Stormblåst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stormblåst
ArtistaDimmu Borgir
Tipo albumStudio
Pubblicazione1996
Durata49:40
Dischi1
Tracce10
GenereSymphonic black metal
Black metal
EtichettaCacophonous Records
ProduttoreDimmu Borgir
RegistrazioneEndless Sound Productions
NoteL'album è stato ripubblicato completamente risuonato nel 2005
Dimmu Borgir - cronologia
Album precedente
(1994)
Album successivo
(1996)

Stormblåst (in Inglese "Stormblown") è il secondo album in studio del gruppo musicale symphonic black metal norvegese Dimmu Borgir, pubblicato nel 1996.

Nel novembre del 2005 l'album uscì nuovamente sul mercato con il titolo Stormblåst MMV: una versione completamente ri-registrata e, in parte, modificata dalla band di allora, la quale si avvalse di una migliore qualità di registrazione e di strumentisti più esperti. L'atto però non ha trovato d'accordo molti dei vecchi fan, che lo hanno bollato come una mera operazione commerciale.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è cantato completamente in lingua norvegese ed è l'ultima opera in cui i Dimmu Borgir utilizzano la loro lingua madre, infatti a partire dai prossimi lavori le canzoni saranno cantate in inglese. È anche l'unico full-lenght, insieme al più recente Abrahadabra (2010) ad avere il titolo composto da una parola: i titoli degli altri album dei Dimmu Borgir sono infatti formati tutti quanti da tre parole. Questo album è considerato da più parti un capolavoro, grazie all'intelligente uso delle tastiere le quali sono usate profusamente in tutta l'opera, diventandone di conseguenza uno degli strumenti principali.[1][2]

L'introduzione dell'ultimo brano Guds Fortapelse - Apenbaring Av Dommedag è tratta dalla Sinfonia numero 9 del compositore boemo Antonín Dvořák.[1]

La canzone "Sorgens Kammer" ricopia il tema iniziale del videogioco per Amiga Agony del 1991, eseguito al pianoforte e campionato dal compositore Tim Wright. I Dimmu Borgir, però, non hanno dato i crediti della canzone a Wright per cui, dopo una lunga trattativa con l'autore, la canzone è stata tolta dalla riedizione del 2005 dell'album.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Alt Lys Er Svunnet Hen - 6:07
  2. Broderskapets Ring - 5:10
  3. Når Sjelen Hentes Til Helvete - 4:33
  4. Sorgens Kammer - 6:21
  5. Da Den Kristine Satte Livet Til - 3:08
  6. Stormblåst - 6:16
  7. Dødsferd - 5:30
  8. Antikrist - 3:43
  9. Vinder Fra En Ensom Grav - 4:28
  10. Guds Fortapelse - Apenbaring Av Dommedag - 4:24
  11. Avmaktslave (Bonus track)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gianni Della Cioppa, Heavy Metal. I contemporanei, p. 34. Giunti Editore, 2010. ISBN 978-88-09-74962-7.
  2. ^ Scheda del gruppo su Scaruffi.com
  3. ^ Tim Wright parla del tema principale di Agony (TXT), Psygnosis.org. URL consultato il 23/11/2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal