Stefano Scodanibbio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stefano Scodanibbio
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica contemporanea
Periodo di attività musicale 1979-2012
Album pubblicati 12

Stefano Scodanibbio (Macerata, 18 giugno 1956Cuernavaca, 8 gennaio 2012) è stato un contrabbassista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come scrive nelle note di copertina del cd Geografia amorosa, Scodanibbio intende la propria musica come[1]

« un'espressione del desiderio di aiutare lo strumento a trovare finalmente la propria voce, dopo aver conosciuto solo il balbettio di voci inappropriate o le sadiche violenze della cosiddetta avanguardia. »

La sua opera di compositore ruota principalmente intorno al contrabbasso, strumento che suona con perizia riconosciuta, e verte sulla ricerca di nuove sonorità a partire principalmente dagli armonici naturali dei suoni, secondo la concezione di una musica radicata nelle qualità e nelle caratteristiche proprie dello strumento stesso.[2]

Studia contrabbasso con Fernando Grillo e composizione con Fausto Razzi e Salvatore Sciarrino. Grillo aveva ideato un dettagliato sistema di notazione per controllare ogni aspetto della composizione per il contrabbasso, che affascina il suo allievo grazie alla padronanza che permetteva malgrado la complessità delle nuove sonorità.[2] È sotto l'influenza del suo maestro che Scodanibbio scrive una delle prime composizioni, e/statico per contrabbasso solo (1980), che presenta notevoli similarità con Paperoles (1976) di Grillo, soprattutto nella dissezione degli oggetti sonori.[2]

Fin da giovanissimo si adopera per la rinascita del contrabbasso (il contrabbassista norvegese Håkon Thelin parlerà in proposito di “folk music per il contrabbasso”) e per divulgare le nuove tendenza della musica contemporanea europea e americana.

Nel 1983 fonda e da allora dirige la "Rassegna di Nuova Musica di Macerata". Dopo un inizio fortunato, gli spettatori della Rassegna diminuiscono drasticamente; Scodanibbio riesce a riempire di nuovo un teatro semivuoto caratterizzando alcune edizioni con musiche provenienti dall'America. In generale, nei programmi delle varie edizioni dà spazio alla dodecafonia e al minimalismo, con composizioni di Luciano Berio, Maurice Ravel, Charles Ives, Iannis Xenakis, Elliott Carter, il suo amico personale Julio Estrada e altri.[3]

Nella sua carriera ha composto oltre 50 lavori, quasi tutti per strumenti ad arco. Rispetto all'organico classico del quartetto d'archi (viola, due violini e violoncello) Scodanibbio fa riferimento a quello che chiama “vero quartetto d'archi”, nel quale un violino è sostituito dal contrabbasso:[2] a tutte le combinazioni possibili fra coppie di questi quattro strumenti sono dedicati i Six Duos scritti fra il 1990 e il 1994 e incisi nel 2001.

(EN)

« Stefano Scodanibbio is amazing.
I haven’t heard better double bass playing than Scodanibbio’s.
I was just amazed.
And I think everyone who heard him was amazed. »

(IT)

« Stefano Scodanibbio è stupefacente.
Non ho mai sentito qualcuno suonare il contrabbasso meglio di Scodanibbio.Sono rimasto letteralmente stupefatto.
E penso che chiunque lo abbia sentito sia rimasto stupefatto. »

(John Cage[4])

Oltre che esecutore tecnicamente dotato e compositore innovativo, Stefano Scodanibbio è un intellettuale completo, trovando spesso ispirazione nella letteratura e nella speculazione filosofica. Il saggio La fine del pensiero di Giorgio Agamben[5] gli fornisce riflessioni per la composizione intitolata Oltracuidansa (per contrabbasso e nastro a 8 piste con registrazioni basate su materiali sonori prodotti dal contrabbasso); per Scodanibbio quello di Agamben è un testo che spinge a riconoscere che non è possibile trovare un linguaggio adeguato al pensiero, perlomeno non un linguaggio verbale.[6] Sempre il saggio di Agamben è alla base dell'omonimo ballet scritto in collaborazione con il ballerino e coreografo Hervé Diasnas, per contrabbasso e nastro (1998), che contiene il movimento Marche bancale.

Hanno scritto per lui Brian Ferneyhough, Salvatore Sciarrino, Sylvano Bussotti, Iannis Xenakis, Fernando Mencherini, Gérard Grisey, Giacinto Scelsi, Roberto Paci Dalò,Emanuele Pappalardo, Julio Estrada. Ha collaborato a lungo con Luigi Nono.[7]

Suona regolarmente in trio con Rohan de Saram e Markus Stockhausen. Dal 1996 insegna contrabbasso ai Darmstadt Ferienkurse. Di particolare importanza le collaborazioni con il musicista Terry Riley, nonché con i coreografi e danzatori Virgilio Sieni, Patricia Kuypers, Hervé Diasnas, i poeti Edoardo Sanguineti e Gian Ruggero Manzoni, l'artista Gianni Dessì.

Nel 2002 esegue Oltracuidansa di sua composizione al Teatro Lauro Rossi per lo Sferisterio di Macerata.

Nell'ultima parte della sua vita ha vissuto principalmente a Pollenza con la moglie. Ammalatosi gravemente di sclerosi laterale amiotrofica, diagnosticata nel 2010, ha scelto di trascorrere gli ultimi giorni in Messico, paese da lui molto apprezzato; tanto che le sue ceneri sono state, per sua volontà, sparse nei giardini di due musicisti locali suoi amici:

« Ha deciso di venire a morire qui perché era innamorato del Messico, paese che visitava tutti gli anni da almeno trent'anni. Infatti le ceneri di Stefano saranno sparse in Messico, una parte nel giardino del compositore Julio Estrada e un'altra nel mio »
(Ana Lara, La Jornada[8])

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

(ES)

« Gran parte del pensamiento de Stefano tiene que ver con esa utopía y con el doble juego de la escritura muy meticulosa con la combinación de la gran libertad que es la improvisación »

(IT)

« Gran parte del pensiero di Scodanibbio ha a che vedere con l'utopia e con il doppio gioco di una scrittura molto meticolosa combinata con la grande libertà dell'improvvisazione. »

(Ana Lara[8])

La tecnica di Stefano Scodanibbio sul contrabbasso utilizza il pizzicato in alternanza a suoni “stirati” sugli strumenti a corda, corde bloccate per favorire i glissando, modifiche audaci dei registri consueti, alternanza di lieve percussione con passaggi “danzanti”. Nella composizione, lavora su una costruzione a incastro di momenti sonori che esalta le parti monotimbriche dei singoli strumenti, con alternanza di linee melodiche che si sovrappongono. I registri più bassi si inseriscono con sonorità dell'effetto lugubre.[9]

« I suoni reali sono più consistenti e hanno una presenza più “stretta”. Gli armonici invece sono gentili, distanti e, con la loro fragilità, vibranti come se esistessero solamente nella memoria. Opporre, sovrapporre o giustapporre questi due tipi di suono significa dare vita a presenze e assenze in modo da costruire racconti reali e veritieri. »
(Enzo Restagno[10])

La novità di Scodanibbio compositore è nell'uso raffinato degli armonici in ogni punto della corda, comprese la parte bassa e mediana della tastiera, con un interscambio tra toni “ordinari” e i loro armonici. Il compositore stesso ha più volte sottolineato le similitudini tra la propria tecnica sugli armonici e le percussioni tabla diffuse nel subcontinente indiano.[2]

Catalogo delle opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1979 — Oriente-Occidente, Contrabbasso solo : 20'
  • 1980 — e/statico, Contrabbasso solo: 7'
  • 1980 — Strumentale, Contrabbasso solo: 9'
  • 1980/1981 — Techne, Due chitarre : 8'
  • 1981/1982 — Verano de suerte, Chitarra solo : 7'
  • 1981/1983 — Sei Studi, Contrabbasso solo: 22'
  • 1985 — Due pezzi brillanti, Contrabbasso solo: 8'
  • 1985 — Joke 85, Violoncello solo : 4'
  • 1984—1986 — Delle più alte torri, Violoncello solo : 15'
  • 1986 — Alisei, Contrabbasso solo: 9'
  • 1985—1987 — Visas, Quartetto d'archi : 20'
  • 1984—1988 — Quando le montagne si colorano di rosa, Due chitarre : 10'
  • 1986—1988 — My new address, Violino solo : 13'
  • 1986—1989 — Tre Impromptu, Viola solo : 9'
  • 1989—1990 — Doppelselbstbildnis, Contrabbasso e sette strumenti : 13'
  • 1990-1994 - Six Duos, Strumenti ad arco : 60'
    • 1990 — Jardins d'Hamilcar, Contrabbasso e violino : 11'
    • 1991 — Escondido, Violino e violoncello : 7'
    • 1991 — Quodlibet, Viola e Violoncello : 10'
    • 1992 — Composte terre, Violino e Viola : 7'
    • 1992 — Western Lands, Violoncello e Contrabbasso : 13'
    • 1994 — Humboldt, Viola e Contrabbasso : 12'
  • 1992 — Dos abismos, Chitarra solo : 13'
  • 1993 — Visas per Vittorio Reta, radiodramma : 30'
  • 1993 — H, Nastro : 3'
  • 1994 — Geografia amorosa, Contrabbasso solo :7' (versione con effetti elettronici live : 10')
  • 1995 — Mar dell'oblio, Violino, Violoncello e Contrabbasso : 15'
  • 1997 — Postkarten, voce recitante e Contrabbasso : 30'
  • 1997 — Ecco — 21 cartoline per Edoardo Sanguineti, Contrabbasso solo : 20'
  • 1979—1997 — Voyage that never ends, Contrabbasso solo : 45'
    • 1 Voyage started
    • 2 Voyage interrupted
    • 3 Voyage continued
    • 4 Voyage resumed
  • 1998 — One says Mexico, radiodramma : 50'
  • 1998 — La fine del pensiero. Ballet, Contrabbasso e nastro : 60'
  • 1999 — Lugares que pasan, Quartetto d'archi : 18'
  • 2000 — Altri Visas, Quartetto d'archi : 20'
  • 2001 — Plaza, Quattro trombe : 10'
  • 2001 — Alfabeto apocalittico, voce recitante e Contrabbasso : 24'
  • 2001 — Only connect, Pianoforte solo : 11'
  • 2001 — Ritorno a Cartagena, Flauto solo : 8'
  • 1997—2002 — Oltracuidansa, Contrabbasso e nastro : 60'
  • 2002 — Wie der Wind es trägt, Violino, viola e violoncello : 15'
  • 2002 — Da una certa nebbia, Due contrabbassi : 17'
  • 2003 — Terre lontane, Nastro, pianoforte, contrabbasso, effetti elettronici e proiezioni video : 22'
  • 2003 — Mas lugares (sui madrigali di Monteverdi), Quartetto d'archi : 18'
  • 2004 — Lucida sidera, Quartetto di sassofoni : 10'
  • 2004 — Je m'en allais — Scene I from «Il cielo sulla terra», Violino, viola, 2 violoncelli, 2 contrabbassi e nastro registrato : 10'
  • 2005 — Amores — Scene IV from «Il cielo sulla terra», Chitarra elettrica, violino, viola, 2 violoncelli, 2 contrabbassi : 11'
  • 2005 — Itinerario Y Comentarios, (Voyage Started — Versione per sei voci e contrabbasso) : 21'
  • 2005 — Voyage resumed, Flauto contralto e nastro registrato 11'
  • 2004—2006 — Il cielo sulla terra, Teatro musicale per 2 danzatori, 15 bambini, 10 suonatori, effetti elettronici e video : 70'
  • 2006—2007 — Sì come nave pinta da buon vento — Cantata del vento buono, 3 soprani, 2 pianoforti, percussioni e voce recitante : 30'
  • 2007 — Avvicinamenti, materiali per improvvisare, Ensemble variabile, durata variabile
  • 2007 — & Roll, Contrabbasso solo : 20'
  • 2007 — Vanishing Places, 12 archi (3,3,2,2,2) : 18'
  • 2008—2009 — Interrogazioni, Contrabbasso solo : 40'
  • 1993—2010 — Concertale (new version), Contrabbasso, orchestra d'archi e percussioni : 14'
  • 2006—2010 — Lawless Roads, Pianoforte solo : 10'
  • 2005—2010 — In nomine, Flauto, clarinetto, oboe, pianoforte, violino, viola e violoncello : 5'
  • 2010—2011 — Ottetto, 8 contrabbassi : 40'

Versioni e trascrizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 — Luciano Berio: Sequenza XIVb — Versione per Contrabbasso di Stefano Scodanibbio, Contrabbasso solo : 14'
  • Canzoniere messicano, Quartetto d'archi : 18':
    • 2004 — Consuelo Velásquez: Bésame mucho
    • 2005 — José López Alavés: Canción Mixteca
    • 2006 — José Alfredo Jiménez: Cuando sale la luna
    • 2008 — German Bilbao: Sandunga
    • 2009 — Traditional: La llorona,
  • 2007—2008 — Johann Sebastian Bach: Contrapunctus I, IV e V (dall’Arte della fuga), Quartetto d'archi : 25'
  • 2007—2008 — Claudio Monteverdi: Due Madrigali, 12 Strings (3, 3, 2, 2, 2) 6'
    • Io mi son giovinetta
    • Quel augellin che canta
  • Quattro Pezzi Spagnoli, Quartetto d'archi : 16'
    • 2009 — Miguel Llobet: El testament d'Amèlia
    • 2009 — Dionisio Aguado: Andante dall'Opera 13, Libro 3
    • 2009 — Fernando Sor: Studio op. 35 n. 22,
    • 2009 — Francisco Tárrega: Lágrima
  • 2010 — Terry Riley : In D (versione per archi in Do) * Per un numero qualsiasi di contrabbassi — durata variabile

Discografia[11][modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Scodanibbio, Geografia amorosa, ed. Col Legno. n. serie WWE1CD20063, 2000
  2. ^ a b c d e Håkon Thelin
  3. ^ Giampiero Cane, Il corriere musicale, 27 aprile 2013, http://www.ilcorrieremusicale.it/2013/04/27/stefano-scodanibbio-e-la-musica-al-retrovisore/. URL consultato il 9 aprile 2014.
  4. ^ John Cage in conversation with Joan Retallack, Musicage, cage muses on word art music, Wesleyan University Press, 1996, ISBN 978-0-8195-6311-8.
  5. ^ Giorgio Agamben, La fine del pensiero, Paris, Le nouveau commerce, 1992.
  6. ^ Wolfgang Korb, note nel libretto del CD: Stefano Scodanibbio, Geografia amorosa, ed. Col Legno, 2000.
  7. ^ Scodanibbio su Discogs
  8. ^ a b MerryMacMasters, Falleció Stefano Scodanibbio, notable contrabajista y compositor italiano, jornada.unam.mx, 10 gennaio 2012. URL consultato il 9 aprile 2014.
  9. ^ Mario Gamba, Omaggio a Scodanibbio, Alfabeta2, 23 aprile 2013. URL consultato il 9 aprile 2014.
  10. ^ Enzo Restagno, note di copertina a Stefano Scodanibbio, Six Duos, CD New Albion Records, 2001
  11. ^ Discografia di Scodanibbio su Discogs

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN117563306 · LCCN: (ENnr95043520 · SBN: IT\ICCU\VEAV\047282 · ISNI: (EN0000 0000 8329 2993 · GND: (DE131526812 · BNF: (FRcb13980694m (data)