974 in un loro covo a Robbiano, fraz. di Mediglia, insieme ad altri materiali riguardanti gli avvenimenti politici e terroristici relativi agli anni sessanta e settanta.

Solo una minima parte del materiale sequestrato che riguardava Piazza Fontana fu messo a disposizione dei magistrati che indagavano sulla strage, indebolendo così le loro indagini. Successivamente questo materiale scomparve e venne forse parzialmente distrutto nel 1992.

L'indagine delle BR è stata ricostruita grazie alle relazioni stilate dai carabinieri, a vario materiale ritrovato e alle testimonianze di un brigatista pentito. Originariamente l'indagine comprendeva anche un'intervista a Liliano Paolucci (colui che aveva raccolto la testimonianza di Cornelio Rolandi e l'aveva convinto a parlare ai carabinieri) e delle interviste di alcuni dirigenti del circolo anarchico Ponte della Ghisolfa.

Le conclusioni di questa indagine sono in parte differenti dalle ricostruzioni che si faranno nella lunga storia dei processi: secondo l'indagine, l'attentato era stato organizzato materialmente dagli anarchici. Costoro avrebbero avuto in mente un atto dimostrativo, che solo per un errore nella valutazione dell'orario di chiusura della banca si trasformò in una strage. Esplosivo, timer e inneschi sarebbero stati forniti loro da un gruppo di estrema destra. Pinelli, sempre secondo questa ricostruzione, si sarebbe realmente suicidato perché sarebbe rimasto coinvolto involontariamente nel traffico di esplosivo poi utilizzato per la strage[44]. Le Brigate Rosse mantennero segreti i risultati della loro inchiesta, per motivi di opportunità politica.

L'inchiesta delle BR ebbe una rinnovata notorietà durante i lavori della Commissione Stragi. La maggior parte dei documenti dell'inchiesta condotta dalle Brigate Rosse su Piazza Fontana era divenuta intanto irreperibile, apparentemente persa nel 1980 nei trasferimenti tra le varie procure e tribunali e forse distrutta erroneamente nel 1992, in quanto ritenuta non significativa[45][46].

I processi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cronologia delle indagini e degli avvenimenti legati alla strage di Piazza Fontana.

Il processo iniziò a Roma il 23 febbraio 1972; dopo essere stato trasferito a Milano per incompetenza territoriale fu spostato a Catanzaro[47] per motivi di ordine pubblico e legittimo sospetto. Dopo una serie di rinvii dovuti al coinvolgimento di nuovi imputati (Franco Freda e Giovanni Ventura nel 1974, Guido Giannettini nel 1975) la Corte d'assise condannò all'ergastolo Freda, Ventura e Giannettini, ritenuti gli organizzatori della strage. Gli altri imputati, Valpreda e Merlino, furono assolti per insufficienza di prove ma condannati a 4 anni e 6 mesi per associazione a delinquere[48]. La Corte d'assise d'appello assolse tutti gli imputati dall'accusa principale, confermando le condanne di Valpreda e Merlino, e condannò i due neo-fascisti a 15 anni per gli attentati di Milano e Padova, compiuti tra l'aprile e l'agosto del 1969[49]: la Cassazione confermò l'assoluzione per Giannettini e ordinò un nuovo processo per gli altri quattro imputati[12]. Il nuovo dibattimento cominciò il 13 dicembre 1984 presso la Corte d'assise d'appello di Bari e si concluse il 1º agosto 1985 con l'assoluzione di tutti gli imputati per insufficienza di prove: il 27 gennaio 1987 la Cassazione rese definitive le assoluzioni per strage[12], condannando soltanto alcuni esponenti dei servizi segreti italiani (il generale Gianadelio Maletti e il capitano Antonio Labruna) per aver depistato le indagini. Una nuova istruttoria, aperta a Catanzaro, portò a processo i neo-fascisti Stefano Delle Chiaie e Massimiliano Fachini, accusati di essere rispettivamente l'esecutore e il basista: il 20 febbraio 1989 entrambi gli imputati furono assolti per non aver commesso il fatto (l'accusa aveva chiesto l'ergastolo per Delle Chiaie e l'assoluzione per insufficienza di prove per Fachini)[50]. Il 5 luglio 1991, al termine del processo d'appello, fu confermata l'assoluzione di Delle Chiaie[12].

Negli anni novanta l'inchiesta del giudice Guido Salvini affacciò anche un'ipotesi di connessione col fallito Golpe Borghese[51][52] e raccolse le dichiarazioni di Martino Siciliano e Carlo Digilio, ex neo-fascisti di Ordine Nuovo, i quali confessarono il proprio ruolo nella preparazione dell'attentato, ribadendo le responsabilità di Freda e Ventura; in particolare Digilio sostenne di aver ricevuto una confidenza in cui Delfo Zorzi gli raccontava[53] di aver piazzato personalmente la bomba nella banca. Zorzi, trasferitosi in Giappone nel 1974, divenne un imprenditore di successo. Ottenne la cittadinanza giapponese che gli garantì poi l'immunità all'estradizione.

Il nuovo processo cominciò il 24 febbraio 2000 a Milano. Il 30 giugno 2001 furono condannati all'ergastolo Delfo Zorzi (come esecutore della strage), Carlo Maria Maggi (come organizzatore) e Giancarlo Rognoni (come basista). Carlo Digilio ottenne la prescrizione del reato per il prevalere delle attenuanti riconosciutegli per il suo contributo alle indagini, mentre Stefano Tringali fu condannato a tre anni per favoreggiamento)[54]. Il 12 marzo 2004 furono cancellati i tre ergastoli (e ridotta la condanna di Tringali da tre anni a uno)[55] e il 3 maggio 2005 la Corte suprema di cassazione ha confermato la sentenza (dichiarando prescritto il reato di Tringali)[56]. Il 12 marzo 2004 furono cancellati i tre ergastoli (e ridotta la condanna di Tringali da tre anni a uno)[55] e il 3 maggio 2005 la Corte suprema di cassazione ha confermato la sentenza (dichiarando prescritto il reato di Tringali)[57]. Al termine il processo nel maggio 2005 ai parenti delle vittime sono state addebitate le spese processuali[58]. La Cassazione, assolvendo i tre imputati, ha tuttavia affermato che la strage di piazza Fontana fu realizzata dalla cellula eversiva di Ordine Nuovo capitanata da Franco Freda e Giovanni Ventura, non più processabili in quanto assolti con sentenza definitiva nel 1987[7].

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Lapide commemorativa delle vittime dell'attentato, apposta nel decimo anniversario della strage.

I nomi delle vittime dalla bomba di piazza Fontana sono:

  • Angelo Scaglia
  • Attilio Valè
  • Calogero Galatioto
  • Carlo Gaiani
  • Carlo Garavaglia
  • Carlo Perego
  • Carlo Silva
  • Eugenio Corsini
  • Gerolamo Papetti
  • Giovanni Arnoldi
  • Giulio China
  • Luigi Meloni
  • Mario Pasi
  • Oreste Sangalli
  • Paolo Gerli
  • Pietro Dendena
  • Vittorio Mocchi

Le manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni numerose manifestazioni si sono svolte e si svolgeranno in ricordo della strage di piazza Fontana e di Giuseppe Pinelli. Diverse di tali iniziative sono degenerate in scontri tra polizia e manifestanti. In particolare il 12 dicembre 1970, ad un anno esatto dalla strage, morì lo studente Saverio Saltarelli (si veda targa commemorativa al'incrocio tra via Larga e Via Bergamini a Milano), ucciso da un lacrimogeno sparato ad altezza d'uomo dai carabinieri, durante la manifestazione del primo anniversario. Ancora oggi è attiva la contestazione, motivo ricorrente negli ambienti di sinistra milanesi e non solo, ma anche la riflessione, della quale si è fatto interprete anche il Capo dello Stato incontrando i familiari delle vittime il 7 dicembre 2009: in questa circostanza Giorgio Napolitano ha elogiato «la passione civile, l'impegno che mostrate per alimentare la memoria collettiva e la riflessione, due cose alle quali l'Italia e la coscienza nazionale non possono abdicare [...] quello che avete vissuto voi mi auguro diventi parte della coscienza nazionale [...] comprendo il peso che la verità negata rappresenta per ciascuno di voi, un peso che lo Stato italiano porta su di sé [...] La riflessione è necessaria perché ciò che è avvenuto nella nostra società non è del tutto chiaro e limpido e non è del tutto stato maturato. Continuate a operare per recuperare ogni elemento di verità». Le manifestazioni che si svolgono ogni 12 dicembre per ricordare la strage e il 15 dicembre per commemorare Pinelli, sono diventate un appuntamento ricorrente per la città di Milano. Per molto tempo la strage di piazza Fontana fu utilizzata per coprire ogni tentativo di indicare l'esistenza d'un terrorismo di sinistra, e la sua crescente pericolosità[10].

Influenze culturali[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 1971 esce per Garzanti la raccolta di poesie Trasumanar e organizzar di Pier Paolo Pasolini che comprende la poesia Patmos, in omaggio alle vittime della strage, scritta di getto all'indomani del 12 dicembre, prima della morte di Pinelli.
  • Vito Bruschini La Strage. Il Romanzo di Piazza Fontana, 2012.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco De Gregori si riferisce alla strage («Viva l'Italia, l'Italia del 12 dicembre») nella canzone Viva l'Italia inserita nell'omonimo album del 1979.
  • Pierangelo Bertoli allude al primo dei sette processi - tenutosi a Catanzaro - per individuare e punire i responsabili della strage (Dalla fuga di Kappler Catanzaro sorpresa / distende una lunga mano nera) in Nicolò, brano contenuto nel 33 giri Album del 1981.
  • Giorgio Gaber fa riferimento alla strage di piazza Fontana nella canzone Qualcuno era comunista (Qualcuno era comunista perché piazza Fontana, Brescia, la stazione di Bologna, l'Italicus, Ustica eccetera, eccetera, eccetera).
  • Nel 1992 i Fratelli di Soledad pubblicano la canzone Brescia Bologna Ustica.
  • I Modena City Ramblers citano la strage e la morte di Pinelli nella canzone Quarant'anni, contenuta nell'album Riportando tutto a casa (1994): Ho visto bombe di Stato scoppiare nelle piazze / e anarchici distratti cadere giù dalle finestre.
  • Il gruppo milanese Yu kung ha composto in memoria di questo evento la canzone Piazza Fontana. Nel 1995 la ska band italiana Banda Bassotti ha reinciso il brano, intitolandolo Luna rossa, nel loro album Avanzo de cantiere. La strage viene citata a più riprese con le parole: In piazza Fontana il traffico è animato / c'è il mercatino degli agricoltori / sull'autobus a Milano in poche ore / la testa nel bavero del cappotto alzato / Bisogna fare tutto molto in fretta / perché la banca chiude gli sportelli e successivamente: Dice la gente che in piazza Fontana / forse è scoppiata una caldaia / là nella piazza 16 morti / li benediva un cardinale.
  • I Litfiba in una versione live della canzone Il Vento, contenuta nella raccolta Lacio drom, citano l'evento: Con il cuore in quella piazza / tiene a mente Piazza Fontana.
  • I 99 Posse nella canzone Odio/Rappresaglia dell'album NA 99 10 si riferiscono all'evento con le parole: Penso al 12 dicembre '69, allo stato delle stragi, allo stato delle trame e in Rafaniello con le parole: ...cumpagne aret' 'e sbarre dint' 'e galere imperialiste, pe' mezz' 'e gli interessi d' 'o Partito Comunista, e se sparteno 'e denar' c' 'a Democrazia Cristiana, 'o partit' ca mettett' 'e bombe a piazza Fontana (...compagni dietro le sbarre dentro le galere imperialiste, a causa degli interessi del Partito Comunista, e si dividono i denari con la Democrazia Cristiana, il partito che mise le bombe a piazza Fontana).
  • I rapper milanesi Club Dogo citano implicitamente la strage nella traccia Cronache di resistenza del loro primo album Mi Fist. Jake la Furia definisce i giovani milanesi, suoi coetanei, generazione post-BR, figli della bomba, con chiaro riferimento a piazza Fontana.
  • Valerio Sanzotta ha partecipato al Festival di Sanremo 2008 con una canzone intitolata Novecento che cita la strage dicendo: E non fu solo un sogno e non ci credemmo poco / mettere il mondo a ferro e fuoco, / mentre un'altra stagione già suonava la campana / il primo rintocco fu a piazza Fontana.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Reo confesso di aver partecipato come costruttore di esplosivi, collaboratore di giustizia e condannato ma con pena prescritta; dopo la condanna in primo grado non ha fatto ricorso, quindi la sentenza è divenuta definitiva; indicato anche come colpevole nella sentenza del 2005, è deceduto in seguito per cause naturali. «Il fatto che, a distanza di oltre quaranta anni da quel tragico 12 dicembre 1969, e dopo la celebrazione di vari processi, la strage di piazza Fontana, non abbia visto alcun colpevole punito non può che determinare una generale insoddisfazione, sia sul piano giuridico che su quello sociale. Si tratta di uno stato d'animo e di un rilievo non certo attenuati dal fatto che Carlo Digilio (neofascista di Ordine Nuovo, ndr) sia stato riconosciuto in via definitiva colpevole della strage (...). Per quanto riguarda Digilio, in particolare, egli è stato condannato in primo grado, ma gli sono state concesse le circostanze attenuanti generiche per la collaborazione prestata e, dunque è stata dichiarata in sentenza l'estinzione dei reati contestatigli a seguito di intervenuta prescrizione: Tale sentenza n°15/2001 del 30 giugno 2001 della II corte d'Assise di Milano, non è stata impugnata dal Digilio ed è quindi diventata definitiva, sicché–si può dire–la sua responsabilità è stata accertata.» (Dichiarazione a Il fatto quotidiano del GIP di Milano Fabrizio D'Arcangelo).
  2. ^ a b Strage piazza Fontana, archiviate ultime inchieste: "No a indagini all'infinito"
  3. ^ La verità su Piazza Fontana
  4. ^ Strage di Piazza Fontana: buchi neri ma nessun colpevole
  5. ^ La Cassazione disse: “Il colpevole è lui, assolvetelo”
  6. ^ PIAZZA FONTANA : NON SOLO GIUSTIZIA NEGATA
  7. ^ a b Paolo Biondani, Freda e Ventura erano colpevoli, in Corriere della Sera, 11 giugno 2005, p. 16. URL consultato il 12 dicembre 2013 (archiviato il 12 dicembre 2013).
  8. ^ Franco Coppola, Strage di piazza Fontana azzerati 17 anni di indagini, in la Repubblica, 28 gennaio 1987. URL consultato il 20 novembre 2015.
  9. ^ La Storia d'Italia di Indro Montanelli – 10 – Piazza Fontana e dintorni
  10. ^ a b c d e f Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di piombo, Milano, Rizzoli, 1991.
  11. ^ Sentenze sulla strage di piazza Fontana, fontitaliarepubblicana.it.
  12. ^ a b c d e f g h Sergio Zavoli, La notte della Repubblica, Roma, Nuova Eri, 1992.
  13. ^ Orrenda strage a Milano. Tredici morti e novanta feriti, Corriere della Sera, 13 dicembre 1969.
  14. ^ Sergio Zavoli, La notte della Repubblica, Roma, Nuova Eri, 1992. La diciassettesima vittima morì un anno dopo per motivi di salute dovuti all'esplosione della bomba.
  15. ^ Una finestra sulla storia, su temporis.org. (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  16. ^ Piazza Fontana 36 anni di crimini del potere (PDF), MEDI(A)TECA, 28 aprile 2005. URL consultato il 3 maggio 2014. (a cura del Circolo anarchico Ponte della Ghisolfa) contenente gli articoli:
    • La ferma dignità di Milano monito contro la violenza, in Corriere della Sera, 16 dicembre 1969. (archiviato il ) .
    • Clamoroso colpo di scena nelle indagini sui terroristi, in La Notte, 16 dicembre 1969. (archiviato il ) .
    • Nino Nutrizio, Gesto rivelatore, in La Notte, 16 dicembre 1969. (archiviato il ) .
    • Improvviso dramma in questura: l'anarchico Pinelli si uccide, in Epoca.
  17. ^ La vedova di Pinelli presenta un nuovo esposto in Procura, in Stampa Sera, 25 giugno 1971. URL consultato il 20 novembre 2015.
  18. ^ Giuseppe D'Avanzo, Calabresi non era nella stanza quando Pinelli volò dalla finestra, in la Repubblica, 16 maggio 2002. URL consultato il 3 maggio 2014.
  19. ^ Giuseppe D'Avanzo, Definitive le condanne per Sofri e gli altri, in Corriere della Sera, 23 gennaio 1997. URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  20. ^ a b c d Audizione del dottor Antonino Allegra, Commissione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi - 73° resoconto stenografico della seduta di mercoledì 5 luglio 2000 (PDF), su parlamento.it. URL consultato il 3 maggio 2014.
  21. ^ a b c d Paolo Biondani, Non è vero, io quel giorno ero con Pinelli, in Corriere della Sera, 19 giugno 2000, p. 15. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  22. ^ a b Chi Antonio Sottosanti, su uonna.it. URL consultato il 3 maggio 2014. tratto da Eduardo M. Di Giovanni, Marco Ligini e Edgardo Pellegrini, La strage di Stato. Controinchiesta, Samonà e Savelli, 1970.
  23. ^ a b c Roberto Palermo, Io, il sosia della strage, in Diario, Enna, 30 agosto 2002. URL consultato il 3 maggio 2014. (Intervista ad Antonio Sottosanti riportata dal sito piazza-grande.it).
  24. ^ a b Morto Valpreda La storia di un ballerino anarchico che divenne un simbolo, in Quotidiano Nazionale (Milano), 7 luglio 2002. (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2013.).
  25. ^ a b Paolo Biondani, Sul taxi della strage il sosia di Valpreda, in Corriere della Sera, 19 giugno 2000, p. 15. URL consultato il 3 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  26. ^ Luciano Lanza, Bombe e segreti. Piazza Fontana: una strage senza colpevoli (PDF), Editore Elèuthera, 2005, ISBN 88-89490-12-8., reso disponibile online dal sito dall'editore con licenza Cc-by new white.svg Cc-nc white.svg Cc-sa.svg CC BY-NC-SA 2.0
  27. ^ (EN) Gordon Carr, The Angry Brigade: A History of Britain's First Urban Guerilla Group, PM Press, 2010, p. 211, ISBN 978-1-60486-049-8.
  28. ^ Luciano Lanza, I giorni delle bombe - Cronologia essenziale, Elèuthera.
  29. ^ È morto Nino Sottosanti, il «sosia di Valpreda», piazza-grande.it, 29 luglio 2004.
  30. ^ a b Giorgio Boatti, Piazza Fontana, Einaudi, 2009, p. 258, ISBN 978-88-06-20103-6. Nota 18 (Ristampa 2009).
  31. ^ D. Mart., «Nel '74 non mandò in prigione me, militante fascista, accusato per piazza Fontana» Paglia: quel magistrato è un galantuomo, Roma, Articolo 21, liberi di.... (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2008).
  32. ^ g.m.b., È morto La Bruna custode di tanti misteri, in la Repubblica (Roma), 28 gennaio 2000. URL consultato il 3 maggio 2014.
  33. ^ Giorgio Boatti, Piazza Fontana, Einaudi, 2009, p. 271, ISBN 978-88-06-20103-6. (Ristampa 2009).
  34. ^ a b Filmato audio Piazza Fontana, La Storia siamo noi, Rai.
  35. ^ Piazza Fontana 33 anni di misteri, in Repubblica.it (Roma), 7 luglio 2002. URL consultato il 3 maggio 2014.
  36. ^ Strategia della tensione e P.zza Fontana, su clarence.com. URL consultato il 3 maggio 2013.
    Interrogatorio di Aldo Moro, II tema: La cosiddetta strategia della tensione e la strage di Piazza Fontana, Estratti dei documenti della Commissione Moro e della Commissione Stragi.
  37. ^ L'estremo saluto alle vittime della strage. Colpo di scena: un fermato si uccide in questura, in Corriere della Sera, 16 dicembre 1969. URL consultato il 20 novembre 2015.
  38. ^ Mario Caprara e Gianluca Semprini, Neri, la storia mai raccontata della destra radicale, eversiva e terrorista, Roma, Edizioni tascabili Newton, 2011, p. 240.
    «Grazie alla sua testimonianza, inchioderà il presunto stragista intascando i 50 milioni della taglia. Soldi che il tassista non riuscirà nemmeno a godersi. Morirà pochi mesi dopo, il 16 luglio 1970, per una polmonite fulminante senza febbre.».
  39. ^ Mario Caprara e Gianluca Semprini, Neri, la storia mai raccontata della destra radicale, eversiva e terrorista, Roma, Edizioni tascabili Newton, 2011, pp. 240-241.
  40. ^ Vedi mappa
  41. ^ Vedi mappa
  42. ^ Giorgio Boatti, Piazza Fontana, Einaudi, 2009, p. 138, ISBN 88-07-12006-2. (ristampa 2009)
  43. ^ Istituto Gramsci, Prot. n. 2298
  44. ^
  45. ^ Commissione parlamentare d'inchiesta sul terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi - Settima relazione semestrale sullo stato dei lavori, su parlamento.it. URL consultato il 3 maggio 2014. Comunicata alle Presidenze il 12 ottobre 2000.
  46. ^ XIII Legislatura, Seduta n. 736 dell'8/6/2000., interrogazione parlamentare relativa alla "Scomparsa di documenti relativi alla «Strage di piazza Fontana» ritrovati nel covo delle Brigate Rosse a Robbiano di Mediglia - Milano".
  47. ^ Alberto Rapisarda, Il processo Valpreda si farà a Catanzaro, in Stampa Sera (Roma), 13 ottobre 1972. URL consultato il 20 novembre 2015.
  48. ^ Silvana Mazzocchi, Ergastolo a Freda, Ventura e Giannettini, colpevoli della strage di piazza Fontana, in La Stampa (Catanzaro), 24 febbraio 1979. URL consultato il 20 novembre 2015.
  49. ^ Guido Guidi, Tutti fuori, neri e rossi, in il Giornale nuovo (Catanzaro), 21 marzo 1981.
  50. ^ Diego Minuti, Delle Chiaie assolto, è già libero, in La Stampa (Catanzaro), 21 febbraio 1989. URL consultato il 20 novembre 2015.
  51. ^ Ordinanza-sentenza del giudice istruttore Guido Salvini nei confronti di Azzi Nico ed altri (1995) (PDF), archivioguerrapolitica.org.
  52. ^ Marcella Bianco, Il legame tra Piazza Fontana e il Golpe Borghese nelle recenti indagini giudiziarie, in Studi Storici, vol. 41, nº 1, gennaio 2000, pp. 37-60.
  53. ^ r. cri., «Zorzi mise la bomba in piazza Fontana», in La Stampa (Roma), 11 dicembre 1996, p. 14. (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2014).
    «Con un moto di orgoglio Zorzi mi disse che aveva partecipato all'azione di Milano e che nonostante tutti quei morti, che erano dovuti a un errore, l'azione era stata importante perché aveva ridato forza alla destra e colpito le sinistre nel Paese.».
  54. ^ Paolo Foschini, Tre ergastoli per la strage di piazza Fontana, in Corriere della Sera (Milano), 1º luglio 2001. URL consultato il 20 novembre 2015.
  55. ^ a b Luigi Ferrarella, Piazza Fontana, l'appello cancella gli ergastoli, in Corriere della Sera (Milano), 13 marzo 2004. URL consultato il 20 novembre 2015.
  56. ^ Gianfranco Zucchi, Tre ergastoli per la strage di piazza Fontana, in Corriere della Sera (Milano), 1º luglio 2001. URL consultato il 20 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il ).
  57. ^ Gianfranco Zucchi, Ultima sentenza sulla strage: neofascisti assolti, in Corriere della Sera, 4 maggio 2005. URL consultato il 20 novembre 2015.
  58. ^ Strage di Piazza Fontana, confermate le assoluzioni, in Repubblica.it (Roma), 3 maggio 2005. URL consultato il 3 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Articoli di giornale[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni televisive[modifica | modifica wikitesto]

Cronologie delle indagini[modifica | modifica wikitesto]

Altre note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]