Storie - Racconto incompleto di diversi viaggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Storie (film 2000))
Jump to navigation Jump to search
Storie - Racconto incompleto di diversi viaggi
Stоrie (film 2000).png
una scena del film
Titolo originaleCode Inconnu - Récit incomplet de divers voyages
Paese di produzioneFrancia, Romania, Germania
Anno2000
Durata118 min
Generedrammatico
RegiaMichael Haneke
SoggettoMichael Haneke
SceneggiaturaMichael Haneke
Distribuzione (Italia)BiM Distribuzione
FotografiaJürgen Jürges
MontaggioKarin Hartusch, Nadine Muse e Andreas Prochaska
MusicheGiba Gonçalves
ScenografiaEmmanuel de Chauvigny e Laurence Vendroux
Interpreti e personaggi

Storie - Racconto incompleto di diversi viaggi (Code inconnu - Récit incomplet de divers voyages) è un film del 2000 diretto da Michael Haneke.

È stato presentato in concorso al 53º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Parigi, fine anni '90. Anne (Juliette Binoche), una giovane attrice, uscendo di casa incontra Jean (Alexandre Hamidi) il fratello minore del suo compagno, Georges (Thierry Neuvic), un fotoreporter spesso in giro per il mondo. Il ragazzo spiega ad Anne che è andato via di casa a causa di un litigio con il padre, il quale lo vorrebbe al lavoro nella fattoria di famiglia, ma alla richiesta di rimanere ospite per un po' di tempo viene liquidato frettolosamente poiché nell'abitazione del fratello non c'è spazio a sufficienza.

Assorto nei suoi problemi, Jean getta distrattamente una cartaccia addosso a una mendicante seduta all'angolo della strada. Mentre la donna (Luminița Gheorghiu) è sorpresa da questo gesto, un passante, Amadou (Ona Lu Yenke), chiede al giovane di scusarsi. La discussione degenera rapidamente in un violento litigio, al punto di causare l'intervento della polizia.

Da questa episodio, si snodano e si intrecciano le vite di diversi personaggi.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film è liberamente ispirato alla vita dello scrittore e reporter di guerra Oliver Weber. Il titolo originale, che in italiano si può tradurre con "codice sconosciuto", si riferisce alla difficoltà di comunicare, tema che viene trattato non in maniera astratta o filosofica, ma mostrata concretamente in diverse scene; una delle scene più significative del film è forse quella iniziale, in cui una bambina fa gesti e suoni incomprensibili per lo spettatore, fino a quando non vengono mostrati dei bambini sordomuti che la osservano e interagiscono con lei.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Official Selection 2000, festival-cannes.fr. URL consultato il 6 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema