Strada statale 448 di Baschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Strada Statale 448 di Baschi)
Strada statale 448
di Baschi
Strada Statale 448 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniUmbria Umbria
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSS 205 presso Baschi
FineSS 3 bis presso Ponterio di Todi
Lunghezza25,440[1] km
Provvedimento di istituzioneD.M. 18/03/1964 - G.U. 124 del 22/05/1964[2]
GestoreANAS

La strada statale 448 di Baschi (SS 448) è una strada statale italiana che si sviluppa interamente in territorio umbro.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La strada statale 448 venne istituita nel 1964 con i seguenti capisaldi d'itinerario: "Innesto Strada statale n. 79-bis «Orvietana» presso Todi - innesto Strada statale n. 205 «Amerina» presso Baschi", per una lunghezza di 21,500 chilometri[2].

Nel 1989 il tracciato della strada venne prolungato dall'innesto fra la SS 79 bis fino alla SS 3 bis presso Ponte Rio di Todi[3].

Dal 2001 al 2006 la gestione passò alla Regione Umbria che devolse le competenze alla Provincia di Perugia).[senza fonte]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Lunga poco più di 25 chilometri, si dirama dalla strada statale 205 Amerina nel territorio comunale di Baschi, pochi chilometri a sud-est di Orvieto, in provincia di Terni. Segue poi il corso del Tevere, costeggiando il lago di Corbara (scavalcandone un'insenatura mediante un ponte) e innestandosi infine nella strada statale 3 bis Tiberina (o E45) presso Todi, in provincia di Perugia.

La strada, a carreggiata unica, non attraversa alcun centro abitato. Costituisce la più scorrevole via di collegamento tra le città di Orvieto e Todi, in quanto la strada statale 79 bis Orvietana, che le connette direttamente, è di gran lunga più tortuosa e movimentata dal punto di vista altimetrico.

In base al decreto legislativo n. 112 del 1998, nel 2001 la gestione passò dall'ANAS alla Regione Umbria che devolse poi le competenze alla Provincia di Perugia mantenendone comunque la titolarità[4]; a seguito del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 novembre 2004, dal 4 settembre 2006 la gestione dell'arteria è tornata ad essere di competenza dell'ANAS[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]