Storia di fantasmi cinesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Storia di fantasmi cinesi
Storia di fantasmi cinesi.jpg
Wu Ma e Leslie Cheung in una scena del film
Titolo originaleSinnui yauman
Lingua originaleCinese
Paese di produzioneHong Kong
Anno1987
Durata98 min
Genereorrore, comico, fantastico
RegiaSiu-Tung Ching
SoggettoPu Songling
ProduttoreTsui Hark
MontaggioDavid Wu
MusicheRomeo Díaz, James Wong
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Storia di fantasmi cinesi è un film del 1987 diretto da Siu-Tung Ching, appartenente al "Supergenere" di Hong Kong nato negli anni ottanta. Il film appartiene a diversi generi cinematografici, tra cui ghost-story, horror, melò e commedia. Fu il trampolino di lancio per la star Joey Wong. In italia usci nel 1990. Il film ha avuto due seguiti: Storia di fantasmi cinesi 2 e Storia di fantasmi cinesi 3.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cina antica. Un giovane studente di nome Ling, si ritrova in un paese ai confini dell'Impero, per riscuotere le tasse. Ripara in una casa abbandonata, in una foresta infestata da fantasmi e mostri. Troverà lo spettro di una ragazza che si chiama Siu Sin, costretta a procurare prede (seducendo i viandanti) per il Demone dell'Albero che la tiene prigioniera con una maledizione. Nel frattempo, un monaco in missione contro le presenze soprannaturali del luogo, si allea a Ling e Siu Sin per rompere l'incantesimo e uccidere il Demone dell'Albero, in una battaglia all'ultimo sangue in un mondo parallelo dominato da demoni e spettri.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola, prodotta da Tsui Hark, è una delle prime prove convincenti come regista di film di arti marziali di Ching Siu-Tung, conosciuto fino a quel momento principalmente come attore. A partire da questo film, l'estetica barocca e la camera ipercinetica diverranno dei tratti autoriali distintivi di Ching Siu-Tung.

La storia d'amore, tra le più classiche, è sorretta da interventi in stile commedia, dalle coreografie dei duelli e da intermezzi grandguignoleschi che equilibrano gli aspetti più romantici.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema