Storia della filosofia occidentale (Russell)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Storia della filosofia occidentale
Titolo originale A History of Western Philosophy
Autore Bertrand Russell
1ª ed. originale 1945
1ª ed. italiana 1948
Genere saggio
Sottogenere storia della filosofia
Lingua originale inglese

Storia della filosofia occidentale (titolo completo: Storia della filosofia occidentale e dei suoi rapporti con le vicende politiche e sociali dall'antichità a oggi, titolo originale A History of Western Philosophy And Its Connection with Political and Social Circumstances from the Earliest Times to the Present Day) è un saggio divulgativo di storia della filosofia scritto da Bertrand Russell.

Sviluppo e stesura del libro[modifica | modifica wikitesto]

L'opera venne scritta durante la seconda guerra mondiale, mentre Russell si trovava negli Stati Uniti, e deve la propria origine a una serie di lezioni di storia della filosofia che egli tenne alla Barnes Foundation di Filadelfia tra il 1941 e il 1942.[1]

Struttura dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è composta da tre libri, ognuno dei quali diviso in parti e ulteriormente in capitoli; ogni capitolo è dedicato a un singolo autore, a una scuola filosofica o a una descrizione storica degli avvenimenti e del contesto socioculturale in cui determinate filosofie si svilupparono. La struttura dei tre libri è la seguente:

Libro primo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo libro tratta della filosofia antica. È diviso in tre parti, dedicate a presocratici, a Socrate, Platone ed Aristotele, e alla filosofia ellenistica e romana.[2]

Libro secondo[modifica | modifica wikitesto]

Il libro secondo tratta della filosofia cristiana cattolica dell'alto (i Padri) e del basso Medioevo (la Scolastica).[3]

Libro terzo[modifica | modifica wikitesto]

Il terzo libro tratta della filosofia moderna e contemporanea, dal Rinascimento a Hume, e successivamente dall'Illuminismo alle filosofie del Novecento.[4]

Accoglienza del pubblico e della critica[modifica | modifica wikitesto]

Scritta in uno stile semplice e accessibile al grande pubblico, spesso arguto quando non umoristico, l'opera ebbe notevole successo commerciale sia in Europa che negli Stati Uniti.[5]

I filosofi e in generale gli intellettuali contemporanei e posteriori a Russell si divisero circa la critica dell'opera, e questa in generale raccolse sia consensi che pesanti stroncature.[6][7] Roger Scruton, ad esempio, apprezzò l'opera, ma mosse al suo autore alcune critiche riguardo all'organizzazione del lavoro e alla gestione delle introduzioni storiche.[8]

Critiche più severe vennero da George Steiner[9] e da Yorick Smythies.[10]

Lo stesso Bertrand Russell commentò il proprio libro così:

(EN)

« I regarded the early part of my History of Western Philosophy as a history of culture, but in the later parts, where science becomes important, it is more difficult to fit into this framework. I did my best, but I am not at all sure that I succeeded. »

(IT)

« Ho trattato la prima parte del mio libro Storia della filosofia occidentale come una storia della cultura, ma nella seconda parte, quando la scienza diventa importante, questo lavoro si è fatto più difficile. Ho fatto del mio meglio, ma non sono certo di aver avuto successo. »

(Bertrand Russell, Autobiografia[11])

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Russell, Storia della Filosofia Occidentale, prefazione dell'opera citata, pag. 12
  2. ^ Bertrand Russell, Storia della filosofia occidentale, Milano, TEA, 1995, pp. 14-285, ISBN 88-7819-265-1.
  3. ^ Bertrand Russell, Storia della filosofia occidentale, Milano, TEA, 1995, pp. 286-648, ISBN 88-7819-265-1.
  4. ^ Bertrand Russell, Storia della filosofia occidentale, Milano, TEA, 1995, pp. 286-789, ISBN 88-7819-265-1.
  5. ^ Piergiorgio Odifreddi, La fortuna di Russell come storico della filosofia, in Repubblica, 15/02/2005.
  6. ^ A. C. Grayling, Russell: A Very Short Introduction (Very Short Introductions), Oxford University Press, 2002
  7. ^ Russell, L'autobiografia, Longanesi, ISBN 88-304-0406-3
  8. ^ R. Scruton, Short History of Modern Philosophy , Routledge, 2001
  9. ^ G. Steiner, Heidegger, Garzanti, ISBN 88-11-67615-0
  10. ^ R. Monk, Russell, Sansoni, ISBN 88-383-1742-9
  11. ^ B. Russell, The Autobiography of Bertrand Russell, Routledge, 2000

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN313773190 · GND: (DE1088073107