Stemma dell'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Royal Arms of England
Royal Arms of England.svg
Blasonatura
Di rosso, a tre leopardi l'uno sull'altro d'oro[1].

Lo stemma dell'Inghilterra è l'arme rappresentativa della nazione inglese e fu stemma del Regno d'Inghilterra. L'insegna consta di tre leopardi d'oro, armati e lampassati d'azzurro, ordinati in palo e posti in campo rosso:

«di rosso, a tre leopardi l'uno sull'altro d'oro[1]»

(Blasonatura)

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stemma della Normandia.
Arme d'Inghilterra. Miniatura dall'Historia Anglorum.

Esistono differenti ipotesi sulla genesi dell'arme inglese, che la vorrebbero originata dallo Stemma della Normandia: quest'ultimo, infatti, è di rosso, a due leopardi d'oro, armati e lampassati d'azzurro. Secondo una di queste teorie l'insegna d'Inghilterra fu introdotta dal re della dinastia plantageneta Riccardo Cuor di Leone, negli anni 1190, come evoluzione dello stemma del Ducato di Normandia. Secondo un'altra teoria, in seguito della conquista normanna dell'Inghilterra, fu aggiunto un terzo leopardo ai due normanni per rappresentare il "regno anglo-normanno".[senza fonte]

Secondo gli araldisti Marco Antonio Ginanni e Goffredo di Crollalanza, lo stemma dell'Inghilterra è il risultato dell'unione tra l'insegna normanna e quella di Guienna o Aquitania, che consta d'un unico leopardo d'oro in campo rosso[2][3].

«I tre Leopardi nell'Arme d'Inghilterra rappresentano l'unione della Normandia, e della Guienna, portandone questa uno, e quella due[2]

(Marco Antonio Ginanni)

Entrando più nel dettaglio, il Crollalanza puntualizza che sarebbe stato Enrico II d'Inghilterra ad aggiungere il terzo leopardo al proprio stemma: egli, infatti, sposando Eleonora d'Aquitania, avrebbe sommato il leopardo presente nell'arme della consorte ai due leopardi dell'arme normanna[3].

«Tre leporadi sono l'arma d'Inghilterra, de' quali due appartengono all'arma di Normandia e il terzo a quella d'Aquitania o Guyenna [...]. Il terzo leopardo fu aggiunto allo stemma d'Inghilterra da Enrico II, quando sposò Eleonora d'Aquitania che l'avea nelle sue arme[3]

(Goffredo di Crollalanza)

Altri esperti asseriscono che, nell'araldica delle origini, il numero delle figure araldiche su uno stemma potesse non essere sempre fissato e che sia solo una ragione di disegno se lo stemma inglese abbia finito per avere tre leopardi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]