Strade Bianche femminile 2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Italia Strade Bianche femminile 2015
Strade bianche femmes 2015.png
Percorso
Edizione
Data7 marzo
PartenzaSan Gimignano
ArrivoSiena
Percorso103 km
Tempo2h59'17"
Media34,471 km/h
Valida perCalendario internazionale femminile UCI 2015
Ordine d'arrivo
PrimoStati Uniti Megan Guarnier
SecondoGran Bretagna Elizabeth Deignan
TerzoItalia Elisa Longo Borghini
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
-Strade Bianche femminile 2016

La Strade Bianche femminile 2015, prima edizione della corsa e valida come prova dell'Calendario internazionale femminile UCI 2015, si svolse il 7 marzo 2015 su un percorso di 103 km. La vittoria fu appannaggio della statunitense Megan Guarnier,[1] che completò il percorso in 2h59'17", precedendo la britannica Elizabeth Deignan e l'italiana Elisa Longo Borghini.

Sul traguardo di Siena 57 cicliste, su 94 partite da San Gimignano, portarono a termine la competizione

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso dell'edizione 2015 si è sviluppato su una lunghezza di 103 km con partenza a San Gimignano e arrivo a Siena. Sul percorso, interamente pianeggiante, si sono incontrati 17,4 km di strade bianche, suddivisi in 5 cosiddetti settori, ciascuno caratterizzato da differente lunghezza e difficoltà (cinque stelle per i tratti più difficoltosi). La corsa si conclude sulla famosa Piazza del Campo a Siena, dopo la salita, in lastricato, di Via Santa Caterina, nel cuore della città medievale, con pendenze massime fino al 16%.[2]

Settori in strade bianche
Settore Numero Nome Chilometro Lunghezza (m) Categoria
1 San Leonardo 32,6 2200 **
2 San Martino in Grania 58,8 9500 ***
3 Prosciana 78,1 2200 **
4 Colle Pinzuto 83,7 2400 ****
5 Le Tolfe 89,9 1100 ***

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti alla Strade Bianche femminile 2015.

Resoconto degli eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo tentativo di fuga avviene dopo 58 km (a San Martino in Grania) e vede coinvolte un gruppo di quattordici atlete. Ashleigh Moolman, per rientrare sulla testa della corsa, attacca ripetutamente e questa azione seleziona di fatto il gruppo, dividendolo in due. Prima dello strappo conclusivo le I cinque atlete rimaste davanti sono: Megan Guarnier, Elizabeth Armitstead, Elisa Longo Borghini, Ashleigh Moolman e Anna van der Breggen. La statunitense, approfittando della superiorità numerica della squadra (Boels-Dolmans) e dell'attendismo in atto, riesce a prendere il vantaggio necessario per arrivare sola al traguardo.[3]

Ordine d'arrivo (Top 10)[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Stati Uniti Megan Guarnier Boels-Dolmans 2h59'17"
2 Gran Bretagna Elizabeth Deignan Boels-Dolmans a 37"
3 Italia Elisa Longo Borghini Wiggle-High5 s.t.
4 Sudafrica Ashleigh Moolman Bigla a 39"
5 Paesi Bassi Anna van der Breggen Rabo-Liv a 46"
6 Polonia Katarzyna Niewiadoma Rabo-Liv a 52"
7 Bielorussia Alena Amialiusik Canyon-SRAM a 54"
8 Ucraina Hanna Solovey Astana a 1'04"
9 Paesi Bassi Annemiek van Vleuten Bigla a 1'10"
10 Italia Elena Cecchini Lotto a 4'01"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) La corsa su CQ Ranking, su cqranking.com. URL consultato il 24 maggio 2017.
  2. ^ (EN) Anteprima corsa su Cyclingnews, su cyclingnews.com. URL consultato il 24 maggio 2017.
  3. ^ (EN) La corsa su Cyclingnews, su cyclingnews.com. URL consultato il 24 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo