Stefano Vaccari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefano Vaccari
Stefano Vaccari datisenato 2013.jpg

Sindaco di Nonantola
Durata mandato 23 aprile 1995 –
12 giugno 2004
Predecessore Valter Reggiani
Successore Pier Paolo Borsari

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Coalizione Italia. Bene Comune
Circoscrizione Emilia-Romagna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (dal 2007)
In precedenza:
PDS (fino al 1998)
DS (1998-2007)
Titolo di studio Diploma di Istituto Tecnico
Professione Funzionario di partito; Consulente; Responsabile relazioni esterne di impresa privata

Stefano Vaccari (Modena, 10 aprile 1967) è un politico italiano.

È stato sindaco di Nonantola dal 1995 al 2004, assessore della Provincia di Modena e senatore della XVII legislatura della Repubblica Italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Nonantola, ma vive a Spilamberto. È sposato e ha due figli. Dopo gli studi informatici presso l'Istituto tecnico industriale Fermo Corni e le prime esperienze nel settore, si dedica alla politica a tempo pieno.[1] All'inizio si occupa di cultura e aggregazione giovanile, dando vita anche a circoli giovanili. Fin dal 1988 segue attivamente la causa del popolo Saharawi ed è presidente della Associazione nazionale di solidarietà al popolo Saharawi (ANSPS) e della Associazione di solidarietà con il popolo Saharawi "Kabara Lagdaf" di Modena.[2]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua esperienza amministrativa nel 1993, come assessore alla cultura e politiche giovanili del Comune di Nonantola. Si è occupato direttamente di politiche d'integrazione e accoglienza dei cittadini stranieri, d'intercultura.

Due anni dopo, nel 1995, viene eletto sindaco del medesimo Comune per due mandati consecutivi, fino al 2004.

Dell'attività di sindaco fa parte anche la valorizzazione del salvataggio dei ragazzi ebrei di Villa Emma, avvenuto tra il 1942 e il 1943. Ne è nata nel 2003 la Fondazione Villa Emma - Ragazzi ebrei salvati, della quale è presidente a tutt'oggi.

Esauriti i due mandati come sindaco di Nonantola, viene eletto al Consiglio provinciale di Modena, e successivamente nominato assessore nel 2004, riconfermato poi nel 2009, nell'amministrazione provinciale di Emilio Sabattini.

Candidato alle elezioni primarie del centrosinistra italiano del 2012, Vaccari risulta tra i tre più votati del Partito Democratico in Provincia di Modena con 7.175 voti.[3]

Alle elezioni politiche del 2013 viene candidato ed eletto al Senato della Repubblica, tra le liste del Partito Democratico nella circoscrizione Emilia-Romagna. Al Senato è stato prima segretario, e poi capogruppo PD nella 13ª Commissione Territorio, ambiente, beni ambientali. Componente della Commissione Parlamentare Antimafia, presiede il X Comitato sulle infiltrazioni mafiose nel gioco legale e illegale, che al termine dei lavori approva una Relazione conclusiva[4] poi portata alla discussione (ed approvata con una Risoluzione) in entrambi i rami del Parlamento.[5][6][7]

Alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 viene candidato alla Camera dei Deputati, per la coalizione di centro-sinistra nel collegio uninominale di Cento, ma viene sconfitto, giungendo infatti dietro all'esponente del centro-destra Emanuele Cestari, in quota Lega. Assume il ruolo di responsabile della comunicazione dell'azienda Unieco Holding Ambiente. Continua la collaborazione con il partito a titolo volontario.[8][9][10]

Il segretario nazionale del PD Nicola Zingaretti lo chiama a far parte della Segreteria nazionale il 15 giugno 2019.[11][12] Successivamente entra anche nella Direzione nazionale del partito.[13]

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 viene candidato per la Camera dei deputati nel collegio plurinominale Emilia Romagna 02 in seconda posizione nella lista Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chi sono, su Stefano Vaccari. Sintonizzato su di noi. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2013).
  2. ^ Cosa ho fatto, su Stefano Vaccari. Sintonizzato su di noi. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2013).
  3. ^ Candidati e risultati nella Circoscrizione di Modena, in la Repubblica, 29-30 dicembre 2012. URL consultato il 27 marzo 2013. Primarie parlamentari, i risultati ufficiosi della consultazione, su Partito Democratico di Modena. URL consultato il 27 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2013).
  4. ^ Relazione sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito e illecito. Relatore Sen. Stefano Vaccari (PDF), su Camera dei deputati. Atti parlamentari, Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere. URL consultato il 3 giugno 2019.
  5. ^ Senatori Eletti (Italia ed Estero) (PDF), su senato.it, Senato della Repubblica, 16 marzo 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  6. ^ Stefano Vaccari, su storia.camera.it, Camera dei Deputati. Portale storico. URL consultato il 5 gennaio 2020.
  7. ^ Stefano Vaccari, su Senatori PD. URL consultato il 5 gennaio 2020 (archiviato il 19 agosto 2016).
  8. ^ Elezioni Camera 2018, sorpresa Lega nel collegio della Bassa/Cento. Il senatore uscente Stefano Vaccari (Pd) cede il seggio al leghista Cestari. M5S seconda forza, in ModenaToday, 4 marzo 2018. URL consultato il 12 luglio 2018 (archiviato il 9 marzo 2018).
  9. ^ Enrico Lorenzo Tidona, La coop Unieco assume l'ex senatore escluso dal listino di Renzi. Stefano Vaccari festeggia l'addio alla politica e annuncia che sarà il responsabile della comunicazione di Unieco Holding Ambiente, ramo sano della coop rossa in liquidazione dopo il crac da 600 milioni, in Gazzetta di Reggio, 31 maggio 2018. URL consultato il 12 luglio 2018 (archiviato il 4 giugno 2018).
  10. ^ Sabrina Ronchetti, Il modenese Stefano Vaccari nella segreteria nazionale del Pd, in Modenaindiretta. TRC' Modena, 16 giugno 2019. URL consultato il 12 luglio 2019 (archiviato il 5 gennaio 2020).
  11. ^ Zingaretti nomina la nuova Segreteria nazionale, su Partito Democratico, 15 giugno 2019. URL consultato il 5 gennaio 2020 (archiviato il 15 giugno 2019).
  12. ^ Stefano Vaccari torna alla politica, nominato nella segreteria nazionale del Pd. L'ex senatore aveva lasciato un anno fa dopo 31 anni di mandati amministrativi e di esperienza in Parlamento. Ora Zingaretti lo ha riconvocato, in ModenaToday, 16 giugno 2019. URL consultato il 5 gennaio 2020 (archiviato il 16 giugno 2019).
  13. ^ Direzione nazionale eletta in Assemblea nazionale il 17 marzo 2019, su Partito Democratico. URL consultato il 5 gennaio 2020 (archiviato il 2 settembre 2019).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2090010 · ISNI (EN0000 0000 5206 1105 · LCCN (ENno98109852 · WorldCat Identities (ENlccn-no98109852