Stigghiola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stigghiola
Stigghiole alla Pescheria di Catania.JPG
Stigghiole
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniSicilia
Calabria
Zona di produzioneTutta la Sicilia, Sud della Calabria
Dettagli
Categoriasecondo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
SettoreCarni e frattaglie fresche e loro preparazione

La stigghiola è un tipico piatto della cucina siciliana e palermitana, che ha come ingrediente base le budella (in particolare quelle di agnello). È un prodotto tipico siciliano, che gode di riconoscimento ufficiale, grazie all'inserimento nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MIPAAF).[1] Diffuso anche in Calabria, specialmente nel sud della regione, con la medesima denominazione ma differente metodo di preparazione.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È un piatto che viene generalmente preparato e servito per strada dal cosiddetto stigghiularu. Consiste di budella di agnello (ma anche capretto o vitello)[2], lavate in acqua e sale, condite con prezzemolo, con o senza cipolla, infilzate in uno spiedino, o arrotolate attorno a un cipollotto, e cucinate direttamente sulla brace. Si mangiano calde, condite con sale e limone. Piatti simili sono presenti anche nella cucina greca, ne è un esempio il kokoretsi (κοκορέτσι), ovvero una sorta di grossa stigghiola cotta alla brace con all'interno interiora e frattaglie generalmente di agnello tipica del periodo pasquale, e in quella sarda (sa cordula o corda e sa trattalìa). Nella maggior parte dei casi si mangiano per strada in qualche bancarella. Caratteristico l'odore che si riconosce per strada, effetto del fumo talvolta provocato di proposito a maestria dallo stigghiolaro per attirare gente all'assaggio. La cucina calabrese, in particolare del sud della regione, prevede che le budella di agnello siano arrotolate preferibilmente attorno a degli straccetti di trippa di agnello e qualche foglia di prezzemolo: ne derivano dimensioni della stigghiola più contenute rispetto a quella tradizionale sicula, ma comunque maggiori rispetto ad un tradizionale torcinello. Oltre che alla brace, la cucina calabrese prevede e predilige questo piatto cotto in casseruola, in umido o con sugo di pomodoro e peperoncino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]